Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / atalanta / Rassegna Stampa
Scalvini: "L'atmosfera di San Siro mi carica. Nazionale, che emozione: tutto passa dalla Dea"
venerdì 23 febbraio 2024, 00:22Rassegna Stampa
di Redazione TuttoAtalanta.com
per Tuttoatalanta.com

Scalvini: "L'atmosfera di San Siro mi carica. Nazionale, che emozione: tutto passa dalla Dea"

Il giovane difensore dell'Atalanta, Giorgio Scalvini, ha parlato anche del sogno di vestire la maglia della Nazionale nella lunga intervista concessa oggi a Tuttosport: "È sempre una grande emozione vestire la maglia della Nazionale. Quando abbiamo vinto l’Europeo io ero a casa che esultavo e giocavo con la Under 19. La convocazione comunque passa da quello che riuscirò a fare con la maglia della Dea".

Sull'emozione di giocare a San Siro, prima contro il Milan e poi contro l'Inter, Scalvini ha invece aggiunto: "San Siro è uno stadio che ti mette pressione. Affascinante, imponente. Vederlo pieno è qualcosa di speciale, ci ho giocato con l’Atalanta contro il Milan Campione d’Italia e contro l’Inter finalista di Champions; in Coppa Italia e ancora con la Nazionale. Personalmente, quel tipo di atmosfera mi carica molto".

Su mister Gasperini Scalvini ha poi aggiunto: "Mi ricordo i primi allenamenti, lui ti tratta come se fossi uno del gruppo da tanto tempo. E questo è già un grande vantaggio. Ti senti importante. Sono cresciuto parecchio, sia sul piano tattico che tecnico ma anche di personalità. Nelle scelte".

Il prolungamento del contratto: "Grandissima felicità. Sono grato alla società, sono molto legato alla famiglia Atalanta. Ero un bambino, ora sto diventando uomo sempre con questa maglia. Sono felicissimo di stare qua, il mio unico pensiero è l’Atalanta e voglio solo migliorare. Con il lavoro. Ogni giorno".

Chiosa sulla sulla Dea e la sua stagione: "Posso dire che siamo un grande gruppo, in campo e fuori, il rapporto è splendido. Ci sono giocatori di grande qualità e dobbiamo solo continuare a spingere cercando di eliminare quegli errori che ancora commettiamo. Guardiamo avanti con fiducia".