Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / bari / In Tackle
Tangorra in... tackle: "Rottura tra proprietà e tifoseria difficile da ricomporre. Nonostante la salvezza, annata disastrosa"
venerdì 24 maggio 2024, 19:30In Tackle
di Alessio Bonavoglia
per Tuttobari.com

Tangorra in... tackle: "Rottura tra proprietà e tifoseria difficile da ricomporre. Nonostante la salvezza, annata disastrosa"

Nell'ambito della rubrica di TuttoBari Tangorra in...tackle, abbiamo intervistato l'ex calciatore del Bari Massimiliano Tangorra. Con l'ex biancorosso abbiamo parlato dell'andata dei playout contro la Ternana, pareggiata 1-1 dai galletti.

"Sospiro di sollievo, l’obiettivo è stato raggiunto con una partita ineccepibile. Fortunatamente l'ultima gara è stata pressoché perfetta, del reso solo così il Bari si sarebbe potuto salvare. La vittoria è stata strameritata, sotto qualsiasi punto di vista il Bari è stato superiore alla Ternana. Il vantaggio a livello mentale di dover vincere ha dato una spinta in più rispetto ad un avversario che ho visto più intimorito del solito".

Su Di Cesare, arrivato (forse) all'ultima gara della sua carriera: "Ho sempre sostenuto che Di Cesare sia un esempio da seguire, come senso di appartenenza, attaccamento alla maglia e professionalità. Dispiace sia arrivato a fine carriera: non so se continuerà, ma se lascerà il calcio giocato rimarrà comunque nell'ambiente, e con la sua esperienza e i suoi valori potrà ancora dare il suo contributo al calcio e al Bari".

Sul futuro, se sarà ancora con i De Laurentiis o no: "Non so quello che accadrà vista la rottura con la tifoseria e la piazza, e non so se potrà essere ricomposta. Nonostante la salvezza raggiunta, non dobbiamo dimenticare che quest'anno è stato un fallimento: salvarsi attraverso i playout non è stato un miracolo sportivo. Una squadra che, a detta della società, avrebbe dovuto quanto meno fare il campionato di vertice dello scorso anno, e non lottare per non retrocedere. Il timore è stato percepito da tutti e tastato con mano, perché la squadra per tutto l'anno non ha avuto continuità di risultati, non è riuscita ad esprimersi ed è stata capace di far cambiare quattro allenatori. Questo è stato un anno disastroso, ma da questi errori dovrebbero ripartire tutti, in primis il presidente".

Sulle prossime scelte, dal ds all'allenatore: "Prematuro parlare di scelte, la proprietà deve capire prima se rimettersi al timone o no. Dovrebbero fare una totale rivoluzione, oppure lasciare tutto nelle mani di un'altra proprietà".