HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » serie b » Le interviste di TB
Cerca
Sondaggio TMW
Niente Premier per Dybala: dove andrà adesso la Joya?
  Resterà alla Juventus con Sarri
  Andrà all'Inter in coppia con Lukaku
  Al PSG per l'eredità di Neymar
  A una grande di Spagna, Real o Barcellona
  Al Bayern Monaco in Bundesliga

ESCLUSIVA TB - Coppolaro (Entella): "Sta nascendo una squadra competitiva, puntiamo a salvarci il prima possibile. Mi ispiro a Puyol e sogno la Serie A"

20.07.2019 09:00 di Marco Lombardi    per tuttob.com   articolo letto 222 volte
Coppolaro
Coppolaro
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Mauro Coppolaro, neo acquisto della Virtus Entella, si è raccontato in esclusiva ai microfoni di TuttoB.com.

A Chiavari ritrovi Boscaglia, alle cui dipendenze hai militato nel Brescia. Quanto ha influito la sua presenza in panchina ai fini della tua scelta di sposare il progetto Virtus?

“E' stata sicuramente un incentivo, so come lavora il mister. Appena mi è stata prospettata la possibilità di passare all’Entella, non ci ho pensato due volte”.

Com’è stato il primo impatto con la nuova realtà?

“Qui mi trovo benissimo. Il gruppo è fantastico, per cui non ho dovuto faticare più di tanto ad inserirmi”.

Sei reduce da una stagione travagliata a Venezia culminata con una rocambolesca retrocessione, sul campo, al termine dei playout più ‘bislacchi’ che si ricordino. Sarai animato da un forte spirito di rivalsa…

“Nella maniera più assoluta. C’è tanto rammarico per un epilogo inaspettato: la squadra era partita per altri obiettivi e invece sappiamo tutti com’è andata a finire. Poi è arrivato il ripescaggio in B, ma la ferita resta. Adesso, però, voglio rifarmi con l’Entella”.

 Che Virtus sta nascendo a Sappada?

“Una squadra competitiva. Che poggia su basi solide, essendo in gran parte formata dal gruppo capace di vincere il campionato di Serie C”.

Ormai sei un habituè della Serie B, che campionato ti aspetti?

“Un torneo molto competitivo, equilibrato, con piazze importanti quali Pisa e Trapani che tornano alla ribalta e grandi squadre come il Benevento e le retrocesse dalla A”.

Quali gli obiettivi personali e di squadra in vista della prossima stagione?

“I miei propositi e quelli della squadra marciano di pari passo: la priorità è salvarci il prima possibile”.

Hai cucita addosso l’etichetta di difensore ‘vecchio stampo’, ma c’è un modello a cui ti ispiri nel tuo ruolo?

“Ho sempre ammirato Carles Puyol del Barcellona, un difensore roccioso e grintoso. Un vero leader”.

Il compagno con cui hai legato di più nel mondo del calcio?

“Roberto Insigne a Latina ed Ernesto Torregrossa a Brescia: con loro mi sento spesso. Ma devo dire che ovunque sono stato ho sempre intrattenuto buoni rapporti”.

Il sogno nel cassetto di Mauro Coppolaro?

“Giocare in Serie A, dopo averla solo sfiorata con l’Udinese. Perché ciò accada dovrò lavorare sodo, cercando di migliorarmi giorno dopo giorno”.

RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, CONSENTITA PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE TUTTOB.COM


TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Articoli correlati



Altre notizie Serie B

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510