Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Esclusive TJ
ESCLUSIVA TJ - Ormezzano ricorda l'Avvocato: "La cortesia sabauda, l'eleganza sportiva, la compartecipazione al mio amore per il Toro e gli sfottò a Boniperti..."TUTTO mercato WEB
martedì 24 gennaio 2023, 19:30Esclusive TJ
di Mirko Di Natale
per Tuttojuve.com

ESCLUSIVA TJ - Ormezzano ricorda l'Avvocato: "La cortesia sabauda, l'eleganza sportiva, la compartecipazione al mio amore per il Toro e gli sfottò a Boniperti..."

Sono già trascorsi vent'anni dalla scomparsa dell'Avvocato. Eh già, il tempo vola. E quasi non ce ne accorgiamo. Lo sa bene il collega e scrittore Gian Paolo Ormezzano, che nutriva un affetto speciale nei confronti di Gianni Agnelli. Per parlarne a cuore aperto, ha scelto di condividere con TuttoJuve.com il suo ricordo e le sue emozioni: "Il mio Gianni Agnelli non è mai stato un grande personaggio, nel senso che lui con me ha fatto di tutto per evitare di esserlo, signorilmente riuscendovi - ha dichiarato -.

Con cortesia sabauda, quando si scusava per avermi chiamato al telefono troppo presto al mattino. Con eleganza sportiva, quando mi ricordava che lui “regalò” al Filadelfia, tempio granata, un grande evento, il match di boxe fra il sommo Sugar Ray Robinson e un pugile belga. Con compartecipazione al mio amore per il Toro, spartendone una bella fetta con elogi ammirati per il Grande Torino. Con gli sfottò a Giampiero Boniperti, che sapeva mio amicissimo, da lui peraltro amato e stimato, per i suoi silenzi troppo diplomatici. Con domande bislacche, tipo «ma il nostro giocatore Padovano non le ricorda Gabetto?». Con la scelta del poco più di nessuno che ero io, in quella casa torinese dove tanti vip del nostro sport festeggiavano la conquista dei Giochi Invernali 2006: lui si sottrasse ai ringraziamenti per come e quanto si era speso per far vincere la sua città e si appartò con me a parlare, guarda un po’, di calcio", ha concluso.