HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Serie C

Reggiana, Spanò sbotta: "Il rispetto non dura un solo minuto"

13.03.2018 17:56 di Tommaso Maschio   articolo letto 3913 volte

Il difensore della Reggiana Alessandro Spanò non ce la fa a tenersi tutto dentro e far buon viso a cattivo gioco e dopo gli insulti ricevuti da un suo compagno nella sfida contro la Fermana, arrivati a pochi minuti di distanza dal minuto di silenzio per la prematura scomparsa del difensore della Fiorentina Davide Astori, ha deciso di affidare ai propri profili social l'amarezza e la rabbia per quanto accaduto: “Ci siamo uniti tutti. Minuto di silenzio. Un semplice, ma incredibile profondo momento di rispetto. Rispetto, quello che dopo pochi minuti dal fischio d'inizio sembra completamente svanito. Dagli spalti si sente ripetutamente urlare nei confronti di un compagno I tuoi figli devono morire. Inutile dire che l'unica sua colpa fosse quella di essere un avversario. Oggi non me la sento di far finta di nulla. A Loro dico, col più profondo disprezzo forse pensavate di ferire, forse vi fa sentire forti, ma la realtà è che siete delle piccole e deboli persone, che i palesano per quel poco che sono, ma noi non ve la daremo vinta. - continua Spanò - Per concludere, mi rivolgo a tutta la stragrande maggioranza delle varie tifoserie, quella sana, quella che viene per cantare, incitare, gioire e a volte disperarsi: portate i bambini allo stadio, insegnate loro la passione e l'amore per questo sport, ma prima di tutto insegnate loro il rispetto. E tra qualche anno, forse, il rispetto non durerà solo un minuto”.

Ci siamo uniti tutti. Minuto di silenzio. Un semplice ma incredibilmente profondo momento di rispetto. Rispetto, quello che dopo pochi minuti dal fischio d'inizio sembra completamente svanito. Dagli spalti si sente ripetutamente, nei confronti di un compagno, "I tuoi figli devono morire". Inutile dire che l'unica sua "colpa" fosse quella di essere un avversario. Oggi non me la sento proprio di fare finta di nulla. A loro dico, col più profondo disprezzo: forse pensate di ferire, forse vi fa sentire forti, ma la realtà è che siete delle piccole e deboli persone, che si palesano per quel poco che sono, ma noi non ve la daremo vinta. Per concludere, mi rivolgo a tutta la stragrande maggioranza delle varie tifoserie, quella sana, quella che viene per cantare, incitare, gioire e a volte disperarsi: portate i bambini allo stadio, insegnate loro la passione e l'amore per questo sport, ma prima di tutto insegnate loro il rispetto. E tra qualche anno, forse, il rispetto non durerà solo un minuto.

Un post condiviso da Ale Spanò (@alespano6) in data:


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Probabili formazioni

Primo piano

Un talento al giorno, Dennis Jastrzembski: l'ennesimo gioiello di origine polacca Il talento che trattiamo oggi è un attaccante tedesco con cittadinanza polacca, attaccante dell'Hertha Berlino che ha stupito con la maglia della Germania Under 17: Dennis Jastrzembski è una seconda punta che può destreggiarsi senza problemi anche come esterno d'attacco a sinistra....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->