HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
La Juventus non ha confermato Allegri: siete d'accordo?
  Si, il ciclo Allegri s'è esaurito
  No, bisognava andare avanti con Allegri

La Giovane Italia
Serie C

L'editoriale sulla C - Se cadono a pezzi anche gli stadi

Editoriale di Ivan Cardia per TuttoC.com
13.02.2019 12:04 di Ivan Cardia  Twitter:    articolo letto 10346 volte

I calcinacci che cadono dalla tribuna del Porta Elisa di Lucca sono la miglior sintesi del momento. The show must go on, ma a mancare sono le fondamenta. Succede a Lucca, potrebbe succedere un po’ ovunque in giro per lo Stivale: la vera emergenza sono gli impianti, lo diciamo da tempo, ma ce ne stiamo occupando fin troppo poco. I calcinacci che cadono, però, sono anche l’immagine di un calcio che fatica ad acquisire credibilità e perde pezzi.

La settimana scorsa ci aspettavamo le esclusioni di Pro Piacenza e Matera. Dato che la speranza è l’ultima a morire, evidentemente chi di dovere ha ritenuto che qualcosa si potrebbe ancora fare, perché entrambe sono ancora in corsa. Domani i lucani andranno fuori, salvo sorprese: non scenderanno in campo, lo ha annunciato il presidente Lamberti. “Nessuno può dire ‘mai più un caso Parma’ o ‘mai più un caso Modena’: lo disse Gravina un paio di anni fa, aveva ragione e lo stiamo per verificare. Perché il nuovo caso Modena è alle porte.

A Matera poi, si chiedono il perché di una certa disparità di trattamento: le gare del Pro Piacenza sono state sospese per evitare l’estromissione del campionato, quelle della squadra dei sassi no. È una domanda che ci è arrivata dai lettori e che giriamo a chi di dovere. Ci saranno, ci sono, ragioni oggettive per questa differenza, ma vorremmo che a spiegarle fosse chi di queste decisioni si deve occupare. E la pazienza deve avere un limite, perché un campionato con due incognite è pur sempre un campionato falsato, pur preservando la dignità che nel mandare in campo ragazzini di 16 anni al posto di professionisti va comunque a farsi benedire.

Un limite alla pazienza, però, servirà pure per quelle società, non solo Pro Piacenza e Matera, che pur non versando in situazioni disastrose come queste ultime, non hanno ancora ottemperato, per quel che sappiamo, al deposito di una nuova fideiussione. Cuneo e Lucchese, nello specifico, anche se con presupposti e motivi diversi. La domanda sorge spontanea: la possibilità di depositare una nuova garanzia a campionato in corso era già un regalo, peraltro arrivato direttamente dagli organi di giustizia sportiva e non dal Consiglio Federale. Perché non approfittarne?

Il 15 febbraio, invece, sarà ratificato il -8 in classifica con multa da 350 mila euro, quest’ultima da pagare entro un mese per evitare l’esclusione. -8 e 350 mila euro di multa, a questo punto della stagione, vogliono dire privarla di ogni senso, se pure si ha l’intenzione di andare avanti. La possibilità di mettersi in regola aveva fatto storcere la bocca a tante altre società che avevano dovuto esserlo, in regola, già a inizio stagione. O che erano andate anche oltre. Pensiamo al caso del Como, che resta un paradosso quasi inspiegabile. È un regalo, appunto: la Reggina ne ha approfittato e non tutti ne sono stati contenti, ma almeno la nuova società ha dimostrato serietà e capacità, non soltanto economiche. Perché tutto tace, da Cuneo e da Lucca?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie B

Primo piano

FOCUS TMW - Classifiche a confronto: -2 Juve, +6 Atalanta. Fiorentina: -17! Classifiche a confronto a 90 minuti dalla fine della Serie A 2018/19. Rispetto a un anno fa, la Juventus campione d'Italia ha due punti in meno. Meno nove per il Napoli, che ha confermato il secondo posto, addirittura meno undici per la Roma che, a meno di clamorosi ribaltoni, resterà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510