VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
A tu per tu

...con Accardi

"Roma, non perdere Sabatini. Mazzarri? No, non ha il profilo. Sarri uno da Milan. Napoli, Bigon è ok ma se va via prendi Carli. Parma, Manenti un folle senza niente da perdere..."
22.03.2015 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 15980 volte
© foto di Federico De Luca

"Far andare via Sabatini sarebbe un errore. Non dimentichiamoci che la Roma è seconda in classifica, sta passando un momento particolare che può capitare a tutti". Parla così a TuttoMercatoWeb l'agente Fifa Beppe Accardi, a proposito del momento difficile che attraversano i giallorossi.

Chiaro, ma qualcosa in casa Roma non va.
"Se pensiamo alla grande stagione del Borussia Dortmund dell'anno scorso o dell'Atletico Madrid e poi vediamo come oggi per esempio i tedeschi hanno dei contraccolpi ci rendiamo conto che il calcio è fatto anche di queste cose. Vero, la Roma ha rallentato ma è anche vero che ha avuto degli infortuni che hanno creato degli scompensi mica da ridere. E a lungo andare queste cose le paghi. Però...".

Però?
"Io non farei andare via Sabatini: ha dimostrato di saper fare un ottimo lavoro e determinate cose. La Roma è una società che negli ultimi anni ha fatto bene e ha messo a posto i bilanci. Nel calcio italiano bisogna fermarsi un attimo e iniziare a capire una cosa".

Cosa?
"Oggi quello che conta ed è importante è il bilancio. Le società hanno bisogno di ricostruire il proprio assetto finanziario perchè in passato sono stati fatti degli errori. E la Roma da quando è arrivato Sabatini ha curato l'aspetto finanziario e anche quello tecnico. La Roma oggi è seconda".

Per il dopo Garcia si parla di Mazzarri, che ne pensa?
"Per allenare certe squadre ci vuole un certo profilo...".

Si spieghi meglio.
"Quando parlo di profilo mi riferisco a qualcosa che va al di là dell'aspetto tecnico e calcistico. Per la Roma vedo un allenatore che abbia un profilo come quello di Ancelotti oppure Blanc: quegli allenatori che al di là del campo hanno qualcosa in più. Gestire i campioni è diverso da gestire i calciatori. I campioni hanno un profilo e una personalità talmente tanto alta ed elevata che devi saperli gestire. Poi ci sono piazze dove c'è bisogno di un gestore più che di un allenatore. Perché ci sono uomini che hanno fatto la storia del calcio e ovunque siano andati hanno fatto bene? Semplice, avevano il profilo giusto per gestire i campioni. Uno su tutti Trapattoni: non è che fosse, in confronto agli altri, un inventore di chissà cosa. Ma il suo spessore era cento volte più elevato di tutti gli altri".

Sarri invece, le sembra uno da Milan?
"Ad inizio campionato lo avevo definito uno degli allenatori più importanti della serie A. Il profilo di Sarri è da Milan, perché ha tutte le caratteristiche e le componenti, anche fuori dall'aspetto prettamente tecnico e calcistico, per gestire i campioni. Il suo problema - che in realtà non è un problema - è che è una persona onesta. Uno pane al pane e vino al vino. In Italia giudichiamo un allenatore se va in panchina vestito con la tuta o in modo elegante. Poi però esaltiamo Bielsa. E Bielsa come va in panchina? Con la tuta. Proprio come Sarri. Ma a questo proposito, una precisazione è d'obbligo".

Prego.
"Un allenatore diventa determinante quando ha alle spalle una società forte che sa difenderlo e crede nel suo lavoro. Bisogna fare i complimenti all'Empoli, che ha dato a Sarri il tempo di lavorare. Per non andare troppo lontano, in Italia abbiamo l'esempio lampante di quello che è il calcio: la Juventus. I bianconeri vincono perché programmano e hanno capacità managieriali. Guardate com'è arrivato Allegri alla Juve, non è che fosse stato visto di buon occhio dai tifosi. La società però lo ha messo nelle condizioni di poter lavorare. I grandi club hanno la grande capacità di gestire le società come delle aziende e di difendere le proprie scelte".

A Napoli invece traballa Bigon.
"Non penso che andrà via. In questi anni ha fatto un ottimo lavoro d'accordo con gli allenatori. Non capisco e non vedo il motivo per cui debba andare via. Il fatto che il Napoli sia una delle poche squadre rimaste in Europa League è un risultato importante. Se Bigon andasse via non lo capirei. Poi dipenderà dall'allenatore del futuro. Ma se andasse via suggerirei un nome...".

Chi?
"Per capacità lavorative e competenze direi Marcello Carli dell'Empoli. Oggi nel calcio c'è bisogno di gente che abbia idee, entusiasmo e il coraggio di rischiare andando in giro per il mondo a vedere i calciatori. Guardate l'Arsenal: qualche anno ha avuto il coraggio di rifondare, andava male ma ha aspettato i nuovi e a fine campionato ha chiuso in zona Europa. Questo significa programmare. Ad inizio anno tutti ridevamo sulla Sampdoria: nell'anno teoricamente più problematico dove il club ha dovuto fare di necessità virtù i manager hanno dimostrato di poter fare calcio senza spendere cifre esagerate. E non va sottovalutato il lavoro della Lazio, così come quello del Cesena che tra mille difficoltà si sta rimettendo in pista e se dovesse fare il miracolo sarebbe qualcosa di importante. Tutti oggi parlano del Parma, ma non era mica un problema nuovo: Leonardi e Ghirardi volevano decidere da soli, è sempre stato così e ci mancherebbe, a casa mia, con i miei soldi, decido io. Poi se dovessero avere delle responsabilità, si assumeranno le colpe".

Prima del fallimento, a Parma si è assistito al bluff Manenti che poi è finito in galera.
"Un folle scatenato senza niente da perdere: avrà pensato di mettere un gettone nella slot. Della serie: «se va bene ok altrimenti mi faccio male». Oggi leggo che si sta cercando di salvare il Parma, ma è ora di smetterla di prenderci in giro".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Marchetti 20.11 - “Abbiamo tanta voglia di riscatto. Veniamo da una partita non positiva, dobbiamo mettere in campo le qualità di questi anni: grinta, cattiveria e tensione”. Parla così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo del Cittadella, Stefano Marchetti in vista della partita di questa sera contro...

A tu per tu

...con Martorelli 19.11 - “Il flop Italia? Le cose non avvengono per caso. È un malessere che ci portiamo dietro dal 2010, non si è mai voluto che la situazione cambiasse. Ci sono tanti aspetti da migliorare nel nostro sistema calcio, ma nessuno ha voglia di applicarsi questo senso”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Antonini 18.11 - Verso Napoli-Milan. Gli azzurri per continuare la marcia verso lo Scudetto, i rossoneri per cercare di risalire la china. “Sulla carta il Napoli è favorito”, dice a TuttoMercatoWeb l’ex difensore rossonero Luca Antonini. “Per convinzione, gioco, tutto, il Napoli parte in vantaggio....

A tu per tu

...con Accardi 17.11 - “Che l’Italia fosse a rischio di non qualificarsi al Mondiale era una certezza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Belle Accardi. Sul banco degli imputati l’ex ct, Ventura. “Il problema è uno: oggi tutti crocifiggono Ventura, ma è stata sbagliata la scelta di avergli...

A tu per tu

...con Di Somma 16.11 - “È stato un fallimento totale da parte di tutti. Da parte della squadra, dell’allenatore, di tutti. Forse il rapporto tra il gruppo e il tecnico non era dei migliori, probabilmente non è mai decollato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex ds del Benevento, Salvatore Di Somma. Ventura alla...

A tu per tu

...con Moggi 15.11 - Un flop annunciato. L'Italia saluta mestamente anzitempo il Mondiale. “Mi è dispiaciuto vedere la faccia di Ventura in conferenza e le lacrime dei giocatori", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dg della Juventus, Luciano Moggi. L'epilogo era scritto. "Si. E per questo trovo ingeneroso...

A tu per tu

...con Tavano 14.11 - L’Italia non va al Mondiale. Il doppio confronto con la Svezia non ha dato i frutti sperati. Niente Russia. “Incredibile”, commenta a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Diego Tavano. “Dispiace troppo, siamo una nazione - prosegue Tavano - con una potenzialità enorme ma che non...

A tu per tu

...con Stellone 13.11 - “La serie B?!È un campionato più concentrato rispetto agli altri anni. Potrebbero esserci due sorprese come Cremonese e Venezia ma è già successo che altre squadre neopromosse abbiamo fatto bene subito”. Così a TuttoMercatoWeb Roberto Stellone fa le carte al campionato di serie B....

A tu per tu

...con Colantuono 12.11 - “La sorpresa? La Lazio, ma non più di tanto. Sulla scia di quanto fatto l’anno scorso comunque mi aspettavo una squadra del genere. Chi costruisce la squadra - Tare e Lotito - difficilmente sbaglia. Guardate cosa hanno fatto i biancocelesti l’anno scorso...”. Parla così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Quaison 11.11 - Un’avventura positiva, tutta da continuare a vivere. Robin Quaison a gennaio dell’anno scorso ha sfiorato la Juventus. “Ma a queste cose non penso, se ne occupa il mio agente”, dice l’ex Palermo - oggi al Mainz - a TuttoMercatoWeb. Come procede al Mainz? “Sto imparando la lingua...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.