VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
A tu per tu

...con Amelia

"Attendo la mia occasione. Vorrei restare in Italia. Cagliari e Sassuolo? Potrei essere utile. Milan, l'addio una mia scelta. Diego Lopez è ok, Agazzi? Non preso per giocare. I miei ricordi in rossonero..."
20.08.2014 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 29453 volte
© foto di Federico De Luca

In attesa di una chiamata. Marco Amelia rimane alla finestra, può essere l'occasione giusta per chi va a caccia di un portiere. L'ex Milan, adesso svincolato, attende la giusta chance per tornare protagonista. "Mi alleno a casa mia, ho un centro sportivo nel mio Paese. Gestisco la scuola calcio, mi alleno da un mese e ho due realtà: una di promozione e una di serie D, mi sto allenando con serenità. Ho fatto delle gare amichevoli, dal punto di vista della preparazione ho fatto tutto, anche le amichevoli", dice Amelia a TuttoMercatoWeb.

E il mercato?
"Piccoli movimenti, sono in attesa".

Si parla di Cagliari e Sassuolo. E anche di soluzioni estere...
"Sto prendendo in considerazione tutto. Sono arrivate molte richieste, le maggiori dall'estero. In alcuni casi ho scelto di aspettare, vorrei rimanere in Italia anche perché faccio parte dell'AIC il pensiero è di cercare di dare un contributo alla crescita del calcio italiano. Penso di voler giocare ancora in Italia".

Dopo essere stato al Milan difficile prendere in considerazione squadre come Cagliari e Sassuolo. O no?
"Penso di poter essere utile ad una squadra, ad una società, ad un allenatore. Non vado in giro a cercare il contratto economico, è importante ma a trentadue anni mi interessano più le motivazioni".

Intanto il Milan ha bocciato Agazzi, prendendo Diego Lopez lo ha praticamente retrocesso a terzo portiere.
"Non credo che Agazzi sia stato preso per giocare, non penso sia stato bocciato. Dal mio punto di vista la scelta della società era quella di continuare con Abbiati e avere un portiere alle spalle e Michael magari poteva sostituirlo all'occorrenza un po' come ho fatto io in questi anni. C'è stata la possibilità di prendere Diego Lopez, un'ottima scelta perché è arrivato un grande portiere. Lo conosco bene, è un ottimo portiere anche dal punto di vista caratteriale. Dà tutto. Ha la mentalità vincente, non molla niente".

Il Palermo intanto ha scaricato Sorrentino, per lanciare Ujkani.
"Ha quasi trentasei anni, probabilmente c'è un'esigenza precisa da parte del Palermo. Magari in serie B poteva servire un giocatore come Stefano, in questo momento Zamparini dal punto di vista aziendale pensa di puntare su Samir. Sono due ottimi portieri, possono far comodo al Palermo. Giusto dare fiducia a Ujkani anche pensando al futuro".

E la sua Roma?
"Bene, ha fatto un ottimo mercato, ha una base solida e un allenatore che regge l'urto di una piazza come Roma. Ha preso ottimi giocatori, che per fare le tre competizioni saranno fondamentali. Credo che in questo momento, nonostante tutto, sia la squadra da battere".

Alla Juve il suo ex allenatore, Allegri, ha un compito non facile: non far rimpiangere Antonio Conte.
"Lo sa, ma queste sfide è capace di gestirle. La Juve è forte, c'è una base solida di giocatori che sanno gestire bene le situazioni".

E il Milan, come lo vede?
"Deve completarsi. Sono arrivati Alex, Menez, Diego Lopez. E sono stati fatti movimenti in uscita. Come tutti gli anni le rose si definiranno gli ultimi giorni di agosto. Anche quando ero al Milan iniziammo il primo anno senza Ibra e Robinho, che vennero presentati alla prima di campionato. Il mercato si definirà l'ultima settimana".

Come si è lasciato con i rossoneri?
"Benissimo. Rimane un ottimo rapporto con Galliani, con la dirigenza, con chi lavora a Milanello. Ho un ottimo rapporto con quasi tutti i ragazzi dello spogliatoio. L'addio è stata una mia scelta, c'era anche la possibilità di rimanere. Ho scelto di guardare altrove, vedendo anche le situazioni che c'erano all'interno del Milan. Nessuno andrebbe via dal Milan, a raccontarlo qualcuno magari mi prende per pazzo. Ma mi lascio con un arrivederci".

Il ricordo più bello?
"Le vittorie nei derby, lo Scudetto, la Supercoppa, le settimane importanti. L'entusiasmo del gruppo, soprattutto i primi anni".

Il momento da cancellare?
"Lo Scudetto perso, quasi regalato, alla Juventus. Potevamo vincere il secondo Scudetto consecutivo. Ma quelle partite contro Sampdoria e Bologna hanno segnato il futuro della squadra".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Marchetti 20.11 - “Abbiamo tanta voglia di riscatto. Veniamo da una partita non positiva, dobbiamo mettere in campo le qualità di questi anni: grinta, cattiveria e tensione”. Parla così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo del Cittadella, Stefano Marchetti in vista della partita di questa sera contro...

A tu per tu

...con Martorelli 19.11 - “Il flop Italia? Le cose non avvengono per caso. È un malessere che ci portiamo dietro dal 2010, non si è mai voluto che la situazione cambiasse. Ci sono tanti aspetti da migliorare nel nostro sistema calcio, ma nessuno ha voglia di applicarsi questo senso”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Antonini 18.11 - Verso Napoli-Milan. Gli azzurri per continuare la marcia verso lo Scudetto, i rossoneri per cercare di risalire la china. “Sulla carta il Napoli è favorito”, dice a TuttoMercatoWeb l’ex difensore rossonero Luca Antonini. “Per convinzione, gioco, tutto, il Napoli parte in vantaggio....

A tu per tu

...con Accardi 17.11 - “Che l’Italia fosse a rischio di non qualificarsi al Mondiale era una certezza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Belle Accardi. Sul banco degli imputati l’ex ct, Ventura. “Il problema è uno: oggi tutti crocifiggono Ventura, ma è stata sbagliata la scelta di avergli...

A tu per tu

...con Di Somma 16.11 - “È stato un fallimento totale da parte di tutti. Da parte della squadra, dell’allenatore, di tutti. Forse il rapporto tra il gruppo e il tecnico non era dei migliori, probabilmente non è mai decollato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex ds del Benevento, Salvatore Di Somma. Ventura alla...

A tu per tu

...con Moggi 15.11 - Un flop annunciato. L'Italia saluta mestamente anzitempo il Mondiale. “Mi è dispiaciuto vedere la faccia di Ventura in conferenza e le lacrime dei giocatori", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dg della Juventus, Luciano Moggi. L'epilogo era scritto. "Si. E per questo trovo ingeneroso...

A tu per tu

...con Tavano 14.11 - L’Italia non va al Mondiale. Il doppio confronto con la Svezia non ha dato i frutti sperati. Niente Russia. “Incredibile”, commenta a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Diego Tavano. “Dispiace troppo, siamo una nazione - prosegue Tavano - con una potenzialità enorme ma che non...

A tu per tu

...con Stellone 13.11 - “La serie B?!È un campionato più concentrato rispetto agli altri anni. Potrebbero esserci due sorprese come Cremonese e Venezia ma è già successo che altre squadre neopromosse abbiamo fatto bene subito”. Così a TuttoMercatoWeb Roberto Stellone fa le carte al campionato di serie B....

A tu per tu

...con Colantuono 12.11 - “La sorpresa? La Lazio, ma non più di tanto. Sulla scia di quanto fatto l’anno scorso comunque mi aspettavo una squadra del genere. Chi costruisce la squadra - Tare e Lotito - difficilmente sbaglia. Guardate cosa hanno fatto i biancocelesti l’anno scorso...”. Parla così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Quaison 11.11 - Un’avventura positiva, tutta da continuare a vivere. Robin Quaison a gennaio dell’anno scorso ha sfiorato la Juventus. “Ma a queste cose non penso, se ne occupa il mio agente”, dice l’ex Palermo - oggi al Mainz - a TuttoMercatoWeb. Come procede al Mainz? “Sto imparando la lingua...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.