Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / ternana / In Primo Piano
Donnarumma: l’attaccante più letale della B, anche di Coda
martedì 24 maggio 2022, 15:00In Primo Piano
di Ternananews Redazione
per Ternananews.it

Donnarumma: l’attaccante più letale della B, anche di Coda

In questi giorni in cui si inizia a parlare di mercato iniziano a circolare anche i primi nomi per rinforzare l’attacco rossoverde. Nomi che riguardano anche l’attacco, che certamente ha ben figurato durante questa stagione.

E se abbiamo parlato a lungo della stagione straordinaria di Partipilo (miglior assistman della B) e di quella (mezza, purtroppo) di Falletti, forse è sfuggito ai più il rendimento di Donnarumma, definito all’inizio dell’anno uno dei colpi della B.

Donnarumma è il vicecapocannoniere del campionato, con 14 gol (di cui uno su rigore): nonostante gli errori dal dischetto (due consecutivi) che sono costati cari (sopratutto psicologicamente) alla Ternana. Noi di TernanaNews in realtà di gol gliene assegniamo 15 perché quello realizzato contro il Frosinone (per la Lega autorete del portiere, visto che la palla ha preso la traversa, schiena di Minelli, e poi gol) per noi è tutto suo.

Davanti a lui solo Coda, con 20 centri. Ben 6 gol in più. Ma se andiamo ad analizzare bene i numeri già vediamo che per esempio su azione i due attaccanti hanno fatto più o meno lo stesso numero di gol. 14 il centravanti del Lecce, 13 quello della Ternana (sempre con il gol del Frosinone in sospeso, altrimenti sarebbero stati pari). Di sicuro i rigori bisogna saperli segnare e Coda ne ha trasformati ben 6.

Più di Donnarumma, Coda ha fatto anche assist (10 a 3) in virtù di un gioco impostato diversamente. Ma a differenza del rossoverde, Massimo Coda ha giocato praticamente sempre e così il numero di minuti che serve a Coda per fare un gol è leggermente inferiore di quello che serve a Donnarumma.

Praticamente Coda fa un gol ogni 146 minuti giocati, Alfredo invece uno ogni 143!

A noi basta per eleggerlo vincitore. Tanto più che vorremmo tanto mettere anche quel gol al Frosinone, ma che per evidenti motivi non possiamo! E forse è anche uno dei motivi per cui non vale la pena cambiare troppo l’attacco!