HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » inter » Esclusive
Cerca
Sondaggio TMW
Roma, Totti lascia dopo 30 anni. Quale futuro ora per il Pupone?
  Reintegro nella Roma il prima possibile, non può esserci altra soluzione
  Direttore tecnico in un altro top club, che non sia la Lazio
  Carriera in federazione, sull'esempio di Riva e altri simboli azzurri
  Dirigente di alto profilo in Nazionale, la sua esperienza può far comodo a Mancini
  Un nuovo incarico all'estero, magari alla UEFA o alla FIFA

B. Cauet a FcIN: "Pinamonti si notava a 14 anni. Le voci su Conte parte del gioco. Empoli? Inter superiore"

22.05.2019 13:35 di Simone Togna    per fcinternews.it   articolo letto 748 volte

All’Inter ha ricoperto molteplici ruoli. Giocatore, allenatore delle giovanili e osservatore. I nerazzurri hanno rappresentato gran parte della sua vita. Benoit Cauet con la maglia della Beneamata ha vinto la Coppa Uefa del ’98, nell’anno del famigerato rigore Ronaldo-Iuliano. Un atleta che non mollava mai. E che oggi da tecnico trasmette al suo gruppo quella volontà di non darsi per vinti che lo caratterizzava in campo. Con ottimi risultati. In esclusiva per FcInterNews ecco un’intervista a 360° dell’attuale mister del Concarneau.

È reduce da una gran bella salvezza ottenuta con la squadra bretone.
"Siamo arrivati a gennaio. L’obiettivo era la permanenza nella categoria. Il target è stato raggiunto. Con il plus di aver lanciato parecchi giovani del vivaio. Molti di loro hanno così esordito nel calcio professionistico dando un grande contribuito. È andata bene. Per la felicità e la soddisfazione di tutti". 

Compresa quella di suo figlio Kevin, il suo vice.
"Lui aveva già maturato svariate esperienze all’estero. È uno che ha voglia di fare e si mette sempre a disposizione nel lavoro. Per questo l’ho scelto e devo dire che vivere insieme questo tipo di avventura ci ha arricchito, umanamente e professionalmente".

Anche il resto del suo staff è composto da professionisti piuttosto green di età. Perché in Italia è difficile puntare su questi profili?
"Tutti noi al Concarneau abbiamo dato sempre il 100% e i risultati per fortuna si sono visti. Contano le capacità, non la carta d’identità. In Francià c’è una prospettiva diversa. Abbiamo un campionato di formazione. E i calciatori bravi scendono subito in campo. Semmai se ne vanno via troppo presto, a 18-20 anni. In Italia invece è differente. Gli atleti non sono aiutati nello step di maturazione. E non sempre c’è fiducia in loro".

Lei ha conosciuto moltissimi calciatori dell’Inter Primavera. Su chi scommetterebbe? O quali sono i ragazzi che l’hanno colpita di più?
"Pinamonti già a 14 anni si capiva che avrebbe giocato in Serie A. Tra l’altro lui è tifoso nerazzurro, speriamo prima o poi possa guidare l’attacco della Beneamata. Ma anche alcuni elementi dell’ultima generazione sono molto interessanti. Merola, Schirò e Gavioli potranno arrivare lontano. Non mi sorprende leggere il loro nome accostato a squadre di Serie A. Vedi quello di Lorenzo (Gavioli ndr) col Cagliari nell’affare Barella. Meritano tanto, ne sentirete parlare. E mi faccia fare i complimenti a Roberto Samaden, un fuoriclasse nel suo ruolo di responsabile". 

Voi col Concarneau avete battuto il Laval, che è giunto quarto in classifica. Con i dovuti paragoni è come se l’Empoli vincesse con l’Inter. Come vede il match di San Siro?
"I nerazzurri giocano in casa. E sanno cosa devono fare per arrivare in Champions. Sono in linea con gli obiettivi stagionali. Serve una vittoria. Con tutto il rispetto per i toscani, una bella compagine, il team meneghino è più forte dei rivali". 

Quanto sarà importante affrontare la gara col giusto spirito? 
"La testa, e faccio un discorso generale, è tutto. Nella mia carriera ho conosciuto tanti giocatori più forti di me. Ma non avevano la giusta predisposizione. Oggi si vuole sfondare subito. Non è così. Devi lavorare ed essere disposto al sacrificio". 

Ma le voci su Conte possono avere destabilizzato l’ambiente?
"No, fa parte del gioco. In Italia è così. Già a gennaio si parlava del mister salentino, che per inciso è un grande tecnico e sembra possa allenare, oltre all’Inter, 3-4 squadre diverse nella prossima annata. Quindi il discorso dovrebbe valere per i nerazzurri ma anche per gli altri team accostati al leccese". 

Il suo sogno è di allenare l’Inter in futuro?
"Noi dobbiamo solo pedalare. E lavorare a testa bassa. Questo è quello che conta".

Chi consiglierebbe ai nerazzurri?
"Moussa Dembélé del Lione. Attaccante classe ’96 dal sicuro avvenire". 

E su Nicolas Pépé del Lille che mi dice?
“Parliamo della rivelazione del campionato. Ma credo che il costo del suo cartellino sia ormai proibitivo".

VIDEO - LA NOTTE DI MADRID: BAYERN-INTER 0-2, SIAMO CAMPIONI D'EUROPA


TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Inter

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale Inter
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510