HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » milan » L\'editoriale
Cerca
Sondaggio TMW
Serie A, le panchine iniziano a scottare: chi subirà il primo esonero?
  Gian Piero Gasperini (Atalanta)
  Sinisa Mihajlovic (Bologna)
  Eugenio Corini (Brescia)
  Rolando Maran (Cagliari)
  Vincenzo Montella (Fiorentina)
  Aurelio Andreazzoli (Genoa)
  Ivan Juric (Hellas Verona)
  Antonio Conte (Inter)
  Maurizio Sarri (Juventus)
  Simone Inzaghi (Lazio)
  Fabio Liverani (Lecce)
  Marco Giampaolo (Milan)
  Carlo Ancelotti (Napoli)
  Roberto D'Aversa (Parma)
  Paulo Fonseca (Roma)
  Eusebio Di Francesco (Sampdoria)
  Roberto De Zerbi (Sassuolo)
  Leonardo Semplici (SPAL)
  Walter Mazzarri (Torino)
  Igor Tudor (Udinese)

E se non fosse partito Patrick? Il gruppo: testa alta e pancia a terra. Giampaolo: equilibrio non per caso

24.08.2019 00:00 di Mauro Suma    per milannews.it   articolo letto 1179 volte
E se non fosse partito Patrick? Il gruppo: testa alta e pancia a terra. Giampaolo: equilibrio non per caso

Se il mercato del Milan dovesse chiudersi senza altri movimenti in entrata, cosa probabilissima peraltro, i primi a non esserne contenti saranno proprio Zvone Boban e Paolo Maldini. Del resto lo sapevano perfettamente anche loro che, senza cessioni di rilievo o di grande rilievo, ci sarebbe stata questa possibilità. Chissà dove sono oggi, vien da pensare, quelli che criticavano la cessione per cash di Patrick Cutrone...è stata dolorosa ma è stata l'unica cessione che il Milan è riuscito a fare in quello che doveva essere il mercato delle cessioni. Sappiamo che in cuor loro Boban e Maldini, Zvone e Paolo, volevano fare qualcosa in più. Ma anche questo è forgiarsi come dirigenti: misurarsi con le difficoltà, contemperare la logica fredda ma stringente dei numeri con quella più calda delle visioni calcistiche. Solo qualche facilone inconsapevole pensava alla super-regia, al tutto fatto, a chissà cosa. Non solo Zvone e Paolo volevano fare qualcosa in più. C'era e c'è bisogno di fare qualcosa in più. Lo sanno i tifosi, lo scrivono i tifosi, lo sanno gli uomini di calcio. Peccato per quell'infortunio di Theo Hernandez: la sua presenza in campo ad agosto avrebbe dato più luce subito alla stessa campagna acquisti. Non è bastato l'assist di Leao in Kosovo, visto che subito dopo c'è stata la serata balorda di Cesena.

Ma torniamo alle difficoltà di Boban e Maldini. Difficoltà sulle cessioni. Non tanto quelle di Donnarumma e Suso, che sono a metà fra le cessioni mancate e le conferme strategiche. Per quello che risultava a noi a inizio giugno, se non fosse partito Gigio il Milan avrebbe fatto poco o nulla in entrata. Invece Gigio è rimasto e sono arrivati 5 giocatori per un investimento totale tutto compreso di 59 milioni di euro. Non male, in piena estate FPF. Ma le cessioni mancate vere sono altre: quelle di Biglia, di Laxalt, di Kessie, di Castillejo, di Andrè Silva e lo mettiamo per ultimo perchè non è l'unico e poi perchè è troppo facile oggi fare i bulletti di periferia contro il portoghese. Il senso è comunque un altro, il senso è adesso basta. Voler restare non significa sedersi. Voler restare significa dare più di prima. Abbiamo visto il Toro sotto 3-1 contro i Wolves: pur sapendo che l'Europa League era lo specchietto per le allodole rispetto a un mercato inesistente in entrata, i giocatori granata hanno lottato e sudato lo stesso, pancia a terra lo stesso. Di espressioni e sensazioni su questo o quel progetto, su questo o quel dirigente non ne vogliamo più percepire o immaginare. Zvone e Paolo hanno dato l'anima comunque, adesso tocca a chi è rimasto fare come minimo altrettanto. In campo con l'anima sempre, per il Milan, per l'allenatore, per la maglia, per i tifosi. Chiaro?

Adesso il Milan viene accusato di essere troppo giovane. Ma la rescissione, che potrebbe diventare ufficiale la prossima settimana, di Strinic e il fastidio di Biglia, che Lucas di portava dietro già da un pò di tempo (Giampaolo dixit, al termine di una gara ICC), dicono che non si è mai abbastanza troppo giovani. Una cosa apprezziamo di Calhanoglu e cioè che inizia a correre al primo minuto e non si ferma più e quindi nel suo ruolo di centrale a Udine con la partita sulle spalle dovrà fare esattamente questo. Dobbiamo stare molto attenti alla trasferta di Udine. Giampaolo non si diverte a dosare i nuovi, rispetto ai quali confessiamo anche noi per primi di essere impazienti. Ma ha ragione lui, con il trequartista c'è troppo campo davanti alle due mezzeali e se distanze e movimenti non sono codificati l'avversario ci fa "la riga in mezzo". A proposito di movimenti, non sarebbe arrivato il momento per Piatek di dettare la profondità? A furia di venire incontro per far salire la squadra, il bomber prende le botte ed è meno puntuale in area di finalizzazione. Sarebbe ora che Kris si convinca di questo, in base naturalmente ai dettami dell'allenatore. Ragazzi, in Kosovo e a Cesena non siamo stati quelli di Cardiff. Con l'Udinese, ebbene sì, dobbiamo piuttosto essere quelli del Bayern. Compatti, seri e poi si esce per andare a far male. Consapevoli che nessuno regala nulla.


TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Milan

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510