VERSIONE MOBILE
 HOME  | EVENTI TMW  | NEWS TICKER  | PARTNER  | NETWORK  | TMW RADIO CALENDARIO  | REDAZIONE  | CONTATTI  | MOBILE  | RSS  
PRIMO PIANO:
 
  HOME TMW » udinese » Serie A
Serie A

Le grandi vincono anche così. L'Inter sta provando a diventarlo

Risultato finale: UDINESE-INTER 1-2
09.01.2017 09:00 di Francesco Fontana    articolo letto 6135 volte
Le grandi vincono anche così. L'Inter sta provando a diventarlo
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Un primo tempo negativo, troppo brutto per essere vero. Da una parte una squadra viva e in grande forma (l'Udinese), dall'altra una mai in partita (l'Inter), salvata da Karnezis e dalla sua lentezza nello scendere sul sinistro, apparentemente innocuo, di Ivan Perisic. Un gol importantissimo quello del pareggio, segnato proprio sul 'gong', che ha rappresentato tanto nell'economia della gara. Il secondo tempo, invece, può essere considerato sufficiente. Complice anche la stanchezza dei friulani, i nerazzurri hanno guadagnato campo provando a mettere a segno il gol del vantaggio provandoci con una buona continuità. Grandissimo lo stacco del nazionale croato, ancora lui, che batte il portiere greco con un colpo di testa forte e preciso, da mostrare ai ragazzini che si affacciano a questo sport (bravo anche il neo entrato Joao Mario, delizioso il suo cross). L'Inter porta a casa tre punti fondamentali, considerando la vittoria last minute del Napoli contro la Sampdoria di sabato sera e la risposta delle altre. Un risultato che la premia forse oltre misura, con un 2-1 che può essere giudicato come moneta troppo pesante per gli uomini di Delneri (ottimo il suo lavoro da quando è arrivato), bravissimi a mettere all'angolo l'avversario nei primi 45'. Ma Pioli ha un giocatore particolare, forse discontinuo, ma che può essere devastante. Decisivo se motivato nel modo giusto: il numero 44, l'uomo voluto fortemente da Mancini e che ha vinto, quasi da solo, la gara del 'Friuli'. Cecchino davanti, prezioso in fase di ripiegamento, perché spesso e volentieri Ansaldi ha dovuto ringraziare proprio lui se non è andato in difficoltà più del dovuto. In ottica mercato, per non rischiare di farsi convincere dalle sirene spagnole e soprattutto inglesi (Chelsea), sarà importantissimo raggiungere il terzo posto Champions League. Quel torneo che l'ex Wolfsburg sperava di giocare già da questa stagione e per il quale non c'è certezza in ottica 2017-2018. Il Napoli corre, le altre sorprendono, ma l'Inter si sta riprendendo ed è giusto per Pioli crederci. E le quattro vittorie consecutive fanno capire molto circa la bontà del suo lavoro. Prima del classico dello 'Stadium' del prossimo 5 febbraio, tre match ora assolutamente da vincere (Chievo Verona, Palermo e Pescara) ai quali si inizierà a pensare da oggi. Con tre punti in tasca che aumentano i sorrisi in quel di Appiano. Perché le grandi squadre strappano proprio le gare come quella di ieri. In cui si soffre, si va sotto, si rischia di affondare, ma che alla fine vengono riprese. Le big vincono anche così. E l'Inter sta provando a diventarlo.

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Udinese

ESCLUSIVA TU - AMETRANO sull'Under 15: "Fin qui un'ottima stagione. Ora l'ultimo passo"
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
Le più lette
Sondaggio TMW
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara


   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.