HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
A tu per tu

...con Bozzo

"Cassano-Inter, nella vita contano gli stimoli: Antonio vuole vincere. Peluso-Palermo, Zamparini ha preferito non investire. Gilardino-Bologna, operazione rilancio"
06.09.2012 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 13577 volte

È stato il mercato di Beppe Bozzo. Dallo scambio di Milano, Cassano-Pazzini al trasferimento - in prestito - di Alberto Gilardino dal Genoa al Bologna. Tutti con la stessa voglia, tutti con l'intenzione di tornare protagonisti. "È stato un mercato coraggioso ed intelligente", afferma a TuttoMercatoWeb il noto avvocato e manager di calciatori.

Analizziamolo meglio.
"Si è scelto di puntare sui giovani, questo nuovo atto di coraggio da parte delle società porterà dei benefici. Ma ovviamente un plauso va a chi ha saputo resistere alle tentazioni e mi riferisco a Napoli e Fiorentina, che hanno trattenuto Cavani e Jovetic".

Il Milan invece ha perso Ibrahimovic e Thiago Silva.
"Cessioni che nell'ottica di una politica di ringiovanimento possono starci. Sottolinerei anche il coraggio avuto dall'Inter con le cessioni di Maicon, Julio Cesar e Lucio, che probabilmente non si sono concretizzate dopo il Triplete per un atto romantico del Presidente Moratti. Stramaccioni farà un ottimo lavoro, ha un grande rapporto con i suoi calciatori e questo particolare non è da poco".

Cassano si è già calato nella nuova realtà nerazzurra.
"Antonio si appresta a fare bene così da ricambiare la fiducia di ambiente e società: dal presidente fino all'ultimo dei magazzinieri. Calcisticamente non si discute, in campo ha dimostrato di essere il talento italiano più importante degli ultimi anni. Basta vedere le sue esperienze alla Roma, alla Sampdoria e anche al Milan, dove è stato il re degli assist e ha contribuito in maniera importante alla vittoria dello Scudetto. Non deve certo dimostrare niente, anzi, deve continuare a fare bene come ha fatto".

Perché il trasferimento dal Milan all'Inter?
"Nella vita gli stimoli sono tutto. L'Inter vuole tornare a vincere e questa voglia è direttamente proporzionale a quella di Antonio. Stramaccioni poi ha sempre manifestato simpatia nei confronti del ragazzo. Tutto ciò ha portato a fare delle riflessioni positive".

I tifosi rossoneri sono rimasti delusi, Cassano era già un idolo.
"Antonio li ha ringraziati ma il calcio è anche questo. Ci sta di cambiare squadra e parrocchia, i problemi sono altri. La cosa importante è rispettarsi, Antonio è stato accolto benissimo dal popolo milanista ed è stato aiutato quando ha avuto i problemi al cuore. Ma ci sono dei momenti in cui si fanno delle riflessioni e alla fine tutti sono stati contenti dell'operazione: il Milan ha preso un ottimo giocatore come Pazzini e l'Inter il miglior talento del calcio italiano degli ultimi anni ad un costo sostenibile. Poi chi ci ha guadagnato lo dirà il campo".

Peluso è stato corteggiato da Palermo e Juventus, alla fine però è rimasto all'Atalanta.
"La valutazione che ha dato l'Atalanta era accessibile soltanto ai grandi club. Non che il Palermo non lo sia, ma probabilmente Zamparini ha pensato di non investire su un giocatore che è nel giro della Nazionale, quindi con Marino si è preferito rimandare tutto: se dovessero esserci delle opportunità in linea con le aspettative dell'Atalanta e del calciatore si tornerà a parlare di mercato. Ma l'Atalanta è una squadra assolutamente degna e il ragazzo è felice in nerazzurro. Per quanto riguarda la Juventus, se fosse andato via qualche giocatore che non fa parte dell'idea di calcio di Antonio Conte la società bianconera avrebbe tentato di prendere Federico. Questo però non è avvenuto, quindi aspettiamo e vedremo cosa accadrà prossimamente".

L'anno scorso Pizarro aveva scelto il City, ora ha accettato la Fiorentina.
"La Fiorentina è un club importantissimo del calcio italiano, i Della Valle hanno grande passione e attaccamento alla loro società. La squadra viola può essere una sorpresa del campionato, una vera mina vagante. In panchina c'è un allenatore come Montella, molto esperto virtù dei suoi trascorsi da calciatore. E se avesse ancora voglia di giocare potrebbe fare bene, magari in tandem con Jovetic (sorride, ndr). Per il mister parlano i fatti, la sua presenza in panchina, unita all'esperienza di un direttore come Pradè che conosce bene Pizarro ha contribuito in maniera importante nella testa del giocatore a fargli accettare la destinazione".

Altri due trasferimenti che ha curato sono quelli di Greco all'Olympiakos e Lazzari all'Udinese.
"Mi ha colpito l'organizzazione del club ellenico, ben organizzato e guidato. È una società importante, con un allenatore che ha voluto fortemente Leandro, quindi il ragazzo non ci ha pensato su due volte ad accettare. Per quanto riguarda Lazzari, è arrivata la chiamata dell'Udinese che ha scelto di puntare su di lui. Il ragazzo ha ricambiato subito facendo gol...".

E poi nel finale il colpo che non ti aspetti, Gilardino al Bologna.
"È stato un trasferimento improvviso. Si è presenta questa opportunità e bisogna tener conto che ci sono dei momenti in cui serve fare delle riflessioni. Il Genoa è ancora titolare del cartellino di Alberto, che al Bologna è andato in prestito. In accordo con Preziosi abbiamo pensato di fare quest'operazione: tutti sono contenti, dal Bologna al Genoa e soprattutto Alberto, per il quale la squadra di Pioli può rappresentare un rilancio importante".

Chiudiamo con Marrone, la Juventus ha rifiutato tante offerte.
"Luca ha avuto un grandissimo mercato. Ma la Juve ha detto di no, perché l'allenatore lo ritiene importante. Questo ovviamente al ragazzo, cresciuto a pane e Juventus, ha fatto più che piacere ed è rimasto volentieri per giocarsi le sue carte. Spero possa confermare quanto di buono si dice su di lui e che si affermi nella Juventus, la sua squadra del cuore".

Lotta Scudetto, bianconeri ancora favoriti?
"La Juventus è una spanna sopra le altre. Ma occhio a Inter, Milan, Napoli e Roma. La lotta è aperta, i giallorossi potrebbero trarre benefici dalla mancanza di impegni europei. Ma la Juve è strutturata meglio perché era già forte l'anno scorso e ha inserito in organico altre pedine importanti. Le altre però non staranno a guardare e sono pronte a giocarsela".

Gc Milano 02/09/2012 - campionato di calcio serie A / Inter-Roma nella foto: esultanza gol Antonio Cassano © foto di Giuseppe Celeste/Image Sport


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

...con Bonato 17.10 - “Inter e Milan arrivano al derby nelle migliori condizioni, entrambe vengono da buone prestazioni perché hanno trovato le giuste dinamiche di gioco”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex ds di Sassuolo e Udinese, Nereo Bonato, in vista del derby di Milano. La partita promette spettacolo. “Da...

A tu per tu

...con Paloschi 16.10 - “Fin qui ho cercato di sfruttare al meglio le occasioni che mi ha concesso il mister. Ma mi dispiace che i gol realizzati non abbiano portato ad un risultato positivo, perché ciò che conta è l’obiettivo di squadra”. Così a TuttoMercatoWeb l’attaccante della SPAL, Alberto Paloschi....

A tu per tu

...con Bergodi 15.10 - “Dalla Lazio ci si aspettava di più, anche se la classifica sorride le prestazioni non sono state all’altezza dello scorso campionato”. Cosi a TuttoMercatoWeb Cristiano Bergodi fa le carte al campionato di Serie A. Ci si aspettava di più da Milinkovic Savic. “Forse troppe pressioni....

A tu per tu

...con A.Marotta 14.10 - Cercasi successo. L’Italia all’esame Polonia, a caccia di una vittoria che darebbe linfa al morale e alla classifica. “È una partita da ultima spiaggia per entrambe, ammesso che questo torneo abbia un valore effettivo. Sia l’Italia che la Polonia cercheranno un successo, l’ambiente...

A tu per tu

...con Cosmi 13.10 - “La Nazionale? Vincere, amichevole e competizione dove ci sono punti in palio, da sempre fiducia. Poi la squadra è giovane, quindi un successo sarebbe un’iniezione di fiducia importante. Mi è sembrato che la Nazionale abbia giocato un buon calcio, si può essere fiduciosi”. Così a...

A tu per tu

...con Delneri 12.10 - “Con CR7 la Juventus ha acquisito forza non solo sul campo ma anche mentale. Cristiano Ronaldo è il fattore in più, questa Juve può essere protagonista non solo in campionato ma anche in Champions League”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex allenatore bianconero, Luigi Delneri. Intanto...

A tu per tu

...con Sannino 11.10 - “Tutti partono con un progetto, poi bastano due sconfitte e si cambia...”. Così a TuttoMercatoWeb Giuseppe Sannino a proposito dei cambi di allenatore da parte di Chievo Verona e Genoa. Il cambio in casa Chievo, comunque, era prevedibile. La classifica piange... “Un conto è entrare...

A tu per tu

...con Sebastiani 10.10 - “Il primato in classifica? Nessun effetto. Non ci sposta minimamente. Sappiamo che non abbiamo fatto niente. Viviamo alla giornata”. Così a TuttoMercatoWeb il presidente del Pescara, Daniele Sebastiani. L’obiettivo stagionale? “Vogliamo fare un bel campionato, il meglio possibile....

A tu per tu

...con Di Carlo 09.10 - “La Juventus non partiva così bene da tempo, grande merito a CR7 che in campo sprona tutti. Quest’anno è bello vedere i bianconeri, c’è grande entusiasmo”. Così a TuttoMercatoWeb Domenico Di Carlo fa le carte al campionato di Serie A. Sorride l’Inter, nonostante la partenza... “È...

A tu per tu

...con Caravello 08.10 - “Da novembre chi dovrà impostare qualcosa comincerà a guardarsi intorno. Le squadre che stanno facendo bene toccheranno poco, gennaio sarà invece un’occasione per chi sta giocando meno”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Danilo Caravello. Giusto aspettarsi l’Inter protagonista...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy