VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

A tu per tu

...con Bjelica

"Il mio Spezia, niente corsa e tanto lavoro con la palla. Questo gruppo ha fame. Serie A? Un sogno, non un obiettivo. Costruiamo il futuro. Kramaric da big. E io penso al presente..."
11.11.2014 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 14972 volte
© foto di LR Press

"Abbiamo creato un buon gruppo. Un gruppo sano". Sorride Nenad Bjelica, allenatore dello Spezia. Spezia che vola e sogna, sulle ali dell'entusiasmo. Dallo scetticismo iniziale - anche interno al club - a risultati su risultati. E il meglio deve ancora venire. Bjelica parla a TuttoMercatoWeb.

Mister, cominciano a vedersi i frutti del suo lavoro.
"Tutti devono sentirsi utili per la squadra. Lavorando si può fare bene. Stiamo facendo buoni risultati e davanti ai nostri tifosi offriamo anche bel gioco. Stiamo dimostrando un livello alto di gioco. Basti pensare che abbiamo vinto contro Livorno e Pescara. Questo gruppo ha fame".

Obiettivo serie A?
"Obiettivo no. Sogno si. Abbiamo una squadra nuova, con tanti giocatori nuovi. Era difficile pensare che tutto funzionasse bene come sta funzionando adesso. Abbiamo fatto un piano triennale: in tre anni vogliamo andare in serie A e stiamo lavorando. Funziona tutto bene, ma dobbiamo andare avanti così perché mancano ancora tante partite. Abbiamo fatto tredici chilometri, ma ne mancano ancora tanti. L'obiettivo è preparare la squadra per il futuro".

All'inizio su di lei c'era un po' di scetticismo, anche interno al club. Tant'è che c'erano stati dei problemi anche relativi al preparatore atletico, che lei non utilizza.
"Era normale che qualcuno fosse scettico e non sicuro del mio lavoro. Io lavoro in maniera diversa. Faccio lavoro fisico con la palla e non con la palla. Questa è la differenza tra il mio lavoro e chi lavora in Italia. Vero, non tutti erano sicuri che il mio metodo di lavoro avesse successo. E adesso stanno arrivando i risultati, perché tutti si sono adattati al mio metodo. I ragazzi sono contenti. Lavoriamo duramente, ma sempre con la palla. E i risultati hanno cambiato l'opinione di qualcuno che poteva essere scettico. Era una cosa nuova per la gente, per la squadra e per qualcuno che lavora per la società. Ma penso che il mio modo di lavorare sia giusto. Anche se a qualcuno può sembrare strano che non voglia il preparatore atletico perché non conosce il metodo di lavoro moderno che magari non si usa in Italia. Ma anche il Napoli fa lo stesso lavoro nostro. Non perdiamo tempo con la corsa secca. È un modo europeo di fare l'allenatore: succede lo stesso in Germania o in Austria e non l'ho certo scoperto io".

Italia-Croazia, il 16 novembre. Come la vede?
"Una partita aperta. La Croazia sta crescendo, la squadra si è rinnovata e sembra sicura, organizzata. Mi aspetto una bella partita. Ma anche l'Italia è cambiata ed é diversa con Conte rispetto al Mondiale. Sarà una partita dura per entrambe. Croazia e Italia se la giocheranno per primo e secondo posto".

Il giocatore da tenere d'occhio?
"Kramaric è in forma, è cresciuto tanto. È diventato un idolo del Rijeka ed è importante anche per la Nazionale. Negli ultimi tempi ha avuto un exploit importante".

Exploit da big italiana?
"È un giocatore da grande squadra italiana. È cresciuto. Non gioca bene solo in campionato ma anche in Europa, questo fa di lui un giocatore importante".

E lei, in futuro, si vede in una grande in serie A?
"Sono contento allo Spezia. Stiamo facendo un buon lavoro qui e penso a fare bene qui. Non ho tempo di pensare dove posso arrivare. Sono ambizioso, è normale. Voglio arrivare in una grande squadra. Ma la strada è lunga e devo migliorare ogni giorno".

E poi ha una guida importante in società: Igor Budan, che ha alle spalle una promozione in serie A da dirigente - al Palermo - e il campionato italiano lo conosce bene.
"Mi ha aiutato molto le prime settimane. Non conoscevo il calcio italiano. Igor mi ha dato buone informazioni, sia dal punto vista professionale che personale su alcuni calciatori. È stato molto utile, è sempre presente e aiuta tanto i ragazzi. Il suo ruolo all'interno della società è molto importante".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Mandorlini 21.01 - “L’Inter è partita bene salvo inciampare nelle ultime gare. Magari c’è stato un calo fisico, generale. E per la Roma vale lo stesso: era partita bene. La sosta però è servita a ricaricare le batterie”. Così a TuttoMercatoWeb Andrea Mandorlini fa le carte a Inter-Roma che si giocherà...

A tu per tu

...con Gasparin 20.01 - Avanti con il curatore fallimentare. Poi si vedrà. Il Vicenza è fallito. "Al Vicenza sono legato, ho vissuto dalla serie C fino alla semifinale di Coppa contro il Chelsea. Risiedo a Vicenza, sono tifoso così come lo è mio figlio. Vedere che il lavoro fatto in precedenza è stato depauperato...

A tu per tu

...con Bjelica 19.01 - “Ho preso la squadra al dodicesimo posto, siamo arrivati terzi. In questo secondo campionato abbiamo cambiato tanto la squadra, sono partiti giocatori importanti ma siamo competitivi. Oggi siamo secondi, possiamo vincere il campionato e abbiamo tutto per riuscirci”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Stellone 18.01 - “La scelta di Verdi può essere giusta perché a Bologna è protagonista, mentre a Napoli avrebbe rischiato di giocare poco perché ci sono Insigne, Mertens e Callejón. Il no deve essere visto sotto questo aspetto”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex allenatore del Frosinone, Roberto Stellone. E...

A tu per tu

...con Stramaccioni 17.01 - Programmazione. Parola d’ordine in casa Sparta Praga. E a guidare il nuovo progetto ceco è Andrea Stramaccioni. “È una grandissima sfida e una grandissima esperienza essere il primo allenatore straniero della storia di un club così titolato a livello internazionale. Siamo a quattro...

A tu per tu

...con Legrottaglie 16.01 - “Da qui alla fine Napoli e Juve si daranno battaglia, i bianconeri comunque rimangono favoriti per rosa ed esperienza. Sarà una lotta degna del nostro campionato”. Così a TuttoMercatoWeb Nicola Legrottaglie fotografa il campionato di serie A che riprenderà questa settimana. Il...

A tu per tu

...con Berti 15.01 - “In estate ci sarà un valzer di portieri, se Perin continua così andrà in una grande squadra. E poi occhio a Donnarumma, che potrebbe andare via dal Milan”. Così a TuttoMercatoWeb sul possibile valzer di portieri che si verificherà in estate, l’ex portiere Gianluca Berti, oggi dirigente...

A tu per tu

...con Tedesco 14.01 - “Inter e Napoli devono puntellare il proprio organico, non perché abbiano difficoltà ma per provare a raggiungere gli obiettivi prefissati. Se il Napoli vuole competere per la vittoria del campionato deve aggiungere qualche tassello. Così come l’Inter per arrivare tra le prime quattro”....

A tu per tu

...con Damiani 13.01 - "Per adesso non ci sono stati movimenti significativi. C'è stata qualche uscita, le grandi invece hanno fatto poco: si può far qualcosa per allungare la rosa. L'unico vero acquisto potrebbe essere Verdi al Napoli, con un esborso economico anche importante". Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Joao Santos 12.01 - Due primati. In serie A e in serie B, sorridono Jorginho e Igor Coronado con Napoli e Palermo. E sorride anche Joao Santos, agente dei due calciatori. “Un risultato frutto del lavoro delle due squadre che puntano a vincere i rispettivi campionati. E il mercato non influenzerà la...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.