HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » milan » Serie A
Cerca
Sondaggio TMW
Chi volete come centravanti dell'Italia a Euro2020?
  Ciro Immobile
  Andrea Belotti
  Mario Balotelli

Godin: "L'Inter come il mio Atletico Madrid. Qui si può vincere"

18.09.2019 18:00 di Pietro Lazzerini    articolo letto 5726 volte
Godin: "L'Inter come il mio Atletico Madrid. Qui si può vincere"
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Diego Godin, difensore arrivato all'Inter in estate dopo la lunga esperienza all'Atletico Madrid, ha rilasciato un'intervista a DAZN:

Vede delle somiglianze tra questa Inter e il suo Atletico Madrid?
"Sì. Per prima cosa, abbiamo una base importante e solida rappresentata dall'allenatore. Credo sia fondamentale, è la pietra sulla quale si basa tutto. A Madrid c'era Simeone, qui c'è Conte che ha una grande personalità ed è in grado di supportare il peso della squadra, della tifoseria e di trasformare tutto in energia positiva. E poi è uno che crede nel lavoro, lo sappiamo bene: nel calcio devi lavorare, essere intenso e credere in quello che fai. Il parallelismo tra quell'Atletico e l'Inter esiste. Qui siamo un gruppo nuovo, nonostante in molti siano qui da tempo. Ne sono arrivati diversi di nuovi giocatori, però effettivamente vedo la stessa unione, questa energia positiva, questa complicità, questo buon ambiente nello spogliatoio. Credo sia fondamentale. E poi l'entusiasmo della gente: è una cosa positiva. C'è un entusiasmo naturale per tutto quel che si sta costruendo e noi dobbiamo sfruttarlo questo entusiasmo. Noi da dentro il campo, trasmettendo questa energia positiva alla gente. E che la gente ricambi, nei momenti positivi e in quelli negativi, che ci saranno perché la stagione è lunga e le partite sono tante. E creo che così, stando tutti uniti, si possano ottenere ottimi risultati".

Secondo lei Diego Simeone e Conte si somigliano?
"Sì, si assomigliano. Osservandoli, la prima cosa che noti è l'intensità e la passione con le quali vivono ogni allenamento. Credo sia una componente essenziale, si vede, si trasmette. E poi come vivono le partite. Lo fanno allo stesso modo: la sentono, ogni istante. E negli allenamenti è la stessa cosa. E poi il fatto che trasmettano e credano moltissimo nelle loro idee di lavoro, la voglia di avanzare il gioco per cercare di vincere. Ovviamente, la mentalità vincente: una mentalità da allenatore che sicuramente è innata. Che li ha caratterizzati quando erano giocatori e che li caratterizza oggi da allenatori. Questa credo sia una cosa in comune tra i due".

Si appresta a vivere il primo derby di Milano, cosa si aspetta?
"È un derby, una classica. Partite così si vivono sempre in maniera speciale. So cosa significa un Clasico per il tifoso, per la gente. E quindi, di conseguenza, uno deve prepararlo, viverlo e capirlo come lo vive la gente. Poi puoi vincere o perdere, ma la gente vuole sentirsi orgogliosa dei suoi giocatori in campo. E poi la pressione: la verità p che gestisco certe situazioni diversamente, per l'esperienza, per averle già vissute. Però l'ansia, la voglia, la tensione nello stomaco tante volte prima di una partita così importante continuo a sentirle. Continuo ad avere lo stesso entusiasmo e la stessa voglia di far bene, altrimenti non sarei qui".
Segui live e in esclusiva il derby Milan-Inter di questo sabato su DAZN. CLICCA QUI e attiva il tuo mese gratis entro il 6/10/2019

Lei come reagisce alle sconfitte?
"In certe occasioni non è un giorno o cinque o due. Ognuno personalmente la assimila in maniera differente. Chiaramente perdere una finale di Champions non è come perdere una partita di campionato. Perdere una finale di Champions ti dà una sensazione di vuoto totale. Una sensazione che ti fa dire: 'Siamo arrivati fino a qui e non siamo riusciti a vincere'. Perché tu arrivi in finale per vincere, non per partecipare. E io ho sentito queste sensazioni dopo le due finali perse. Soprattutto la seconda. La prima fu diversa: avevamo vinto la Liga, ci rimase una sensazione amara, dolorosa certo, ma ci riprendemmo molto più velocemente. La seconda, invece, fu più dura proprio perché era la seconda, pensavamo: 'Stavolta la coppa è nostra'. Però poi siamo tornati, siamo tornati al vertice, a competere, a vincere. Ed è questione di mentalità, di lavoro e, come dicevo prima, di avere un allenatore con mentalità positiva, che ti spinga. Di avere un gruppo nello spogliatoio allegro, positivo, che abbia fame di lottare e vincere. E di avere l'appoggio dei tifosi: è fondamentale. Se la tua gente, che è il motore del club, non ti sostiene, non ti appoggia, non ti spinge, non ti stimola, non pretende – perché deve pretendere da te – è molto difficile ottenere cose importanti in Europa. Ma credo che l'Inter abbia tutto questo".

Cosa pensa di Cristiano Ronaldo?
"Ronaldo all'inizio ti affrontava, puntava molto di più nell'uno contro uno. Ora negli ultimi anni è diventato un attaccante molto più finalizzatore. Arriva molto bene in area avversaria. Ha un innato spirito competitivo, una voglia di vincere e fare male all'avversario. E arriva sempre in posti importanti, dove sa che lui può segnare molto".

E di Messi?
"Messi è un giocatore molto più imprevedibile di Cristiano Ronaldo. Non sai mai da che parte andrà: destra, sinistra... Non sai mai come marcarlo davvero, non puoi dire: 'Faccio così e lo annullo'. No. Altrimenti in questi anni non avrebbe segnato così tanto".

Il Barcellona ha anche un certo Luis Suarez...
"Luis è un 9 puro, impressionante. Con grande capacità di segnare e con un'enorme intelligenza emozionale".

Chi è il più complicato da affrontare?
"Difficile da dire, non puoi sceglierne uno, ognuno di loro ha tutto per fare bene. Non scelgo, sono tre troppo forti".

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Milan

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510