VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Altro

TMW Mob
Serie A

TMW RADIO - Ronchi: "Gli USA squadra finita. Kakà non ha più il passo"

13.10.2017 06:45 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 19344 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Fabio Ronchi, intermediario di mercato nordamericano, ha parlato ai microfoni di TMW Radio sul tonfo degli Stati Uniti, eliminati dal Mondiale per mano di Trinidad & Tobago. "Sicuramente è stato uno choc, oramai anche voi, come tutti, leggete gli stessi nostri articoli grazie ai social media. I tifosi sono scioccati, gli operatori sono arrabbiati, quelli che fanno calcio invece pensano che continuare così vada bene. L'eliminazione porterà a certi cambiamenti, forse qualche testa salterà perché funziona così negli States. Le bocce non sono ancora ferme, Alexi Lalas ha rilasciato un'intervista dove era arrabbiatissimo. Altri sono andati contro l'estabilishment, chiedono il licenziamento di Arena che qui credono un buon allenatore. Il problema è molto più vasto, questa squadra era già cotta e finita. Non ci sono grandi nomi"

Sul processo di crescita. "La MLS è migliorata perché ci sono giocatori più forti, perfezionati dal punto di vista tecnico e tattico, ma non mi pare che questa generazione sia sostituibile al momento. Forse bisogna solo essere messi in campo per vedere. È veramente un momento in cui la scossa è ancora troppo forte".

Sulle nuovi generazioni. "Il discorso è molto complesso, che parte dal basso verso l'alto. Parliamo dei bambini, di come sono sviluppati i giocatori, perché il sistema non dà accesso semplice per diventare calciatori. C'è una frase che si chiama pay for play che è chiave per capire il problema. L'accesso al calcio non è come il nostro, in Europa e in Sud America, buttando giù due maglioni dopo scuola, nei prati. Qui è tutto molto organizzato, servono strutture e soldi. Ogni volta bisogna pagare e non tutti sono disponibili. Gli allenamenti sono uno o due alla settimana, poi c'è il problema trasporti... Non c'è il campetto dietro scuola. Il mio bambino è più bravo di quelli della sua età, ma quando ha potuto scegliere ha preferito il baseball. Non tutti possono pagare per giocare 1000 o 2000 dollari all'anno per un'ora alla settimana più una alla domenica".

Sui Chicago Fire. "C'è un'accademia con dei bravi allenatori, ma è molto costoso farne parte. I sudamericani hanno le loro leghe ma sono emarginati, per loro è difficile entrare a far parte del sistema migliore".

Sugli stipendi. "Quando un calciatore ha fatto 10-15 anni di carriera può avere guadagnato 250 mila dollari l'anno. Che però sono stipendi da impiegati, pur di un certo livello, negli Stati Uniti. A fine carriera se sono stati bravi hanno messo via dei soldi per far partire qualcosa di loro".

Su Arena. "Dovrebbe essere l'eccellenza, da noi non sarebbe un grosso allenatore. Ora c'è la polemica di Ventura, prima era visto di buon occhio. Arena non è apprezzato, ma dopo lui c'è il nulla".

Sui giocatori e la finestra di mercato scorsa. "Ce ne sono tanti, dalla Serie A, che in modo diretto o indiretto hanno avuto successo qua. Mi viene in mente Maxi Moralez, ci sono Mancosu e Donadel. Poi si è parlato di Diamanti. Però sono sempre visti come in fondo alla carriera. Giovinco è la punta di diamante, non ha giocatori a quella altezza. È stata una scommessa andata bene per Toronto. Ora i dirigenti non vogliono i Pirlo o i Kakà, forse anche Gerrard. Li vogliono specifici, con caratteristiche precise, ma giovani. Attingere ai mercati europei non è possibile a meno di casi eccezionali".

Su Kakà. "È stato amatissimo a Orlando, nonostante fosse arrivato quando era già in declino. Credo sia il più pagato della MLS, c'è stato un discorso particolare perché la proprietà è in parte brasiliana. Lui è stato molto importante. Credo abbia vinto il premio da miglior giocatore, ma il passo non è più quello".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A
Altre notizie
Telegram
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
TMW RADIO - Ceccarini: "Cagliari, c'è anche Beretta per la panchina" Ore calde in casa Cagliari. Dopo l'esonero di Rastelli, la società sarda sta scegliendo a chi affidare la panchina rossoblù....
18 ottobre 1908, a Chiasso si gioca il primo derby di Milano Il 18 ottobre 1908 si gioca il primo derby milanese della storia. Curiosamente non in terra meneghina e nemmeno italiana: Milan-Inter...
TMW RADIO - I Collovoti: "9 a Icardi. Dybala e Higuain bocciati, 4" Torna l'appuntamento con ' I Collovoti' di Fulvio Collovati, che su 'TMWRadio' commenta la giornata di campionato appena...
#NES-tweet - #Calcio - #Napoli prima forza d'Italia. Subito dopo, vedo la #Lazio, prima di #Inter e #Juventus, per una supremazia non di individualità, ma di equilibrio. NES-tweet Da lunedì 24 luglio 2017, attuo una sinergia fra tuttomercatoweb.com, Facebook (NESTI Channel in www.carlonesti.it) e...
L'altra metà di ...Manuel Pucciarelli L'attaccante del Chievo Verona Manuel Pucciarelli e la bella fidanzata Roberta Marino si sono conosciuti circa 3 anni...
Fantacalcio, COME CAMBIA FANTACALCISTICAMENTE...IL CAGLIARI Dopo 28 mesi di fila sulla panchina rossoblù, Massimo Rastelli non è più l'allenatore del Cagliari. Le quattro sconfitte di fila, arrivate in casa contro...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 18 ottobre 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi mercoledì 18 ottobre 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.