HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Italiane, chi va avanti in Champions League?
  Passerà solo la Juventus
  Juventus e Napoli
  Juventus, Napoli e Inter
  Juventus e Inter
  Juventus, Napoli e Atalanta
  Juventus, Atalanta e Inter
  Juventus, Atalanta, Napoli e Inter

La Giovane Italia
Serie A

Suso: "Potevo andar via per due anni di fila. Non devo dimostrare niente"

09.11.2019 12:45 di Gaetano Mocciaro  Twitter:    articolo letto 1812 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Intervistato da Sportweek, Suso parla della sua carriera e del famoso salto di qualità che ci si aspetta da lui: "Non esiste un punto in cui uno possa dire: sono arrivato. Si può sempre migliorare. A volte dipende dall’annata. È vero anche che in questi ultimi tempi abbiamo avuto cambi societari che hanno inciso a livello mentale, ma adesso con Elliott siamo tranquilli. Perciò sono sicuro che possiamo fare bene: abbiamo tutte le caratteristiche per riuscirci. A volte, è semplicemente una questione di tempo, anche se nelle grandi squadre non ce n’è mai. Ma siamo sulla strada giusta e con il nuovo allenatore le cose andranno meglio".

"Siamo un gruppo giovane, consapevole di dover crescere. La gente finora si è comportata benissimo. Dimostrando molta pazienza. L’anno scorso siamo arrivati a un punto dalla Champions, non si può dire che abbiamo fatto male. In questa stagione abbiamo cominciato male, ma c’è tempo per recuperare. A me piace tanto stare qua. Potevo andar via per due anni di fila, e non l’ho fatto. Sono rimasto qui perché così volevo. Io sono costato zero: per essere costato niente, credo che il mio rendimento al Milan sia stato buono. Quindi, se mi chiedi se sono contento di quel che ho dato, ti rispondo: sì, molto".

Eppure, i tifosi continuano a non essere soddisfatti del suo rendimento: "Il fatto è che io non devo dimostrare niente. Se un calciatore non viene criticato è perché da lui non si pretende niente. È stato criticato Cristiano Ronaldo, viene criticato Messi quando gioca nell’Argentina. Se devo dire che mi piace essere criticato, dico no, a nessuno piace, ma è una cosa che nel calcio esiste. Solo, non capisco chi allo stadio insulta. Non è giusto offendere chi sta facendo il proprio lavoro, ma mi rendo conto che chi paga il biglietto può dire ciò che vuole. I fischi e gli insulti non mi smontano. Lavoro con la testa per rimanere concentrato sulla partita. Continuo a provare le mie giocate, perché, se non le provo, non riusciranno mai. Ma, se solamente ne riesce una, è un gol oppure un assist".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

TMW - Milan, Kessie verso i saluti. Ma dove? Solo Cina per ora Due settimane davvero da dimenticare per Franck Kessie, centrocampista ivoriano del Milan. I rossoneri, da qualche tempo, hanno maturato l'idea di un addio per lui, causa prestazioni deludenti e richieste da top. Ne sa qualcosa il Wolverhampton che aveva chiuso, in estate, per il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510