HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Juve immobile sul mercato: è la decisione corretta?
  Si, questa squadra non ha bisogno di rinforzi adesso
  No, alla Juventus sarebbe servito un altro terzino
  No, bisognava portare subito Kulusevski a Torino
  No, il club forzi la mano per lo scambio Rakitic-Bernardeschi

La Giovane Italia
Serie A

The best american player ever. Pallotta sogna Pulisic, star a vent'anni

25.07.2018 18:00 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 12730 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

"The best American player that I've ever seen". Eddie Johnson, che è stato promessa poi mantenuta solo a metà del soccer, ritiratosi a trentuno anni per problemi di salute, ha così incoronato Christian Pulisic. Difficile dissentire dalla teoria di Johnson sul classe 1998 di Hershey, Pennsylvania. La parabola dell'esterno del Borussia Dortmund è una storia in quinta marcia: dalla città prima produttrice di cioccolato degli States, dove faceva innamorare i coach della Pennsylvania Classics, alla cantera del Borussia Dortmund nel 2015. Poi l'esordio tra i professionisti, poi il rinnovo multimilioario fino al 2020. A diciannove anni lo wonderboy di Hershey ha giocato settanta gare in Bundesliga, quindici in Champions League, sei in Europa League. Una Supercoppa tedesca dove è andato pure in gol, che sono nove in Bundes e solo uno in Champions. Pasalic è la grande speranza di una disciplina che negli Stati Uniti è l'ondivaga altalena di un sogno, poi d'un fallimento. Il mancato Mondiale, stretto sotto i colpi di Panama, è uno dei punti più bassi. Poche stelle, strisce sull'avvenire del soccer che così perde adepti e cadetti. Pare pensarci ora la Roma, reduce dall'incolpevole fallimento Malcom, ma il BVB chiede sessanta milioni perché è pure conscio di non aver soltanto il progetto di un campione già ben più che in erba, ma un capitale anche a livello di marketing. Perché Pulisic è la possibile icona di un movimento ora costretto a ripensarsi ma che se dovesse trovare la giusta quadra, avrebbe investitori degni dei più faraonici dei progetti ora esistenti. Tendenzialmente, il calcio americano ha avuto finora sempre ottimi giocatori. La lenta ma ordinata fantasia di Claudio Reyna. Il fisico e l'istinto di Brian McBride. I colpi genuini e rapaci di Clint Dempsey. L'estro di quello che finora è stato il più grande soccer player di sempre, l'eterno Laondon Donovan. Ottimi ma non stellari, però. Perché nonostante il bacino d'utenza, non è mai arrivato un predestinato capace di lasciare il segno anche sul calcio del Vecchio Continente. Christian Pulisic dalla Pennsylvania, invece, potrebbe essere qualcosa di diverso. Esterno fuori dagli schemi, dribblomane e assist man. Geniale furetto, ancora fisicamente immaturo ma coi colpi di chi è destinato ad essere qualcuno di grande. The best american player ever seen. A neanche vent'anni.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Valzer dei centrali - Tonelli-Samp, Ibanez alla Roma. Occhio a Dragovic Le ultime sulle trattative di calciomercato riguardanti i difensori centrali Tanti nomi, tante trattative. Perché il difensore centrale è una delle figure più richieste dai club di Serie A. C'è chi cerca un titolare, chi un'alternativa. Ma almeno metà della società di Serie A in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510