Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / ternana / In Primo Piano
Le 5 cose che abbiamo imparato da Reggiana-Ternana 0-2TUTTO mercato WEB
Roberto Breda Ternana
© foto di Federico Gaetano
domenica 18 febbraio 2024, 09:00In Primo Piano
di Ternananews Redazione
per Ternananews.it

Le 5 cose che abbiamo imparato da Reggiana-Ternana 0-2

Dopo il pareggio interno contro lo Spezia la Ternana conquista i tre punti in casa della Reggiana

La Ternana è tornata alla vittoria e lo ha fatto in trasferta in casa della Reggiana. Contro la squadra di Alessandro Nesta i rossoverdi hanno sfoderato una prestazione convincente segnando un gol per tempo con Sgarbi prima e Raimondo dopo.

Ecco le 5 COSE CHE ABBIAMO IMPARATO DA REGGIANA-TERNANA 0-2

LA TERNANA SA ANCORA VINCERE
Abbiamo imparato che la Ternana sa ancora vincere. E lo ha dimostrato al “Mapei Stadium” contro una Reggiana alla quale i rossoverdi dovrebbero mandare almeno un bel mazzo di fiori. Perché nella doppia sfida è stata l’unica fino ad ora ad aver lasciato sul campo 6 punti. Ma ieri a Reggio Emilia la Ternana ha vinto da squadra mettendo in campo anche nuovi concetti di gioco dimostrando di avere ancora ampi margini di miglioramento.

ALLA TERNANA E’ MANCATO QUESTO FAVILLI
Abbiamo imparato che alla Ternana è mancato questo Andrea Favilli. Titolari alla prima occasione buona dopo le due giornate di squalifica ha fatto vedere a tutti gran parte del suo repertorio. Ha difeso palla, ha fatto salire la squadra, ha preso punizioni, ha legato la manovra della squadra, ha duettato con Pereiro ed ha pure calciato in porta. Ecco gli è mancato il gol. Ma come ritorno dal primo minuto c’è di che essere felici. 

AGGRESSIVI E COMPATTI
Abbiamo imparato che la Ternana sa essere aggressiva e compatta. Lo ha dimostrato nell’arco di tutta la partita vinta contro la Reggiana. Nel primo tempo o rossoverdi sono stati perfetti nell’andare a prendere alti gli avversari e intercettare un numero consistente di palloni trasformando le azioni da difensive a offensive. Nella ripresa invece, salvo qualche minuto iniziale hanno difeso con ordine trovando anche il modo di andare a far gol per chiudere il match.

RAIMONDO E FATICANTI, QUANDO I GOL ESCONO DALLA PANCHINA
Abbiamo imparato che contro la Reggiana la Ternana i gol li ha pescati anche dalla panchina. La riprova è il secondo centro di giornata, ottavo in campionato per Antonio Raimondo. Un gol che porta la firma del 9 rossoverde e di Giacomo Faticanti due dei subentrati nel corso della ripresa. Ad unire il tutto è stato Kees de Boer bravissimo nel chiudere il triangolo con il centrocampista di proprietà del Lecce. 

PORTA INVIOLATA
Abbiamo imparato che la Ternana sa chiudere una partita anche senza subire gol. In particolare contro la Reggiana ci è riuscita sia all’andata che al ritorno. Nella gara del “Mapei Stadium” i rossoverdi non hanno rischiato particolarmente. E’ vero che qualcosa hanno concesso agli uomini di Alessandro Nesta ma nel complesso Antony Iannarill non ha dovuto compiere particolari parate.