Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / News
Giudice: "Pimco tentativo estremo di Zhang, tre anni fa la situazione era drammatica"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 22 maggio 2024, 22:33News
di Marco Pieracci
per Linterista.it

Giudice: "Pimco tentativo estremo di Zhang, tre anni fa la situazione era drammatica"

Il giornalista del Corriere dello Sport Alessandro Giudice è intervenuto su Sky Sport per spiegare i passaggi che hanno portato al cambio della guardia ai vertici dell'Inter: "La trattativa con Pimco è stato un estremo tentativo di Zhang quando ha capito che con Oaktree non sarebbe andato da nessuna parte sul rifinanziamento. Quella con Pimco era un'operazione complicata per varie ragione, per prima cosa perché non è semplice concedere credito a un debitore insolvente come Zhang, con un sacco di problemi. Poi la garanzia era in mano a Oaktree, quindi bisognava svincolarla. Infine i tempi erano molto stretti: Pimco è sceso in campo alla fine di aprile, i margini non c'erano. Oaktree non ha fatto altro che valere i propri legittimi interessi. Da quel che trapela dal comunicato diramato stamattina, l'intervento del 2021 era di salvataggio perché l'Inter aveva 4 mesi di stipendi arretrati. Nell'estate successiva cedette Lukaku e Hakimi, e nonostante queste due cessioni, la perdita fu superiore ai 100 milioni di euro. Era una situazione drammatica.

Ci sarà continuità con la gestione precedente perché il management verrà confermato, sarebbe assurdo cambiarlo. Ci sono delle idee abbastanza formate da quello che so, ovvero concedere al management la libertà d'azione, con i limiti che già c'erano. L'Inter era preparata a fare un mercato in autosostentamento, con il monte ingaggi tenuto sotto controllo. Nel comunicato la parola chiave è 'stabilità finanziaria'. I fondi non amano molto fare iniezioni di capitale, a meno che queste siano mirate a un ritorno finanziario. Per i rinnovi si farà una valutazione sulla convenienza sull'aumentare il monte ingaggi o vendere laddove ci fossero delle opportunità di monetizzazione che l'Inter ha sempre colto in passato. Non è arrivato un nuovo proprietario che farà un mercato da 100 milioni netti, la linea sarà quella della sostenibilità".