HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
L'Italia di Mancini può vincere l'Europeo?
  Sì: ha dimostrato di essere all'altezza delle migliori
  Sì ma solo con un sorteggio favorevole
  Serve un miracolo, è ancora presto
  No: il girone era facile e il vero valore è sempre lo stesso

La Giovane Italia
A tu per tu

...con Bruno Cirillo

Intervista realizzata da Raffaella Bon
16.06.2009 00:00 di Andrea Lolli   articolo letto 13633 volte

A cosa si deve questa scelta di tornare all'estero?
"Guardandomi indietro ho passato tre anni bellissimi ad Atene all'Aek e ho deciso di tornare in Grecia per questo. C'è stata questa possibilità, mi hanno voluto fortemente ed ora penso a far bene in questi due anni che ho di contratto".

Quindi nel tuo cuore avevi conservato un pezzo della Grecia?
"Sì, qui mi sono tolto grandi soddisfazioni come lottare per lo Scudetto e giocare la Champions League. Queste sono le massime aspirazioni per un calciatore e per me queste possibilità sono molto più facili da avere in Grecia che in Italia".

Ora cosa ti aspetti da questa nuova avventura?
"Mi aspetto di far bene e continuare su questa strada. Ho lasciato un bel ricordo e la gente si aspetta molto da me, perciò voglio dimostrare a questa gente il mio valore".

L'obiettivo della squadra qual è?
"Noi faremo i preliminari di Coppa Uefa e ci auguriamo di entrare nella fase a gironi. In campionato invece vogliamo lottare per le prime posizioni, il Paok nell'ultima stagione è arrivato secondo ed ora si è rinforzato per continuare a lottare alla pari con le squadre migliori".

Il campionato greco da cosa si differenzia dal nostro?
"Il nostro campionato si differenzia sicuramente a livello di valori. Credo sia il più bello ed il più importante, ma in Grecia l'atmosfera è forse più accesa e il pubblico è veramente molto appassionato. Ultimamente comunque sono cresciuti molto e non dimentichiamo che la nazionale greca è stata anche campione d'Europa. Sicuramente da parte loro c'è voglia di far bene".

E a livello di gioco?
"Cambia poco, in Grecia ci sono tanti brasiliani e si vedono tante belle partite. In Italia siamo malati per la tattica, magari qui ci stanno arrivando piano piano, ma ci sono comunque giocatori importanti ed allenatori preparati".

Invece per quanto riguarda la fine del tuo rapporto con la Reggina?
"Parlando con la società e con il presidente ho capito che il mio nome non figurava nel progetto della Reggina, dunque abbiamo preso questa decisione insieme".

Secondo te il progetto della Reggina parte da giocatori giovani?
"Sì, loro vogliono partire dai giovani mettendo in squadra qualche giocatore che conosce bene la categoria. Hanno preso un buon allenatore e sicuramente le prospettive sono buone".

Secondo te, fra i tuoi ex compagni, chi potrà rimanere in B?
"Credo rimarranno Barillà, Carmona, Costa e tutti i giovani lanciati nella massima serie. A questi poi verranno affiancati i giocatori d'esperienza che loro decideranno. Sicuramente non sarà facile piazzare tutti i giocatori in esubero vista l'ampia rosa, ma si ripartirà da questi nomi".

Faccio dei nomi: Brienza, Vigiani e Barreto andranno via?
"Vigiani è in scadenza e non so se continueranno il rapporto. Brienza e Barretto sono giocatori di valori, giovani e con tanto mercato. Dovrà vedere la società se fare cassa o puntare su di loro".

Corradi come potrà fare all'Udinese?
"Penso bene. E' un grande protagonista, grande persona e da noi ha fatto dieci gol. E' andato in una squadra dalle grandi potenzialità e credo metterà a segno tanti gol".

Ti aspettavi una stagione così negativa per Amoruso e Bianchi?
"Sinceramente no, ma visto che ho vissuto lo stesso sulla mia pelle penso che nel calcio possa succedere che un giocatore un anno non riesce a dare quello che vuole".

La Reggina dove ha sbagliato secondo te?
"Penso che abbiamo avuto la possibilità di rimetterci in corsa alla fine, abbiamo fatto partite dove c'era la possibilità di salvarsi, ma credo che rispetto alle altre eravamo un po' leggerini. Questo non vuol dire granché, ma le partite da vincere le abbiamo perse e questo ha fatto la differenza. Si sono fatti un po' di errori, ma fino alla fine ci abbiamo provato".

Secondo te sono scese le tre squadre che meritavano?
"I punti dicono questo e nel calcio i numeri sono la cosa più importante. Torino, Lecce e Reggina hanno fatto meno punti degli altri ed è giusto così".

Delle tre quale ti ha stupito di più?
"Ad inizio campionato, guardando l'organico, non ritenevo il Torino assolutamente da retrocessione. C'era tanta gente con esperienza, qualità, ma alla fine se non si è tutti uniti nello stesso verso si fa fatica".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

...con Damiani 19.11 - “La lotta Scudetto è davvero bella, tra due squadre forti come Inter e Juve. I bianconeri non hanno brillato ma possono migliorare; i nerazzurri hanno un allenatore straordinario che sta dando una mentalità forte e vincente e soprattutto sa motivare l’ambiente”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Mandorlini 18.11 - “La Nazionale? Bene che la qualificazione sia arrivata in anticipo, così c’è il tempo di inserire nuovi calciatori”. Così a TuttoMercatoWeb Andrea Mandorlini approva il lavoro svolto dal ct Roberto Mancini in azzurro. Convocato Castrovilli, che lei conosce bene da Cremona. “Ha...

A tu per tu

...con Rajkovic 17.11 - “Mi sto allenando con il Partizan Belgrado, voglio essere pronto per quando firmerò con una squadra”. In piena forma e pronto a giocarsi le sue carte in un progetto a lui ideale, Slobodan Rajkovic è pronto a tornare protagonista. E parla a TuttoMercatoWeb. Con il Partizan si allena...

A tu per tu

...con Tesser 16.11 - “Stiamo facendo bene, ma la classifica è corta. Basta sbagliare una partita e sei risucchiato subito nella normalità. Guardiamo avanti con fiducia e umiltà, c’è da lavorare duro”. Così a TuttoMercatoWeb l’allenatore della rivelazione Pordenone, Attilio Tesser. Classifica oltre...

A tu per tu

...con Cosmi 15.11 - “L’Inter ha fatto un ottimo inizio di stagione, il Napoli è troppo lontano per poter sperare di recuperare. Ad oggi realmente bisogna riconoscere che l’unica antagonista della Juve sia l’Inter”. Così a TuttoMercatoWeb Serse Cosmi fa le carte al campionato di Serie A. Scudetto:...

A tu per tu

...con Di Campli 14.11 - “Orsolini in Nazionale? Mi rende orgoglioso, felice, per la fiducia che Riccardo e la famiglia hanno riposto in me”. Così a TuttoMercatoWeb l’agente di Riccardo Orsolini, Donato Di Campli. Si aspetta di giocare in queste due partite, immagino. “Non ci aspettiamo niente. Ma mica...

A tu per tu

...con Perinetti 13.11 - “Il caos Napoli? Si parla sempre di mercato per aggiustare tutto, ma la cosa più importante è la gestione. Bisogna riportare serenità nella quotidianità del gruppo e Ancelotti in questo è bravissimo. Se sarà affiancato nella maniera più collaborativa il Napoli potrà risollevarsi”....

A tu per tu

...con Vagnati 12.11 - “Il pareggio di Udine ci ha fatto sbloccare lo zero per ciò che riguardava le partite in trasferta. Lo accogliamo in maniera positiva”. Così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo della SPAL, Davide Vagnati. Immagino che le aspettative sulla classifica fossero diverse... “Le...

A tu per tu

...con Terlizzi 11.11 - “Il momento delicato del Napoli? Io ho avuto un presidente tipo De Laurentiis, cioè Zamparini che metteva bocca su tutto. Così è sbagliato, il Napoli ha vissuto di entusiasmo. Ancelotti sta facendo un percorso importante. I giocatori lasciando il ritiro hanno fatto la scelta giusta....

A tu per tu

...con Amoruso 10.11 - “Sulla carta non c’è storia, in campionato la Juve è prima e il Milan in un momento così basso è difficile ricordarlo”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex attaccante della Juventus, Nicola Amoruso. Il Milan invece delude... “La squadra non è male, ma se non hai l’esperienza giusta fai...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510