VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Caso Donnarumma: come finirà?
  Dirà addio al Milan per il Real Madrid
  Rinnoverà separandosi da Raiola
  Rinnoverà restando con Raiola
  Dirà addio al Milan per la Juventus
  Dirà addio al Milan con altra destinazione

TMW Mob
A tu per tu

...con Bettinelli

"Varese, crediamoci. Aspetto Lores e Forte, ma ora vinciamo. Salviamoci e vado a piedi al Campo dei Fiori. I senatori hanno spinto per farmi tornare? Conta il gruppo..."
17.03.2015 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 15915 volte
© foto di Federico Gaetano

La speranza è l'ultima a morire. Stefano Bettinelli ci crede, vuole l'impresa del suo Varese. Salvarsi significherebbe aver fatto un'impresa, qualcosa di incredibile. Oggi la squadra biancorossa è ultima in classifica. "Contro il Bari abbiamo disputato quaranta minuti per come avevamo preparato la partita, cercando di ripartire in contropiede. Non eravamo riusciti a ripartire in contropiede, però fino al gol dell'1-0 era una partita da 0-0", dice Bettinelli a TuttoMercatoWeb.

Però è finita 3-0...
"Purtroppo il gol subito per un nostro errore ha fatto vedere i nostri limiti in questo momento. Nel secondo tempo siamo entrati con la voglia di rimettere le cose a posto, ma gli errori hanno piegato le gambe, anzi, il morale dei ragazzi".

Correzione d'obbligo, da gambe a morale. Perché c'è chi dice che uno dei problemi del Varese sia la preparazione fisica...
"Chi parla di preparazione fisica lo fa per nascondere altre problematiche. Ed è un modo come un altro per nascondere i propri fallimenti o le proprie incapacità. La squadra sta bene, corre ma non come dovrebbe. Fino alla partita di Brescia abbiamo corso tantissimo, ma non riuscendo a finalizzare. E se non riesci a finalizzare subentra un po' di scoramento, è normale".

Mister, ma lei ci crede davvero nella salvezza?
"Ci mancano undici partite, se ci piangiamo addosso non risolviamo i nostri problemi. Dobbiamo credere nel lavoro che stiamo facendo, ce la giocheremo con tutti cercando di ottenere il massimo risultato. Testa bassa, lavoriamo, non guardiamoci in giro. Ma pensiamo solo a porre rimedio alle situazioni dove sono carenti. Non è finita, c'è tempo di rimediare. Ma non è una questione di condizione fisica".

Se poi ci si mette anche la sfortuna, con i tanti infortuni...
"La partenza di Lupoli, gli infortuni di Neto Pereira, Lores Varela e Forte ci hanno penalizzato. A Kurtisi poi bisogna dare il tempo di ambientarsi, perché è arrivato, ha trovato un allenatore, poi un altro ancora e poi di nuovo il precedente. Ma non voglio alibi, un allenatore non si ferma davanti ai problemi ma pensa a come risolverli. Per la partita contro il Catania spero di avere Lores e Forte a disposizione: il primo è stato l'arrivo più azzeccato di gennaio, stava facendo benissimo, purtroppo l'infortunio è stato inaspettato. Lo aspettiamo, proprio come Forte che s'è fatto male quando io non c'ero. I nostri infortuni, fateci caso, sono tutti meccanici e non muscolari. Ma non parliamo di sfortuna, se le cose accadono c'è sempre un perché. Difficilmente mi piango addosso, cerco di lavorare per fare del mio meglio. Aspetto Lores e Forte, ma il tempo stringe e dobbiamo fare bene già adesso senza di loro. E se ci siamo salvati l'anno scorso quando sembravamo spacciati, non vedo perché non potremmo salvarci quest'anno".

C'è chi dice che a volere il suo ritorno sia stata la squadra. Corti, Rea e Zecchin su tutti. Giusto pensarla così?
"Quando sono stato esonerato, a parte qualche messaggio dei ragazzi che mi hanno manifestato la loro stima, non ho sentito nessuno. Non so chi abbia spinto per il mio ritorno, non lo so e neanche l'ho chiesto. Per me l'importante è il gruppo, i ragazzi sono tutti uguali. L'importante è che il gruppo sia compatto e che tutti diano il massimo per ottenere i risultati. Gli allenatori passano, i giocatori restano".

Ok, quindi testa al campo. E caccia ad un'impresa disperata...
"Ci sono undici partite, trentatré punti. Giochiamocela. E finché la matematica non mi condanna, credo ancora di potercela fare. I punti di penalizzazione non devono farci mollare, dobbiamo dare il meglio di noi stessi. Intanto cominciamo a fare punti, sono molto fiducioso. Oltre il Varese tifo Inter. E questo la dice lunga sulla mia squadra del cuore: da interista sono abituato a soffrire. Ho scelto due squadre del cuore che fanno dell'incostanza e della sofferenza le loro prerogative".

Lunedì sfidate il Frosinone.
"Bisogna vincere. Dobbiamo preparare bene la partita, perché il Frosinone gioca molto bene. Complimenti a Stellone, ma noi ci giochiamo l'ultima speranza di rimanere attaccati al treno salvezza. Servirà la partita perfetta".

Una promessa: se si salva, cosa fa?
"Vado a piedi al Campo dei Fiori, viste le mie ernie del disco sarebbe qualcosa di pesante (sorride, ndr)".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Canovi 27.06 - "Donnarumma? Si capisce poco, credo di aver visto il rinnovo peggio gestito e non solo per colpa di Raiola". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Dario Canovi. Di chi le colpe principali? "Un po' di tutti. Anche del Milan, che doveva capire di avere di fronte Raiola...
Telegram

A tu per tu

...con Martorelli 26.06 - "Ho visto un Milan molto attivo, l'unica società che si è mossa in maniera importante. Mi aspetto tanto dall'Inter, che è abbastanza ferma sul mercato e credo farà tante operazioni. Servirà capire cosa farà la Juventus, soltanto il Milan ha fatto qualcosa di diverso e importante....

A tu per tu

...con Gasparin 25.06 - Gigio Donnarumma e il Milan, trattativa in corso per il rinnovo. "Sono dalla parte del Milan, anche se ci sono delle situazioni delicate e difficili. Il potere contrattuale del calciatore è molto forte, poi c'è Mino Raiola che è un ostacolo di quelli difficili da scalare. Gigio Donnarumma...

A tu per tu

...con Salvatori 24.06 - "Sarà un mercato in cui si metteranno tutte in competizione per contrastare la corazzata Juventus, Roma e Napoli saranno competitive. Chi ha più da lavorare sono le milanesi". Così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo Fabrizio Salvatori, ex tra le altre di Trapani, Bologna e Torino....

A tu per tu

...con Tami 23.06 - Un'eredità pesante - quella di Tramezzani - e il mercato che si accende. Il Lugano riparte da Pier Tami. "La squadra ha smesso da poco, la pausa è stata breve. Stiamo lavorando per completare la rosa, il tempo stringe e quindi dobbiamo fare in fretta", dice il nuovo allenatore della...

A tu per tu

...con Sannino 22.06 - "Donnarumma e il mancato rinnovo con il Milan?Un ragazzo cresciuto nel Milan, di diciotto anni, non doveva neanche pensarci. Doveva restare e basta. Ma nessuno crede più al cuore e alla maglia, avendo un agente importante come Raiola è normale che lo stesso procuratore faccia gli...

A tu per tu

...con Novellino 21.06 - "La società si sta muovendo bene, ma siamo ancora sulle verifiche. Sicuramente c'è la volontà di fare bene". Così a TuttoMercatoWeb l'allenatore dell'Avellino, Walter Novellino. Obiettivi per il prossimo anno? "Vogliamo soffrire meno dell'anno scorso. Poi strada facendo...

A tu per tu

...con Capozucca 20.06 - "Fin qui è stato protagonista il Milan, in maniera inaspettata. Mirabelli si è ben districato. Il problema Donnarumma fa passare in secondo piano tutto quello che è stato fatto, ma se valutiamo tutto il Milan ha fatto un ottimo mercato". Così a TuttoMercatoWeb l'ex ds del Cagliari,...

A tu per tu

...con Colomba 19.06 - "Donnarumma e il caso scoppiato al Milan? Secondo me l'errore è stato commesso in passato: quando si ha un legno grezzo non bisogna arrivare all'ultimo. Si sa benissimo come vanno le cose al giorno d'oggi, le bandiere non esistono più. La festa di Totti è la prova che la gente ha...

A tu per tu

...con Antonini 18.06 - Tiene banco il caso Donnarumma. "Io avrei firmato in bianco, il mio approccio è diverso. Il mio procuratore avrebbe potuto dirmi qualunque cosa, ma io avrei firmato. Stiamo parlando del Milan", dice a TuttoMercatoWeb l'ex difensore rossonero Luca Antonini. Critiche e tanto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.