HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
A tu per tu

...con Bozzo

"Cassano-Inter, nella vita contano gli stimoli: Antonio vuole vincere. Peluso-Palermo, Zamparini ha preferito non investire. Gilardino-Bologna, operazione rilancio"
06.09.2012 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 13587 volte

È stato il mercato di Beppe Bozzo. Dallo scambio di Milano, Cassano-Pazzini al trasferimento - in prestito - di Alberto Gilardino dal Genoa al Bologna. Tutti con la stessa voglia, tutti con l'intenzione di tornare protagonisti. "È stato un mercato coraggioso ed intelligente", afferma a TuttoMercatoWeb il noto avvocato e manager di calciatori.

Analizziamolo meglio.
"Si è scelto di puntare sui giovani, questo nuovo atto di coraggio da parte delle società porterà dei benefici. Ma ovviamente un plauso va a chi ha saputo resistere alle tentazioni e mi riferisco a Napoli e Fiorentina, che hanno trattenuto Cavani e Jovetic".

Il Milan invece ha perso Ibrahimovic e Thiago Silva.
"Cessioni che nell'ottica di una politica di ringiovanimento possono starci. Sottolinerei anche il coraggio avuto dall'Inter con le cessioni di Maicon, Julio Cesar e Lucio, che probabilmente non si sono concretizzate dopo il Triplete per un atto romantico del Presidente Moratti. Stramaccioni farà un ottimo lavoro, ha un grande rapporto con i suoi calciatori e questo particolare non è da poco".

Cassano si è già calato nella nuova realtà nerazzurra.
"Antonio si appresta a fare bene così da ricambiare la fiducia di ambiente e società: dal presidente fino all'ultimo dei magazzinieri. Calcisticamente non si discute, in campo ha dimostrato di essere il talento italiano più importante degli ultimi anni. Basta vedere le sue esperienze alla Roma, alla Sampdoria e anche al Milan, dove è stato il re degli assist e ha contribuito in maniera importante alla vittoria dello Scudetto. Non deve certo dimostrare niente, anzi, deve continuare a fare bene come ha fatto".

Perché il trasferimento dal Milan all'Inter?
"Nella vita gli stimoli sono tutto. L'Inter vuole tornare a vincere e questa voglia è direttamente proporzionale a quella di Antonio. Stramaccioni poi ha sempre manifestato simpatia nei confronti del ragazzo. Tutto ciò ha portato a fare delle riflessioni positive".

I tifosi rossoneri sono rimasti delusi, Cassano era già un idolo.
"Antonio li ha ringraziati ma il calcio è anche questo. Ci sta di cambiare squadra e parrocchia, i problemi sono altri. La cosa importante è rispettarsi, Antonio è stato accolto benissimo dal popolo milanista ed è stato aiutato quando ha avuto i problemi al cuore. Ma ci sono dei momenti in cui si fanno delle riflessioni e alla fine tutti sono stati contenti dell'operazione: il Milan ha preso un ottimo giocatore come Pazzini e l'Inter il miglior talento del calcio italiano degli ultimi anni ad un costo sostenibile. Poi chi ci ha guadagnato lo dirà il campo".

Peluso è stato corteggiato da Palermo e Juventus, alla fine però è rimasto all'Atalanta.
"La valutazione che ha dato l'Atalanta era accessibile soltanto ai grandi club. Non che il Palermo non lo sia, ma probabilmente Zamparini ha pensato di non investire su un giocatore che è nel giro della Nazionale, quindi con Marino si è preferito rimandare tutto: se dovessero esserci delle opportunità in linea con le aspettative dell'Atalanta e del calciatore si tornerà a parlare di mercato. Ma l'Atalanta è una squadra assolutamente degna e il ragazzo è felice in nerazzurro. Per quanto riguarda la Juventus, se fosse andato via qualche giocatore che non fa parte dell'idea di calcio di Antonio Conte la società bianconera avrebbe tentato di prendere Federico. Questo però non è avvenuto, quindi aspettiamo e vedremo cosa accadrà prossimamente".

L'anno scorso Pizarro aveva scelto il City, ora ha accettato la Fiorentina.
"La Fiorentina è un club importantissimo del calcio italiano, i Della Valle hanno grande passione e attaccamento alla loro società. La squadra viola può essere una sorpresa del campionato, una vera mina vagante. In panchina c'è un allenatore come Montella, molto esperto virtù dei suoi trascorsi da calciatore. E se avesse ancora voglia di giocare potrebbe fare bene, magari in tandem con Jovetic (sorride, ndr). Per il mister parlano i fatti, la sua presenza in panchina, unita all'esperienza di un direttore come Pradè che conosce bene Pizarro ha contribuito in maniera importante nella testa del giocatore a fargli accettare la destinazione".

Altri due trasferimenti che ha curato sono quelli di Greco all'Olympiakos e Lazzari all'Udinese.
"Mi ha colpito l'organizzazione del club ellenico, ben organizzato e guidato. È una società importante, con un allenatore che ha voluto fortemente Leandro, quindi il ragazzo non ci ha pensato su due volte ad accettare. Per quanto riguarda Lazzari, è arrivata la chiamata dell'Udinese che ha scelto di puntare su di lui. Il ragazzo ha ricambiato subito facendo gol...".

E poi nel finale il colpo che non ti aspetti, Gilardino al Bologna.
"È stato un trasferimento improvviso. Si è presenta questa opportunità e bisogna tener conto che ci sono dei momenti in cui serve fare delle riflessioni. Il Genoa è ancora titolare del cartellino di Alberto, che al Bologna è andato in prestito. In accordo con Preziosi abbiamo pensato di fare quest'operazione: tutti sono contenti, dal Bologna al Genoa e soprattutto Alberto, per il quale la squadra di Pioli può rappresentare un rilancio importante".

Chiudiamo con Marrone, la Juventus ha rifiutato tante offerte.
"Luca ha avuto un grandissimo mercato. Ma la Juve ha detto di no, perché l'allenatore lo ritiene importante. Questo ovviamente al ragazzo, cresciuto a pane e Juventus, ha fatto più che piacere ed è rimasto volentieri per giocarsi le sue carte. Spero possa confermare quanto di buono si dice su di lui e che si affermi nella Juventus, la sua squadra del cuore".

Lotta Scudetto, bianconeri ancora favoriti?
"La Juventus è una spanna sopra le altre. Ma occhio a Inter, Milan, Napoli e Roma. La lotta è aperta, i giallorossi potrebbero trarre benefici dalla mancanza di impegni europei. Ma la Juve è strutturata meglio perché era già forte l'anno scorso e ha inserito in organico altre pedine importanti. Le altre però non staranno a guardare e sono pronte a giocarsela".

Gc Milano 02/09/2012 - campionato di calcio serie A / Inter-Roma nella foto: esultanza gol Antonio Cassano © foto di Giuseppe Celeste/Image Sport


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

...con Moriero 18.03 - “Sulla Roma il discorso parte da lontano, Di Francesco ha avuto una squadra molto giovane: ha valorizzato Zaniolo, ci sono stati alti e bassi. Ranieri però porta serenità e tranquillità, conosce l’ambiente”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex centrocampista giallorosso, Francesco Moriero. Da...

A tu per tu

...con Antonini 17.03 - “Il Milan arriva in una condizione psicologica migliore perché se guardiamo i risultati ottenuti nelle ultime partite il trend è positivo. Mentre l’Inter sta vivendo un brutto momento. Ma il derby è una partita a se e non c’entra niente la parte psicologica o altre situazioni”. Così...

A tu per tu

...con Berti 16.03 - “I portieri migliori? Fin qui Donnarumma mi è piaciuto molto, è cresciuto tanto. Oltre lui ci sono tanti altri profili come Sirigu, Audero e Cragno”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex portiere di - tra le altre - Fiorentina e Palermo, Gianluca Berti. A proposito di Sirigu. Stasera c’è...

A tu per tu

...con Lupo 15.03 - Continua il caso Icardi all’Inter. “Come in tutte le situazioni in cui c’è una rottura è evidente che non si possa imputare la responsabilità a una sola delle parti. Ora però è il momento di ripartire per trovare la via del dialogo: l’Inter ha bisogno di Icardi e lo dimostrano i numeri...

A tu per tu

...con Zavaglia 14.03 - “La Roma? Bisogna capire se questa società vuole italianizzarsi o no. Con l’esonero di Di Francesco non si vanno a risolvere tutti i problemi, sono stati fatti degli errori in estate spendendo qualche milione di troppo”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Franco Zavaglia. Monchi...

A tu per tu

...con Caravello 13.03 - “La Roma deve cercare di portare a termine la stagione nel migliore dei modi. Dispiace per Monchi e Di Francesco, quando il lavoro rimane a metà non è mai bello”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Danilo Caravello. L’allenatore della Roma che verrà: su chi punta? “Per...

A tu per tu

...con Antonelli 12.03 - “Mi auguro che la Juventus riesca a ribaltare il risultato. Lo spero per il calcio italiano, perché un eventuale exploit dei bianconeri creerebbe benefici per tutto il sistema”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Stefano Antonelli. L’Atletico è avversario ostico. In...

A tu per tu

...con Corsi 11.03 - “La Roma per noi è una squadra fuori portata. Il cambio di allenatore le porterà qualcosa in più. Però abbiamo sfiorato in passato di fare risultato contro tante squadre. Dobbiamo crederci, anche in virtù delle assenze dei nostri avversari”. Così a TuttoMercatoWeb il presidente dell’Empoli,...

A tu per tu

...con Mangia 10.03 - “Oggi iniziano i playoff, ce la giochiamo per lo scudetto. In più siamo in semifinale di Coppa di Romania. Le cose vanno bene. Tra estate e inverno sul mercato la società ha fatto mosse importanti”. Così a TuttoMercatoWeb l’allenatore del Craiova, Devis Mangia, traccia un bilancio...

A tu per tu

...con Pagni 09.03 - “Mi dispiace per l’esonero di Di Francesco. Monchi è un esperto di plusvalenze, ma bisogna capire se l’obiettivo è vincere, fare plusvalenze o creare un gruppo nel tempo. Adesso comunque, vedrei bene la coppia Totti-Balzaretti”. Così a TuttoMercatoWeb sull’addio di Monchi dal ruolo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510