Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / ternana / Serie B
In barba a tutti i problemi estivi, il Brescia è tornatoTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 27 settembre 2023, 14:19Serie B
di Luca Bargellini

In barba a tutti i problemi estivi, il Brescia è tornato

Ok che di gare ne ha disputate solo quattro anziché sette come molte altre formazioni di Serie B. Ok che il roster a disposizione di Daniele Gastaldello non è propriamente di basso profilo nonostante arriva al torneo cadetto da riammessa. Ok qualsiasi appunto, ma l'avvio di stagione del Brescia è e rimane da incorniciare.

Quattro gare con due vittorie e due pareggi. Zero sconfitte e altrettanti gol al passivo dopo l'estate vissuta dalle parti del 'Rigamonti' ha il sapore di qualcosa d'incredibile. Dagli scontri di quella sera di giugno dopo la retrocessione ai playout contro il Cosenza, passando per le voci di un addio di Massimo Cellino e di molti dei migliori giocatori, fino ad arrivare alle querelle giudiziarie che hanno costellato l'estate della Leonessa, quello messo in mostra da Bisoli&C. è davvero un grande, grandissimo, avvio di stagione.

La squadra c'è e non solo tecnicamente. L'agonismo e la voglia di rivalsa che il Brescia ha messo finora in campo è qualcosa di difficilmente spiegabile a livello puramente razionale. Anche perché se Lecco e lo stesso Cosenza non sono sicuramente squadre da primissimi posti, lo stesso non vale per Venezia e Spezia. Due formazioni costruite con il chiaro obiettivo di tornare in Serie A al termine di questa stagione.


I ragazzi di Gastaldello, però, non hanno fatto differenze. La squadra è centrata, precisa e "cattiva" quanto serve per mettere subito in chiaro che il disastro del campionato scorso non è solo archiviato, ma cancellato dalla memoria. Per buona pace di chi pensava che il trambusto dei mesi scorsi avesse lasciato ferite difficilmente risarcibili.

E ora con Ascoli, il derby con la Feralpisalò e la Ternana i lombardi hanno l'occasione di dimostrare ancora una volta che questo exploit iniziale non è solo un caso o un fuoco di paglia. Cellino fa bene ad essere felice di questo avvio e di aver confermato il tecnico. Adesso deve solo continuare sulla strada intrapresa. Evitando, almeno per una volta, una rivoluzione di cui al momento nessuno sente il bisogno.