VERSIONE MOBILE
 HOME  | EVENTI TMW  | NEWS TICKER  | PARTNER  | NETWORK  | TMW RADIO CALENDARIO  | REDAZIONE  | CONTATTI  | MOBILE  | RSS  
PRIMO PIANO:
 
  HOME TMW » torino » Serie B
Serie B

I ritorni di Mauri e Iunco. Chiudere laddove la loro stella ha iniziato a brillare

11.01.2017 06:15 di Tommaso Maschio    articolo letto 10036 volte
I ritorni di Mauri e Iunco. Chiudere laddove la loro stella ha iniziato a brillare
© foto di Federico Gaetano
Certe strade sono destinate a incrociarsi nuovamente a distanza di anni. È il caso di quelle di Antimo Iunco col Cittadella e di Stefano Mauri con il Brescia. I due infatti dopo lunghi anni tornano là dove si sono imposti all'attenzione generale con l'obiettivo di dare ancora il loro contributo a due squadre in piena lotta per un posto nei prossimi play off. Il primo torna in Veneto dopo sei anni e mezzo in cui non è mai riuscito a replicare le ottime cose fatte vedere con la maglia granata – 32 presenze e 12 gol con la conquista degli storici play off di Serie B – girovagando in lungo e in largo per l'Italia fra Serie B (Torino e Trapani) e Lega Pro (Spezia, Alessandria e Paganese). Iunco porterà con sé qualità ed esperienza per contribuire all'ottimo, fin qui, cammino della squadra di Venturato che da neopromossa sta stupendo tutti al pari di Benevento e SPAL. Un ritorno in una piazza che ben conosce, che lo apprezza e che non lo ha mai dimenticato per dimostrare a 33 anni di poter ancora dire la sua e che gli ultimi campionati sottotono non rappresentano il suo vero valore. Per il secondo invece il ritorno nella squadra che lo ha lanciato in Serie A e verso grandi traguardi è stato qualcosa di inaspettato. Mai Mauri infatti si sarebbe mai aspettato di restare per sei mesi senza squadra dopo un decennio da protagonista in massima serie con la maglia della Lazio. Invece così è stato con la tentazione di scendere addirittura in Lega Pro per aiutare l'ex compagno Giannichedda al Racing Roma e infine la scelta di andare dall'altro amico Cristian Brocchi a Brescia col gravoso compito di non far rimpiangere il talento di Leonardo Morosini volato al Genoa in Serie A. Nel 2003-04, alla sua prima in Serie A, i gol furono 7 in 30 presenze in una squadra che aveva Roberto Baggio come stella e il solito Andrea Caracciolo come bomber che chiuse all'undicesimo posto. Allora Mauri era in rampa di lancio, oggi invece si appresta a chiudere al meglio una grande carriera aiutando un vecchio amico e la squadra che ha contribuito a far brillare la sua stella.

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Articoli correlati



Altre notizie Torino

Mihajlovic: “Perdere così con la Juve non fa piacere, ma i nostri obiettivi non cambiano”
ESCLUSIVA TG – Mandorlini: “Il Torino può veramente puntare all’Europa League perché è forte”
Zaza in rotta di collisione con il Valencia, il Torino potrebbe farci un pensierino
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
Le più lette
Sondaggio TMW
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro


   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.