VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Musacchio, Kessiè, Ricardo Rodriguez e André Silva. Quale nuovo acquisto del Milan vi piace di più?
  Mateo Musacchio
  Franck Yannick Kessié
  Ricardo Rodriguez
  André Silva

TMW Mob
A tu per tu

...con Accardi

"Campionato normale e la Juve risale. Gennaio, niente rivoluzioni. Mbaye piace a Di Carlo, Nicola e Stramaccioni. Embalo? Piace in Francia e Messico, con il Palermo qualcosa da chiarire. Procure pilotate? Giocatori stupidi"
22.12.2015 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 22114 volte
© foto di Vincenzo Blandino

"È stato, fin qui, il campionato che doveva essere". Così a TuttoMercatoWeb.com l'operatore di mercato Beppe Accardi traccia un bilancio della prima parte di campionato. "I valori, piano piano - prosegue Accardi - si stanno normalizzando, tra squadre che lottano per vincere e altre per la salvezza. S'è rimesso sulla strada giusta il Bologna con il nuovo allenatore, i giocatori hanno anche recuperato autostima. Poi tutte stanno facendo ciò che è al livello delle loro potenzialità".

Intanto s'è ripresa la Juventus.
"Fin dall'inizio ho sempre detto che alla fine sarebbe stata lì, a lottare per il titolo".

Cosa si aspetta a gennaio?
"Nessuna grossa rivoluzione. Penso che tutte le squadre proveranno a puntellare qualcosa, ma chi doveva spendere ha già speso a giugno. Sicuramente interverrà il Milan, che però ha solo bisogno di trovare serenità e continuità".

Può spostarsi Mbaye, dal Bologna? Piace allo Spezia.
"Sta tornando nella giusta condizione. Vuole essere protagonista con il Bologna. Ha qualche richiesta. Nel calcio tutto è possibile. Certo è che se fosse scarso non ci sarebbero alcune squadre interessate. Ho letto da qualche parte che Stramaccioni - suo allenatore all'Inter - lo vorrebbe al Panathinaikos, questa è la dimostrazione che qualcosa di buono ha fatto. E se anche Di Carlo e Nicola lo hanno messo nel mirino, vuol dire che Mbaye non è così male".

Sorride anche Embalo, a Brescia.
"Una crescita professionale giusta, importante. Parliamo sempre, ci diciamo che dobbiamo ringraziare le squadre da dove è passato prima. Carpi e Lecce, che gli hanno dato la possibilità di crescere seppure. A Brescia l'esplosione, figlia delle sue qualità e anche grazie ad un allenatore che crede in lui e gli sa insegnare ciò che è giusto e sbagliato".

Rinnoverà con il Palermo?
"Quando sarà il momento, se il Palermo ci chiamerà, ne discuteremo. Sicuramente il fatto che oggi ci siano squadre messicane è importante, vuol dire che il campionato di Carlos è arrivato al di là dell'Oceano. Lo segue il Lione, ho visto Brescia-Pescara con il loro direttore sportivo che ne è rimasto impressionato. Ma il mercato è strano, atipico, lungo, difficile. Oggi Carlos è un giocatore del Brescia, dove sta benissimo. Ha un rapporto eccezionale con tutti. Ora avanti così, perché nel calcio quello che hai fatto non conta: è importante ciò che farai. Quando sarà il momento ci saranno due-tre cose da chiarire con il Palermo, ne parleremo".

Rinaudo?
"Sta crescendo dal punto di vista fisico, poi vedremo cosa succederà a gennaio. Ad oggi non è preventivata una sua partenza da Vicenza".

Da Vicenza a Trapani: Ciaramitaro e Accardi?
"Maurizio è un punto di riferimento per il Trapani. Per quanto riguarda Accardi valuteremo con la società, che ha stima e rispetto nei suoi confronti e quindi non penso ci sia l'intenzione di muoverlo. E poi guardate il percorso di Embalo, la sua esplosione figlia della sofferenza dell'anno scorso".

In serie A si parla di presunte procure pilotate. Lei che ne pensa?
"L'eterno dramma, ci saranno sempre tanti sospetti. Se effettivamente fosse così, la cosa sarebbe di una gravità esagerata. Una società se ha la forza di pilotare le procure verso uno o un altro procuratore, commetterebbe un reato importante: concorrenza sleale ed estorsione. Poi non dimentichiamoci che un giocatore che va verso un altro procuratore se consigliato dalla società, è un giocatore stupido. Di sicuro una società e un procuratore che fanno queste cose, non fanno gli interessi del calciatore. I giocatori devono imparare che è troppo comodo andare dietro a delle sirene dopo che magari hanno lavorato e si sono costruiti una carriera al fianco di persone che hanno iniziato con loro un percorso da giovani. Consiglio di guardare il film Goal!, la storia di un ragazzino arrivato da un altro continente aiutato da una persona che lo ha fatto diventare giocatore. Poi il ragazzino ha iniziato a perdere la testa dimenticandosi di chi lo ha aiutato e da quel momento è iniziato il suo declino. Poi quando s'è ritrovato ad essere solo - perché quando non sei più lassù tutti ti abbandonano - ha cercato di nuovo la persona che lo aveva aiutato. Ma alla lunga le cose si pagano".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Salvatori 24.06 - "Sarà un mercato in cui si metteranno tutte in competizione per contrastare la corazzata Juventus, Roma e Napoli saranno competitive. Chi ha più da lavorare sono le milanesi". Così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo Fabrizio Salvatori, ex tra le altre di Trapani, Bologna e Torino....
Telegram

A tu per tu

...con Tami 23.06 - Un'eredità pesante - quella di Tramezzani - e il mercato che si accende. Il Lugano riparte da Pier Tami. "La squadra ha smesso da poco, la pausa è stata breve. Stiamo lavorando per completare la rosa, il tempo stringe e quindi dobbiamo fare in fretta", dice il nuovo allenatore della...

A tu per tu

...con Sannino 22.06 - "Donnarumma e il mancato rinnovo con il Milan?Un ragazzo cresciuto nel Milan, di diciotto anni, non doveva neanche pensarci. Doveva restare e basta. Ma nessuno crede più al cuore e alla maglia, avendo un agente importante come Raiola è normale che lo stesso procuratore faccia gli...

A tu per tu

...con Novellino 21.06 - "La società si sta muovendo bene, ma siamo ancora sulle verifiche. Sicuramente c'è la volontà di fare bene". Così a TuttoMercatoWeb l'allenatore dell'Avellino, Walter Novellino. Obiettivi per il prossimo anno? "Vogliamo soffrire meno dell'anno scorso. Poi strada facendo...

A tu per tu

...con Capozucca 20.06 - "Fin qui è stato protagonista il Milan, in maniera inaspettata. Mirabelli si è ben districato. Il problema Donnarumma fa passare in secondo piano tutto quello che è stato fatto, ma se valutiamo tutto il Milan ha fatto un ottimo mercato". Così a TuttoMercatoWeb l'ex ds del Cagliari,...

A tu per tu

...con Colomba 19.06 - "Donnarumma e il caso scoppiato al Milan? Secondo me l'errore è stato commesso in passato: quando si ha un legno grezzo non bisogna arrivare all'ultimo. Si sa benissimo come vanno le cose al giorno d'oggi, le bandiere non esistono più. La festa di Totti è la prova che la gente ha...

A tu per tu

...con Antonini 18.06 - Tiene banco il caso Donnarumma. "Io avrei firmato in bianco, il mio approccio è diverso. Il mio procuratore avrebbe potuto dirmi qualunque cosa, ma io avrei firmato. Stiamo parlando del Milan", dice a TuttoMercatoWeb l'ex difensore rossonero Luca Antonini. Critiche e tanto...

A tu per tu

...con Marino 17.06 - Caso Donnarumma al Milan. Nessuna voglia di rinnovare, un futuro tutto da scrivere. "Me l'aspettavo, il proprietario del cartellino è Donnarumma mica il Milan: quando arrivi ad un anno della scadenza, che poi sono sei mesi perché a gennaio puoi firmare per un'altra squadra, sei praticamente...

A tu per tu

...con Di Carlo 16.06 - "È stata un'esperienza positiva, centonove punti in un anno e mezzo non sono bastati per arrivare al sogno serie A. Ma il lavoro svolto è stato positivo". Così a TuttoMercatoWeb Domenico Di Carlo sulla sua esperienza allo Spezia che si è da poco conclusa ufficialmente. Rimane...

A tu per tu

...con Tesser 15.06 - La promozione in serie B, ora le meritate vacanze. Poi per la Cremonese sarà tempo di dedicarsi al campionato che verrà. "Abbiamo cominciato a fare le prime osservazioni già la settimana dopo la promozione, ora pensiamo ai noi e sarà compito del direttore mentre io vado in vacanza...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.