VERSIONE MOBILE
 HOME  | EVENTI TMW  | NEWS TICKER  | PARTNER  | NETWORK  | TMW RADIO CALENDARIO  | REDAZIONE  | CONTATTI  | MOBILE  | RSS  
PRIMO PIANO:
 
  HOME TMW » udinese » Editoriale
Editoriale

Poche balle, siamo tornati!!!

08.01.2017 19:45 di Giacomo Treppo    per tuttoudinese.it   articolo letto 1162 volte

Non voglio vedere le statistiche e non mi interessano pagelle, migliori o peggiori. Non mi interessano disquisizioni tattiche, punti in più o punti in meno. L'Udinese è più forte dell'Inter, questo dice il campo. Poi loro hanno Perisic e il “cul de piol” (e c'era chi diceva che Sacchi era fortunato...).

Non mi interessa scrivere un editoriale lungo, perdermi nei ricordi del passato o pronosticare un luminoso futuro. Non è importante citare personaggi del passato. Io, nella mia umile casa, sul mio divano distrutto da un gatto selvatico addomesticato per convenienza, ho visto di nuovo l'Udinese con la U maiuscola. Dite quello che volete, ma ho visto una maglia le cui righe bianche e nere diventavano blu Friuli e non blu sponsor, ho visto undici giocatori più tre che ci hanno messo anima e corpo. Ho visto De Paul fare movimenti difensivi a palla lontana che nessuno fa più in A (tanto per dirla tutta, li avesse fatto chi giocava a sinistra contro il Napoli, avremmo almeno pareggiato). Ho visto Zapata lottare come un leone, altro che pantera. Poi, ha sbagliato gol che forse avrei segnato io, pazienza. Non è il campione che si diceva, probabilmente non lo diventerà mai, ma ha sudato & onorato la maglia. Ho visto un Thereau che ha coniugato anarchia e disciplina, come un gioiello grezzo che riflette la luce in maniera innovativa e affascinante. Ho visto un arbitro inventarsi un fallo immaginario quando saremmo andati più che giustamente, per legge divina mi verrebbe da dire, sul 2 a 0.

Ho visto tutti, Danilo, Felipe, Samir, Widmer... ho visto tutti davvero metterci l'anima e la sapienza calcistica, tenere bene il campo, pressare alto quando serviva e aspettare quando necessitava. Signori miei, l'Inter ha fatto due tiri in porta e due gol. A fine partita, se non è andata a rendere omaggio a piedi nudi a Castelmonte, non vincerà mai più una partita. Perché è vero, il calcio è come un film western di Sergio Leone: i meriti non centrano. Ma il tempo è gentiluomo e la fortuna aiuta gli audaci, non i timorosi che fanno più passaggi orizzontali che altro.

Bravo Delneri, brava la società, bravo chi segue la squadra. E allora sì, lo vado a ricordare il passato, il passato di un allenatore furlan: Adriano Fedele da Udine. Prese una squadra morta, uccisa da un professore troppo vanesio per insegnare calcio in terra friulana. Qua servivano zappatori e strateghi militari, gente che insegna a difendere le postazioni e che a volte l'attacco è la miglior difesa. Venne a Bologna e io ragazzino andai a vedere quel 4.2 per i felsinei assieme a mio padre. L'Udinese giocava benissimo, pareva un sogno su gambe che non si fermavano mai, ma prese quattro gol che definire imbarazzanti era dir poco. Il tecnico cambiò qualche uomo e ne venne fuori una cavalcata magnifica verso la serie A. Una sconfitta insegnò allo spogliatoio che erano forti, che erano i più forti!

Così è successo oggi. Non badate ai commentatori, ai giornalisti che cercano la polemica dove non c'è. Date a Cesare quel che è di Cesare. Siamo più forti. Noi-siamo-più-forti-dell'-Inter. Ripetetelo, convincetevi, perché è vero, è la verità, è la giustizia e l'ingiustizia del Far West, è l'epilogo della fine e il prologo di un nuovo inizio. E' la catarsi, è Gigi Delneri, è il Friuli che torna, i lupi nascosti nelle nostre valli e sulle nostre cime che scendono-finalmente-di nuovo in campo.

Ho scritto, nel precedente editoriale, che annusavo nell'aria un profumo di disciplina e mentalità, di organizzazione sana. E' la risorsa meno costosa e quella più proficua per vincere e per valorizzare: due parole che formano un volano su due antitesi che si sintetizzano nel gioco che tutti i tifosi vogliono vedere. Forse, pensavo mentre scrivevo, sono un po' troppo ottimista, sbruffoncello.

No, ricordo ancora di avere scritto “Vergognatevi” dopo un Udinese Juventus 0 a 4. Oggi, io, tifoso friulano, sono orgoglioso di questa Udinese!

Forza Udinese, forza Delneri, forza Friuli!


TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Udinese

CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
Le più lette
Sondaggio TMW
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro


   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.