VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
A tu per tu

...con Antonelli

"Stagione non in linea con i programmi. Futuro? Posso restare. Con Nicola classifica da playoff. Galano all'Empoli? Può essere. Sabelli in uscita. Rinaudo e non solo, ecco chi può rimanere..."
29.05.2015 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 17888 volte
© foto di Federico De Luca

"Dire che è stato un campionato in linea con i programmi non sarebbe giusto, offenderemmo l'intelligenza dei nostri tifosi". Non si nasconde il direttore sportivo del Bari, Stefano Antonelli, che a TuttoMercatoWeb traccia un bilancio della stagione appena trascorsa.

Avevate altri obiettivi.
"Eravamo partiti con un programma che prevedeva almeno la possibilità di entrare nei playoff. Siamo arrivati a cinque punti dal traguardo, in una stagione che ci ha visti in chiaroscuro più volte. Sicuramente nella seconda parte del campionato abbiamo fatto meglio, s'è creata continuità nelle prestazioni e nei risultati,in particolare dopo l'avvento di Nicola e con alcuni innesti fatti a gennaio,classifica alla mano, saremmo rientrati nelle prime otto posizioni. Questo era l'anno zero dell'era Paparesta. Tanto si è fatto e tanto si dovrà fare,per raggiungere gli obbiettivi prefissati".

Un errore puntare su Mangia?
"No, non è così. Gli errori servono anche per crescere e costruire e quando parti pensi di aver fatto comunque la scelta giusta.
Poi una serie di eventi e coincidenze possono confermare o meno le tue idee. E quando i risultati non arrivano,Il primo a pagare è sempre l'allenatore, lo dice la storia.
Però non c'è mai la controprova di quello che sarebbe stato a fine campionato tenendo sempre lo stesso tecnico".

E lei, rimarrà a Bari?
"È un momento di riflessione, ma trasparente e onesta che mi vede condividere con il presidente l'eventuale mia decisione. Bari è una delle prime otto-dieci piazze di serie A, abbiamo portato allo stadio da un minimo di diciottomila persone con picchi di quarantamila. C'è un interesse mediatico da serie A. Insieme al presidente stiamo facendo le giuste valutazioni. Non servono proclami, stiamo valutando insieme la possibilità di continuare. Credo ci possano essere buone possibilità che io rimanga".

Uno sguardo ai playoff: lo Spezia è fuori, il lavoro di quest'anno avrebbe meritato migliori fortune.
"Sono anni che si attesta ai vertici grazie agli investimenti del patròn Volpi che permette una gestione di alto livello. Lo Spezia è uscito alla prima partita di playoff giocando in casa contro l'Avellino, ma è una squadra ben strutturata dal Presidente Miskovic, da Bjelica e da Igor Budan con i giusti presupposti. Possono ripartire con immutate ambizioni. Magari non erano ancora pronti per arrivare alla massima categoria, ma hanno costruito qualcosa che nel futuro li vedrà protagonisti".

Oltre voi, ha deluso anche il Catania.
"Guardo sempre il contesto dove lavoro. Anche il Bologna pensava di poter andare in serie A direttamente con un costo del personale tre o quattro volte superiore a quello del Bari. Il monte ingaggi del Bologna è da media serie A. Il Catania ha avuto le sue difficoltà ma si è saputo riprendere, la società ha lavorato bene, ho grande stima di Dario Marcolin, un profilo che potrà fare bene. Alla fine il Catania ha raggiunto un risultato minimo, ma che poteva diventare difficile. L'anno scorso il Carpi pensava di poter andare ai playoff e ha rischiato di retrocedere con acquisti importanti come Ardemagni, quest'anno che è partito con un progetto ridimensionato e senza voli pindarici ha disputato un campionato straordinario senza sbagliare niente e ha raggiunto una promozione meritata con un programma iniziale completamente diverso".

Che Bari sarà il prossimo anno?
"L'importanza della piazza non può limitarsi ad una semplice salvezza ma allo stesso tempo non è più tempo di proclami. Cerchiamo di migliorare quanto fatto in questa stagione con un occhio attento anche al bilancio.Il Presidente ci ha già dato delle linee guida, che porteremo avanti insieme a Razvan Zamfir che sarà parte integrande del progetto tecnico. Con Razvan collaboro con grande soddisfazione professionale, è arrivato a gennaio con umiltà e con la voglia di conoscere il calcio italiano,dopo aver vinto tutto nel campionato Rumeno.

Mercato in uscita: Galano all'Empoli?
"Lo sento e leggo da più parti, nel calcio dietro una grande bugia c'è sempre una piccola verità. È un giocatore importante, che non ha ripetuto il campionato dell'anno scorso. Non mi meraviglierei se possa essere valutato dall'Empoli. Ma non ho mai avuto contatti con l'Empoli..."

Altre uscite?
"Quello più in vista, che ha un appeal particolare, è Stefano Sabelli. Ha disputato un campionato straordinario, è titolare con l'Under 21, un predestinato. Stiamo parlando di un calciatore e un uomo importante, un ragazzo di grande maturità".

Dei prestiti invece, chi rimarrà? Rinaudo?
"Rinaudo stato un calciatore che ha dato qualcosa di importante non solo dal punto di vista calcistico. Ma ha fatto bene lui, come Contini, Schiattarella e De Luca. Vedremo. In un campionato non facile come quello che abbiamo affrontato ognuno ha dato il proprio contributo. Vedremo quale sarà il prosieguo del mercato...".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Corsi 24.11 - Sfida d’alta quota. Scontro diretto. Empoli-Frosinone è l’anticipo della giornata di serie B. “Cerchiamo di prepararla come una bella partita.... siamo giovani e abbiamo prospettive e ambizioni che andranno verificate quando il campionato entrerà nel vivo”, dice a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Rubinho 23.11 - “Vedo un campionato molto bello, divertente. Tante squadre in pochi punti e che stanno giocando bene. Lazio, Roma, Napoli... tutte squadre che rappresentano, in un modo o nell’altro, delle sorprese”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex portiere della Juventus, Fernando Rubinho. La Juve...

A tu per tu

...con Planes 22.11 - “Juventus Barcellona? Una bella partita, davvero. Il Barcellona è in un grande momento, sta ottenendo grandi risultati. Ma la Juventus in casa è una squadra davvero forte. Sarà comunque una partita molto diversa rispetto a quella di andata. Non pensate al match d’andata...”. Così...

A tu per tu

...con Battistini 21.11 - “Credo che sia stata una vergogna non aver assistito alle dimissioni immediate di Tavecchio e Ventura. Davvero, una cosa vergognosa. Tavecchio non si è presentato davanti agli organi di informazione dopo la partita, è scappato... E Ventura poi si sentiva in colpa soltanto per il risultato...

A tu per tu

...con Marchetti 20.11 - “Abbiamo tanta voglia di riscatto. Veniamo da una partita non positiva, dobbiamo mettere in campo le qualità di questi anni: grinta, cattiveria e tensione”. Parla così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo del Cittadella, Stefano Marchetti in vista della partita di questa sera contro...

A tu per tu

...con Martorelli 19.11 - “Il flop Italia? Le cose non avvengono per caso. È un malessere che ci portiamo dietro dal 2010, non si è mai voluto che la situazione cambiasse. Ci sono tanti aspetti da migliorare nel nostro sistema calcio, ma nessuno ha voglia di applicarsi questo senso”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Antonini 18.11 - Verso Napoli-Milan. Gli azzurri per continuare la marcia verso lo Scudetto, i rossoneri per cercare di risalire la china. “Sulla carta il Napoli è favorito”, dice a TuttoMercatoWeb l’ex difensore rossonero Luca Antonini. “Per convinzione, gioco, tutto, il Napoli parte in vantaggio....

A tu per tu

...con Accardi 17.11 - “Che l’Italia fosse a rischio di non qualificarsi al Mondiale era una certezza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Belle Accardi. Sul banco degli imputati l’ex ct, Ventura. “Il problema è uno: oggi tutti crocifiggono Ventura, ma è stata sbagliata la scelta di avergli...

A tu per tu

...con Di Somma 16.11 - “È stato un fallimento totale da parte di tutti. Da parte della squadra, dell’allenatore, di tutti. Forse il rapporto tra il gruppo e il tecnico non era dei migliori, probabilmente non è mai decollato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex ds del Benevento, Salvatore Di Somma. Ventura alla...

A tu per tu

...con Moggi 15.11 - Un flop annunciato. L'Italia saluta mestamente anzitempo il Mondiale. “Mi è dispiaciuto vedere la faccia di Ventura in conferenza e le lacrime dei giocatori", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dg della Juventus, Luciano Moggi. L'epilogo era scritto. "Si. E per questo trovo ingeneroso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.