Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / empoli / Serie A
Cagliari, prima gioia in trasferta. Empoli al tappeto grazie a JanktoTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 4 marzo 2024, 08:45Serie A
di Giancarlo Cornacchia

Cagliari, prima gioia in trasferta. Empoli al tappeto grazie a Jankto

Il Cagliari di Claudio Ranieri batte l'Empoli a domicilio e si rilancia in maniera definitiva verso la salvezza. Per la squadra rossoblù trattasi della prima affermazione della stagione lontano dalle mura amiche, una vittoria di un peso specifico molto importante. L'avversario, l'Empoli per l'appunto, era in serie positiva da ben cinque turni(tre vittorie e due pareggi), l'arrivo di Davide Nicola in luogo di Aurelio Andreazzoli aveva ridato forza mentale e fisica a Caprile & co. e considerata la sconfitta del Sassuolo contro il Verona, ed il pareggio tra Salernitana e Udinese, la lotta salvezza si fa davvero molto interessante. L'impressione è che i giochi si protrarranno fino alla fine.

LE SCELTE DI SIR CLAUDIO. Sorprendendo tutti, come di suo costume, il tecnico di Testaccio conferma lo stesso undici iniziale della gara di domenica scorsa contro il Napoli, con Gaetano a supporto di Lapadula e Luvumbo. Dal canto suo i padroni di casa partono fortissimo per cercare di mettere le cose in chiaro. I rossoblù si difendono con ogni mezzo, pure qualche rudezza, ed anche grazie a qualche intervento di Scuffet evitano la capitolazione. Lapadula impegna severamente Caprile con un avvitamento di testa, poi per i rossoblù ben poca cosa in attacco.


TEGOLA LUVUMBO. A metà della prima frazione l'angolano è costretto ad alzare bandiera bianca per un indurimento muscolare (sono in attesa gli esami strumentali), e Ranieri manda in campo Zappa, avanzando Nandez sulla linea dei centrocampisti, e Gaetano al fianco di Lapadula. Una vera e propria tegola per la squadra rossoblù che nell'arco di una sola settimana aveva già perso Pavoletti e Petagna.

RIPRESA. I padroni di casa vogliono vincere ed assediano l'area rossoblù. Trovano il goal grazie a Cacace, che scaglia di violenza in rete la sfera dopo un miracolo di Scuffet, ma l'arbitro annulla dopo un lungo silent check da parte della sala VAR. Con il passare die minuti l'Empoli inizia a patire la stanchezza per lo sforzo profuso, ed i rossoblù guadagnano qualche metro. Ed arriva il goal di Jakub Jankto, al culmine di un'azione partita da Gaetano, rifinita da Zappa e conclusa a rete dal centrocampista. Per il ceco è la prima rete in campionato, arrivata dopo tante, troppe prestazioni al di sotto delle sue potenzialità. Nicola è inviperito e manda in campo tutto il suo potenziale offensivo, ma la difesa rossoblù regge l'urto soprattutto grazie ad un sontuoso Yerry Mina. Nel finale Ranieri lancia persino l'attaccante della primavera Kingstone Mutwanda, che ha lottato su ogni pallone disponibile. Ultimo brivido al 96' quando Scuffet chiude ancora la porta su Maleh.