HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » torino » Primo Piano
Cerca
Sondaggio TMW
L'Italia di Mancini può vincere l'Europeo?
  Sì: ha dimostrato di essere all'altezza delle migliori
  Sì ma solo con un sorteggio favorevole
  Serve un miracolo, è ancora presto
  No: il girone era facile e il vero valore è sempre lo stesso

Mazzarri, rinnovo congelato: e ora per il Torino il trittico più delicato

22.10.2019 14:30 di Emanuele Pastorella    per torinogranata.it   articolo letto 222 volte
Mazzarri, rinnovo congelato: e ora per il Torino il trittico più delicato
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Sui social monta la rabbia granata. Se contro il Lecce si poteva avere la paura delle vertigini da primato, contro la Samp il “giallo” del fallo su Lyanco, a Parma l’attenuante dell’inferiorità numerica per oltre un’ora di gioco, dopo Udine non esistono alibi. Una squadra spenta e senza idee, che non ha creato nulla e non ha mai dato nemmeno la sensazione di voler conquistare i tre punti. Quattro sconfitte nelle prime otto giornate certifica il dato peggiore da più di undici stagioni a questa parte: soltanto nel 2008/2009 furono di più (cinque), mentre ad oggi sono già stati superati gli scivoloni esterni (tre) rispetto a tutto lo scorso campionato (appena due). I tifosi sono furiosi, tra gli hashtag più in voga c’è “#MazzarriOut”, chiaro segnale di chi sia il responsabile principale secondo la piazza. E anche il presidente Cairo, pur senza dichiarazioni ufficiali, sta cominciando a riflettere sul futuro del suo allenatore. Mai come ora, infatti, il rinnovo e Mazzarri sono stati così distanti.

Prolungamento congelato - Parlare e ipotizzare un esonero è oggettivamente prematuro, ma che tra via Arcivescovado e gli uffici milanesi del patron siano giorni di valutazioni è realistico. Nessuno può essere soddisfatto del peggior avvio degli ultimi cinque anni: due punti in meno rispetto alla scorsa stagione, tre rispetto al 2016/2017 e al 2015/2016, per trovare dieci punti in otto partite bisogna tornare all’anno dell’Europa League. E pensare che il calendario, fino a questo momento, non è nemmeno stato così proibitivo. In più c’è la gestione di alcuni giocatori che non ha convinto appieno il patron: Verdi, il colpo da 25 milioni, è il caso più emblematico. aveva dichiarato Cairo tra il serio e il faceto: in un mese e mezzo di Toro, il tecnico non è ancora riuscito ad esaltare le sue caratteristiche. Ecco i motivi per i quali è stata stilata una prima mini-tabella: la prossima settimana è stata individuata come quella più calda per la gestione Mazzarri. Tre sfide in sette giorni, tutte ad alto coefficiente di difficoltà. Si comincia domenica con la sorpresa Cagliari lanciata in zona Europa, si prosegue nel turno infrasettimanale nella Capitale contro la Lazio, si concluderà sabato 2 novembre con il derby contro la Juve. Il rinnovo, per il momento, è congelato, in attesa di vedere una reazione da parte di Belotti e compagni. Ma il futuro di Mazzarri si gioca tra questa e la prossima pausa del campionato, quando il 9 novembre con la trasferta di Brescia ci si fermerà per altre due settimane. I tifosi, intanto, invocano Gennaro Gattuso, tra i nomi più gettonati insieme a quelli di Davide Nicola e Moreno Longo: per ora è presto per parlare di eventuali candidati per la panchina granata. Eppure il filo non è mai stato così sottile nei 22 mesi granata di Mazzarri. 


TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Torino

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510