HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » juventus » Serie A
Cerca
Sondaggio TMW
Italiane, chi va avanti in Champions League?
  Passerà solo la Juventus
  Juventus e Napoli
  Juventus, Napoli e Inter
  Juventus e Inter
  Juventus, Napoli e Atalanta
  Juventus, Atalanta e Inter
  Juventus, Atalanta, Napoli e Inter

Radio Bianconera

La Juve sfida Semin, l'uomo che ha scritto la storia della Lokomotiv

22.10.2019 12:00 di Marco Conterio    articolo letto 3009 volte
Fonte: dal nostro inviato all'Allianz Stadium di Torino
La Juve sfida Semin, l'uomo che ha scritto la storia della Lokomotiv
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Jurii Semin da Orenburg tra i ferrotranvieri moscoviti è una leggenda. E non perché abbia diretto vagoni o rotaie, ma per i binari sui quali ha riportato il Futbol'nyj Klub Lokomotiv Moskva. Perché all'inizio degli anni '90, dopo la caduta del Muro, la Locomotiva della Capitale, era ben distante dalle altre della città. Servì la mano dura, ferrea e tosta del classe '47 che qui aveva giocato negli anni '70. L'inizio alla fine degli anni '80, poi ininterrottamente dal '92 al 2005. Dall'Unione Sovietica al post sovietismo, Semin lasciò la Lokomotiv dopo due storici titoli, i primi della nuova era della Premier Liha. L'addio, poi il ritorno, una nuova seperazione e, dal 2016, il ritorno. In mezzo la Nazionale russa, la DInamo Mosca, la Dinamo Kiev, la provincia con Qabala, Mordovia Saransk, i rubli dell'Anzhi Makhachkala. Poi il richiamo di casa e un terzo storico titolo.

L'uomo che ha risvegliato la Locomotiva In patria il settantaduenne della zona degli Urali, a un passo dal Kazakhstan, è un vero guru. Una leggenda delle panchine. E' stato capace di trasformare quella che di fatto era l'ultima squadra di Mosca per gloria e prestigio, dopo Spartak, CSKA, Dinamo e pure Torpedo, in una che ora è in testa alla classifica e che nel post sovietismo è stata tra le più vincenti in patria. Ora gioca con un 4-4-2 atipico, con esterni molto stretti, vedi Joao Mario e Miranchuk, due punta di fisico come Eder e Djordjevic, ma storicamente Semin, e lo ha fatto pure per tutto l'inizio della stagione, ha messo in campo i suoi col 4-2-3-1 di dinamismo, corsa e sacrificio. Ha rilanciato giocatori, ultimo l'ex interista in gol pure nella gara contro l'Akhmat, e lanciato talenti. E soprattutto è un vero Guru, un intoccabile, l'uomo che ha messo la Lokomotiv sui binari della Leggenda.

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Juventus

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale Juventus
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510