VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Serie D

Baraldi: "Era impossibile salvare il Parma. In Lega Pro servirà rifondare"

05.02.2016 11.57 di Luca Bargellini  Twitter:    articolo letto 7060 volte
Fonte: ParmaLive.com
© foto di Image Sport

Intervenuto ai microfoni di TvParma, l'ex amministratore delegato gialloblù Luca Baraldi ha parlato a lungo del Parma, sia in ottica futura che del recente triste passato: "Era impossibile salvare il Parma. Al di là del sottoscritto, anche altri hanno provato a vedere se si potesse fare qualcosa. È stato uno scempio per noi amanti del Parma vedere quello che è successo. Si è provato a fare il possibile per tenere in vita il club, ma non c'erano le condizioni per rilevarlo. Era troppo grande il debito per giustificare la B, ma forse anche la A".

Qualcuno ha detto che sono stati messi apposta i bastoni tra le ruote per far ripartire il Parma dalla D: "No, anzi, ci tengo a dire che i curatori hanno lavorato in maniera esemplare. Hanno fatto il possibile e anche l'impossibile per provare a salvare il Parma. Purtroppo non si sapeva ciò che si comprava. È molto meglio essere ripartiti dalla D: ci stiamo facendo le ossa giuste per ripartire meglio di come avremmo fatto dalla B".

Chi faresti giocare tra Longobardi, Guazzo e Musetti?
"Longobardi, è quello che ha dimostrato di essere più leader. Può essere un punto di riferimento importante per risolvere gare bloccate come quella col Mezzolara".

Anche in D c'è un po' di pressione: "Ma sì, le dinamiche sono le stesse dei campionati professionistici. Questa squadra ha grandi mezzi, lo ha dimostrato. Noi, come Parma, siamo sotto esame tutte le domeniche, pertanto non è facile giocare. Ci sta un minimo di rilassamento, la corsa del Parma continuerà. Quello di domenica scorsa è solo un piccolissimo incidente di percorso. Paradossalmente lo 0-0 potrebbe rappresentare la molla giusta per una grande volata finale. I giocatori sono tornati sulla terra".

In caso di Lega Pro, secondo te cosa bisognerebbe fare in sede di mercato?
"Dal punto di vista tecnico, la squadra andrebbe rifondata completamente. È un campionato diverso, e poi non dimentichiamo che il Parma ha ambizioni importanti. Ci sono persone capaci nella parte tecnica, staranno studiando già la situazione. Tra l'altro non è detto che si debba spendere tanto: si può costruire una squadra di buon livello con meno soldi di quello che si possa pensare. Tuttavia gli incassi non sono sufficienti a coprire le spese, perciò presto gli azionisti dovranno mettere mano ai portafogli. Però la capacità patrimoniale degli azionisti c'è, devono avere solo la volontà di andare avanti tutti insieme. In B cambierà la musica: allora servirà un leader o un gruppo ristretto di leader. In A è ancora un altro paio di maniche, ma fino ad allora bisognerà mettere soldi. Il Parma ha azionisti e competenze tecniche per tornare nelle serie che gli competono, e poi in Emilia i giocatori vengono volentieri. Se io fossi calciatore, ad esempio, a Parma verrei anche con un euro in meno rispetto a quanto richiesto".

Torneresti a Parma?
"Sono legatissimo a Parma, per mille motivi. Non ho mai provato da nessun'altra parte le emozioni che ho provato qui. Lo farei gratis, però io ora ho preso un'altra strada, lavoro per Zanetti. Il Parma non ha bisogno di me, però se le strade dovessero nuovamente convergere... Ad ogni modo il mio eventuale ritorno nel calcio dipende molto anche da Zanetti".

E' giusto che un club come il Parma riparta dalla D?
"Ripartire dalla D è una festa, lo stiamo vedendo, però il Parma non c'entra niente con questa categoria. Inserendo il Parma in D hanno disincentivato un campionato, le altre cominciano già a vendere i giocatori perché tanto sanno già che la stagione è chiusa. Vanno riscritte le regole, bisognerebbe far ripartire i club falliti almeno dall'ultimo gradino dei professionisti".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie D
Altre notizie
Telegram
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
1 maggio 1988, il Milan batte 3-2 il Napoli, lo supera in classifica e si avvia verso lo scudetto Il primo maggio 1988 il Milan vince 3-2 contro il Napoli al San Paolo e mette un'ipoteca sullo scudetto. Alla vigilia i rossoneri inseguivano...
TMW RADIO - I Collovoti: "Icardi l'eccezione, Zapata da brividi" Top Babacar: stava prendendo qualche critica per non essere il degno sostituto di Kalinic e che non fosse da Fiorentina,...
TMW RADIO - Scanner: "Gli agenti dei calciatori, una figura discussa" In questa puntata di Scanner andata in onda su TMWRadio, l'avvocato Giulio Dini ha parlato degli agenti dei calciatori...
Juventus portabandiera e la leggenda del calcio spettacolo: Allegri ha creato un gruppo super, per un gioco semplice È' innegabile che se dobbiamo parlare di una squadra italiana che rappresenti al meglio in Europa la nostra bandiera in questo momento...
L'altra metà di ...Leonardo Perez Federica, la compagna di Leonardo Perez, attaccante dell'Ascoli, è intevenuta ai microfoni di TMWRadio nella rubrica...
Fantacalcio, RESOCONTO E TABELLINI 34^ GIORNATA Tutti i bonus e malus della 34^ giornata di Serie A       ATALANTA 2 - 2 JUVENTUS GOL (+3): Conti, Dani Alves, Freuler AUTOGOL (-2):...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 01 maggio 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi lunedì 01 maggio 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.