VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Juve ko in Supercoppa: di chi le colpe?
  Massimiliano Allegri e le sue scelte
  Il mercato di Marotta e Paratici
  I giocatori fuori forma come Higuain
  Nessuna crisi: ad agosto può starci

TMW Mob
A tu per tu

...con Caliandro

"Serie A al di sotto degli anni scorsi, bene così. Atalanta, Pinilla torna più forte di prima. Il Crotone e la grandezza delle piccole, cresce Balasa. Miccoli-Birkirkara, i motivi dell'addio. Procure pilotate, una vergogna..."
16.12.2015 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 16362 volte
© foto di Alessio Alaimo

Il bilancio dopo quasi un girone, il mercato che sta per ricominciare e alcune vicende che hanno fatto discutere. Presunte procure pilotate dai club, ai danni, magari, degli attuali agenti. A TuttoMercatoWeb parla l'avvocato Francesco Caliandro, che si pronuncia anche sull'addio di Fabrizio Miccoli al Birkirkara.

Caliandro, partiamo dal campionato.
"È un campionato al di sotto delle medie degli ultimi anni, perché comunque non c'è una leadership consolidata alla guida della classifica e questo non fa altro che del bene alle posizioni di vertice. Il Bologna s'è invece tirato fuori dalla lotta retrocessione con il cambio di guida tecnica, dando completamente una sterzata al campionato: questo per sottolineare quanto sia importante, a volte, credere nei progetti. Da parte dei vertici rossoblù il cambio di guida tecnica è stato determinante".

Bene anche l'Atalanta del suo Pinilla.
"Sì, c'è la riscossa delle piccole. Anche se poi, piccole non solo. Penso a Bologna, Atalanta e Chievo Verona: il simbolo di un calcio alla vecchia maniera. Ben vengano questi modelli".

E il suo assistito?
"Una prima parte di campionato importante, poi l'infortunio. Ora aspettiamo che rientri, riprenderà la sua marcia con voglia e ambizione di far sempre bene. È un punto di forza dell'Atalanta, è già in ottima forma e la fase di recupero procede spedita: serve solo un po' di tempo, tornerà più forte di prima e riprenderà il percorso che aveva interrotto".

Alla Dea lei assiste anche Migliaccio.
"Dà il suo contributo, un sicuro punto di riferimento per l'Atalanta nei momenti importanti della squadra".

Serie B: che sorpresa il Crotone di Balasa...
"Anche il Crotone in serie B riprende il concetto della grandezza delle piccole, che riescono a fare il vero calcio, andando a vedere l'essenza dei calciatori. Il segno di un grande lavoro. Il Crotone è cresciuto, non è più un caso. Una prerogativa di questo club è la ricerca dei giocatori, della programmazione, dello scouting: niente spettacolarità per l'extra-calcio. Balasa sta dimostrando cose egregie ed importanti, è un ragazzo straordinario, capace di trasmettere tutta la sua voglia di voler raggiungere obiettivi di livello".

A Livorno, vuol tornare protagonista Biagianti.
"Livorno è una piazza suggestiva, con un presidente che vive con passione la propria azienda calcistica, vuole vincere, è un uomo che ha sempre vinto. Queste emozioni sono forti, scuotono l'ambiente. Marco ha avuto un inizio partecipativo, poi una fase transitoria e adesso, con Mutti, ha dato il suo contributo contro il Cagliari non sono io a dover dire se importante o no. Il Livorno, comunque, può inserirsi nelle zone alte della classifica".

Brilla il Novara di Faragò.
"Faragò sta facendo parlare di se con le sue prestazioni. Il Novara sta confermando di potersela giocare per obiettivi importanti, bisogna dare continuità. L'appetito vien mangiando, ma bisogna mantenere una giusta ottica di lavoro".

Dezi può raggiungere Faragò a Novara?
"È un giocatore del Napoli. Nelle ultime partite è sempre stato ad un passo dall'essere chiamato, il bilancio di Jacopo è estremamente positivo. Mi piacerebbe una scalata nel mercato interno più che esterno: è partito in sordina, s'è inserito nel gruppo, ha un affiatamente importante. Sono contento del mercato interno che fa Jacopo, scala posizioni nella squadra a cui appartiene. Questo è il suo vero calciomercato".

Luperto, intanto, piace al Brescia?
"È un giocatore del Napoli, ha esordito in Europa League quest'anno e gioca in una delle squadre più forti del campionato italiano. Il mercato si fa a gennaio, per adesso godiamoci il Natale..."

E per il futuro il Palermo pensa a prolungare il rapporto con i baby Alastra e Ferchichi.
"Due ragazzi su cui oggi non è importante mettere i riflettori. Hanno la giusta e dovuta considerazione all'interno del Palermo ed è giusto che sia così. Ce la stanno mettendo tutta per farsi notare, oggi è importante dare continuità e non i discorsi legati ai contratti".

Impossibile non chiudere la raffica con Fabrizio Miccoli, che ha deciso di lasciare il Birkirkara. Perché?
"Per due motivi particolari e concomitanti".

Ossia?
"Fabrizio voleva tornare e ha colto la palla al balzo con l'allontanamento del mister Tedesco, l'unico che lo ha voluto e ha lasciato il Birkirkara in una posizione di vertice. Era un modo per dire a se stesso: «non smetto perché sono finito, ma prima lascio una squadra ai vertici della classifica». L'addio è stata una rivincita verso se stesso e un atto di rispetto nei confronti della sua famiglia, che per vent'anni non l'ha vissuta".

Per anni, lei, è stato il suo punto di riferimento. Miccoli agente seguendo le sue orme, ipotesi da scartare?
"Oggi gli auguro di fermarsi un attimo e godersi le vacanze di Natale. Poi potrà interfecciarsi con chiunque e pensare al futuro".

Mercato e polemiche: si parla di alcune presunte procure pilotate da determinati club. Come la vede?
"Discorsi che vengono alla luce perché parliamo di un mondo dove le notizie viaggiano in maniera accelerata. Questo fenomeno però non deve essere solo confinato al calcio. Purtroppo ci sono delle cose che non vanno e andrebbero sicuramente riviste. Ci sono degli organi preposti, deputati alla verifica di determinati accadimenti. Sicuramente è una vergogna, mi dà il senso di quello che esprimiamo a trecentosessanta gradi: non siamo capaci di avere quello che meritiamo per le nostre capacità, ma quello che vogliamo lo dobbiamo ottenere a qualsiasi costo calpestando diritti di famiglie, imprenditori e professionisti vari".

E a gennaio, che mercato si aspetta?
"Vorrei che le squadre lavorassero con il gruppo su cui hanno puntato in estate. Le big dovrebbero essere programmaticamente a posto. Non penso che la Juventus debba fare qualcosa, salvo qualche uscita clamorosa. Al Milan non credo che i problemi siano legati a giocatori, allenatore e società: vanno ricercati altrove, il club è di rilievo e i giocatori pure. Al Milan, deve esserci voglia di pensare solamente al calcio. L'Inter invece sta rispettando i suoi programmi, non le si può dire nulla. Un po' fatica la Lazio, che ha un rendimento diverso pur non avendo fatto grandi stravolgimenti: lo staff però è importante e il direttore sportivo sa cosa serve per riprendere il percorso. Ma si gioca sempre contro un avversario, la squadra perfetta non esiste".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Boghossian 16.08 - "Il Napoli contro il Nizza? Una bella partita, tra due squadre a cui piace giocare la palla. Il Nizza non ha iniziato bene il campionato, ma durante la stagione Sneijder e Balotelli faranno la differenza". Così a TuttoMercatoWeb l'ex centrocampista del Napoli e oggi allenatore, Alain...
Telegram

A tu per tu

...con Zavaglia 15.08 - "Il pesante ko della Roma? È la fase di preparazione, bisogna aspettare... è una sconfitta che lascia il tempo che trova. Non mi preoccuperei più di tanto". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Franco Zavaglia. Mercato: che faranno i giallorossi? "La Roma cercherà...

A tu per tu

...con D.Canovi 14.08 - "L'Inter si sta muovendo, mentre il Milan ha quasi completato la campagna acquisti. La Lazio dovrà prendere una decisione su Keita... fino al 16-17 agosto ci sarà una fase di pausa". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Dario Canovi. L'Inter intanto si avvicina a Schick... "Non...

A tu per tu

...con Cornacini 13.08 - "Ci saranno ancora tante cose... mi aspetto che la Juventus si muova concretamente per rinforzarsi". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato di Elenko, Leonardo Cornacini. Kalinic sempre più verso il Milan. "Un grande giocatore, già adattato al calcio italiano". Dunque...

A tu per tu

...con L.Pasqualin 12.08 - "Per differenza mi aspetto movimenti obbligatori da parte della Roma dopo le cessioni eccellenti e dall'Inter che dopo aver indovinato le mosse in difesa è chiamata a rinforzarsi unitamente alla permanenza di Perisic che è un giocatore che sposta gli equilibri". Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Maccarone 11.08 - Una nuova esperienza, tutta da vivere. Merito di... un caffè. "Ero con Grella, ci siamo ritrovati a bere un caffè e così è nata questa opportunità", dice a TuttoMercatoWeb Massimo Maccarone, che dopo l'addio burrascoso con l'Empoli ha scelto l'Australia. Torniamo indietro di...

A tu per tu

...con Berti 10.08 - "Si è scatenato il Milan, ha fatto il bello e cattivo tempo. Il resto del mercato si infiammerà più avanti, dopo ferragosto". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Gianluca Berti, ex portiere di - tra le altre - Fiorentina e Palermo e oggi direttore della Carrarese. Chi...

A tu per tu

...con Sebastiani 09.08 - "Il mercato? Siamo a posto, faremmo qualcosa soltanto se uscisse qualche pezzo importante". Parla a TuttoMercatoWeb il presidente del Pescara, Daniele Sebastiani. I possibili partenti? "Beh, sicuramente Biraghi, Zampano e Benali hanno richieste ed attenzioni dalla serie...

A tu per tu

...con Di Carlo 08.08 - "La sorpresa in positivo di questo inizio è stata l'Inter, che si sta costruendo una mentalità e i risultati stanno dando forza. Spalletti sta dando ordine tattico e idee di gioco. L'Inter si sta mettendo in mostra, anche se è pur sempre calcio d'agosto". Così a TuttoMercatoWeb Domenico...

A tu per tu

...con Durante 07.08 - "Neymar al PSG? Se ne parlava già da fine Olimpiadi del 2016, una trattativa che era già in atto da un anno. Oggi Neymar è il miglior giocatore al mondo, se c'è una clausola di risoluzione e viene pagata punto, finisce lì. Conosco la gente del Qatar, in Brasile abitavano affianco...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.