Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / empoli / Serie A
Maleh: "Questo Empoli è più squadra. La risalita è dipesa dall'atteggiamento"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 22 febbraio 2024, 16:08Serie A
di Luca Bargellini

Maleh: "Questo Empoli è più squadra. La risalita è dipesa dall'atteggiamento"

Con l'arrivo di Davide Nicola l'Empoli ha iniziato, probabilmente per la prima volta in stagione, a macinare gioco e risultati. L'ultimo dei quali nel derby pareggiato 1-1 al 'Castellani' contro la Fiorentina. Uno dei motori del club azzurro in questo periodo di ascesa si è dimostrato essere Youssef Maleh, centrocampista italo-marocchino che Nicola ha schierato titolare in 4 delle 5 gare dirette finora (2 vittorie e 3 pareggi). "La differenza la fa l’atteggiamento - racconta il centrocampista nel corso di un'intervista rilasciata al Corriere dello Sport -, che ora è diverso. Siamo riusciti a cambiarlo grazie al lavoro che stiamo facendo. In estate qui ci sono stati tanti nuovi arrivi e abbiamo faticato anche per questo. Ora siamo più squadra, in tutti i sensi".

Tutto questo focalizzato alla terza salvezza consecutiva in Serie A che per l'Empoli sarebbe un record storico: "Quando sono arrivato in tanti parlavano di questo obiettivo. Adesso cerchiamo di non pensarci troppo. Se continuiamo così fare la storia del club sarà una conseguenza".


Infine Maleh riserva un pensiero anche al suo passato, fra Lecce, che definisce "un periodo difficile ma importante" e quello con la stessa Fiorentina: "Posso solo ringraziare il club perché mi ha portato in Serie A, ma avevo bisogno di una continuità che a Firenze non potevo avere".