HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Roma, Totti lascia dopo 30 anni. Quale futuro ora per il Pupone?
  Reintegro nella Roma il prima possibile, non può esserci altra soluzione
  Direttore tecnico in un altro top club, che non sia la Lazio
  Carriera in federazione, sull'esempio di Riva e altri simboli azzurri
  Dirigente di alto profilo in Nazionale, la sua esperienza può far comodo a Mancini
  Un nuovo incarico all'estero, magari alla UEFA o alla FIFA

La Giovane Italia
Serie C

Novara, Sannino: "Non bisogna illudersi né buttarsi giù"

23.03.2019 21:57 di Alessandra Stefanelli   articolo letto 2292 volte
Fonte: TuttoC.com
© foto di Federico Gaetano

Al termine del pareggio a reti bianche nello scontro piemontese contro il Gozzano, a fare il punto in casa Novara è l'allenatore Giuseppe Sannino. Queste le sue dichiarazioni: “Il succo di questa partita è che il Novara deve ripartire, dopo il disastro di Cuneo, avendo delle certezze. Cosa vuol dire? Non aver paura di giocare, tenere il pallino in mano per tutto l'arco della partita. Abbiamo calciato molto in porta, anche se senza fare gol conta poco. Quello che m'interessava dopo settimana scorsa è aver ritrovato una squadra che ha tutta la possibilità di far felici i tifosi. Nel calcio basta anche un pizzico di fortuna che ti cambia un attimo il momento, ma questa bisogna andarsela a cercare. Con il rigore di Buzzegoli si sarebbe chiusa la partita, ma non dobbiamo soffermarci su questo. Un problema del Novara era quello di arrivare poco in area di rigore avversaria, oggi ci siamo arrivati. Non devo star qui a cercare delle scuse, vi dico quello che siamo e quello che vogliamo diventare. Partiamo con Bove infortunato, Rigione che si fa male, mettiamo dentro giocatori che non sono in condizione. Gioco con dei ragazzini che per me sono la linfa del Novara, però non bisogna buttarli e mandarli allo sbaraglio: è giusto che loro diventino determinanti nel prosieguo della storia della squadra. Perciò andiamo a casa con l'aver trovato nei ragazzi la voglia di giocare a palla”.

Il tecnico prosegue nel suo intervento: “Contro il Gozzano bisognava vincere? Hanno fatto un gran campionato, mi aspettavo una squadra ancor più garibaldina. Per quello che ho visto finora pensavo potesse essere una squadra che ti mettesse più in difficoltà. Io dico complimenti al mister per quello che ha fatto, però dobbiamo guardare in casa nostra. Non bisogna né illudere né buttarsi giù: questo è quello che vorrei in questo momento. Io sono appena arrivato, ma mi sento già dentro questo finale di stagione del Novara. Il tifoso quest'anno è amareggiato e non posso inventare delle scuse, però abbiamo questi ragazzi con cui arrivare il più lontano possibile. La verità è questa. Se pensate che io vi venga a dire “Abbiamo fatto bene, però...” ci buttiamo dentro un ginepraio e non ne usciamo più. Partiamo dalla partita di oggi sotto certi aspetti”.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie C

Primo piano

Un talento al giorno, Pedrinho: usa, e a volte abusa, della su tecnica Pedrinho è un soprannome così comune in Brasile che si rischia di fare confusione. Ma di questo bel giocatore però ne sentiremo parlare in breve anche in Europa. Classico numero 10, è un vero metronomo nelle azioni di attacco distribuendo palloni con precisione e velocità. Si fa valere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510