VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

A tu per tu

...con Cassarà

"A Perugia con impegno. Pagheremo gli stipendi. Salvezza? Guardate Napoli-Lazio... Bettinelli, dimissioni si o no: comportamento poco lineare ma non ho i soldi per tagliare le teste, a fine anno andrà via"
13.04.2015 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 16195 volte
...con Cassarà

"Giocheremo con il massimo impegno, i risultati poi sono quelli che sono. Auspichiamo sempre una buona prestazione, il resto lo stiamo riorganizzando piano piano". Cosi a TuttoMercatoWeb il presidente del Varese, Pierpaolo Cassarà in vista della partita di questa sera contro il Perugia.

Presidente e il futuro del Varese al di là della categoria? Vuole dare rassicurazioni?
"Ci stiamo impegnando per creare una situazione economico-finanziaria, questa è la rassicurazione. I risultati dipendono dagli obiettivi che stiamo cercando".

Questa settimana pagherete gli stipendi ai calciatori?
"Dalle informazioni che ho avuto dall'amministrazione penso che non ci saranno problemi".

La salvezza ormai è un miraggio. O no?
"Dovremmo fare punti praticamente in tutte le partite. Sotto il profilo sportivo bisogna ragionare con quello che c'è. Poi si spera in una prestazione e nei risultati. Guardate Napoli-Lazio come è andata: sono riusciti a cambiare le carte in tavola, magari si possono cambiare le carte in tavola anche in una condizione come la nostra. I ragazzi si stanno preparando con rigore e voglia".

Presidente, è scarico. È la prima intervista 'normale' che fa...
"Sabato scorso ho preso un freddo inaspettato, ho passato quattro giorni in cui non sono stato al meglio. E poi un'intervista normale ogni tanto ci vuole".

Il prossimo anno non ci sarà più Bettinelli in panchina, giusto?
"Penso proprio di no".

Il suo allenatore si era dimesso, poi ci ha ripensato, poi si è dimesso ancora e poi di nuovo ci ha ripensato.
"Non spetta a me commentare certe cose, bisogna sempre tenere un ordine di squadra ma è chiaro che Bettinelli ha già rappresentato quello che è: prima si, poi no, queste indecisioni in un momento così non aiutano. La fiducia però bisogna sempre concederla e darla. Bettinelli ha garantito il suo impegno, tutto sommato contro il Modena non sembrava neanche il Varese: abbiamo fatto una partita ben giocata, poi quando abbiamo giocato l'ultima in casa le cose non sono andate male. Forse è l'aria di Varese che nuoce alla squadra (sorride, ndr)".

Scusi Presidente, ma perché Bettinelli ha avuto questi ripensamenti?
Ci sono due verità: quella di fatto e quella di circostanza. Su quella di circostanza deve rispondere lui, non so perché abbia cambiato idea. Sicuramente il suo non è stato un comportamento lineare".

E perché non lo ha esonerato?
"Perché ho chiesto a tutti severità nel comportamento, rigore nell'azione di ognuno ma in questa situazione non siamo nella condizione di poter tagliare le teste per tante questioni".

Quindi non ha cacciato Bettinelli perché non aveva i soldi per pagare un altro allenatore.
"C'è anche questo motivo. Ma in lui crediamo ancora e non possiamo sempre punire... perché poi bisogna fare i conti con quello che rimane. Bettinelli può anche aver avuto un momento di sconforto. Ricordiamoci quello che ha fatto".

Cosa è successo al Varese quest'anno?
"In materia di calcio tutti si ergono a grandi maestri. Io sono entrato in punta di piedi e ci sono ancora. Da fuori è facile assumere posizioni di presunzione, nel calcio le variabili non sono solo quelle dell'amministrazione, ma quelle che riguardano il campo. Contro il Modena sembrava il Varese dei tempi d'oro, poi contro il Catania abbiamo fatto male. Un grande presidente con tutto il suo entourage deve cercare di capire cosa non funziona. Ho beccato un Varese in una situazione di ampio monitoraggio e a me danno fastidio quelli che ci danno già per morti. Alcuni giornalisti - parlo della stampa locale - hanno fatto morire il Varese ancora prima che morisse. La bara al morto si dà quando muore, non prima, senno si rischia di sbagliare la misura".

Però a vedere l'organico al completo non siete così scarsi...
"Se guardiamo le individualità la squadra c'è. Probabilmente manca quella proiezione di forza che comunque si è evidenziata a Modena. L'impegno c'è, sono mancate delle caselle. Oltre alla sfiga con gli arbitraggi, abbiamo avuto tanti infortunati. Ci sono mancati tanto Varela, Neto Pereira e altri, ma i ragazzi sono tutti grandi professionisti e vogliono ancora rimanere in serie B. Mettendo in analisi la possibile retrocessione in Lega Pro, l'importante è arrivarci con dignità sportiva. Facile essere definiti delle star quando ci sono i risultati e scarsi quando le cose non vanno bene. Magari a Perugia facciamo un risultato positivo, darebbe uno scossone a tutti i baroni che scrivono del Varese. Quando facciamo bene non dicono nulla, quando facciamo male siamo già impiccati" Sto cercando di accelerare la ripresa dei ragazzi, il ritorno in campo delle forze che potrebbero rendere più vigoroso il gioco. Con tutta la sfortuna che abbiamo avuto, manca solo una croce davanti".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Gasparin 20.01 - Avanti con il curatore fallimentare. Poi si vedrà. Il Vicenza è fallito. "Al Vicenza sono legato, ho vissuto dalla serie C fino alla semifinale di Coppa contro il Chelsea. Risiedo a Vicenza, sono tifoso così come lo è mio figlio. Vedere che il lavoro fatto in precedenza è stato depauperato...

A tu per tu

...con Bjelica 19.01 - “Ho preso la squadra al dodicesimo posto, siamo arrivati terzi. In questo secondo campionato abbiamo cambiato tanto la squadra, sono partiti giocatori importanti ma siamo competitivi. Oggi siamo secondi, possiamo vincere il campionato e abbiamo tutto per riuscirci”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Stellone 18.01 - “La scelta di Verdi può essere giusta perché a Bologna è protagonista, mentre a Napoli avrebbe rischiato di giocare poco perché ci sono Insigne, Mertens e Callejón. Il no deve essere visto sotto questo aspetto”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex allenatore del Frosinone, Roberto Stellone. E...

A tu per tu

...con Stramaccioni 17.01 - Programmazione. Parola d’ordine in casa Sparta Praga. E a guidare il nuovo progetto ceco è Andrea Stramaccioni. “È una grandissima sfida e una grandissima esperienza essere il primo allenatore straniero della storia di un club così titolato a livello internazionale. Siamo a quattro...

A tu per tu

...con Legrottaglie 16.01 - “Da qui alla fine Napoli e Juve si daranno battaglia, i bianconeri comunque rimangono favoriti per rosa ed esperienza. Sarà una lotta degna del nostro campionato”. Così a TuttoMercatoWeb Nicola Legrottaglie fotografa il campionato di serie A che riprenderà questa settimana. Il...

A tu per tu

...con Berti 15.01 - “In estate ci sarà un valzer di portieri, se Perin continua così andrà in una grande squadra. E poi occhio a Donnarumma, che potrebbe andare via dal Milan”. Così a TuttoMercatoWeb sul possibile valzer di portieri che si verificherà in estate, l’ex portiere Gianluca Berti, oggi dirigente...

A tu per tu

...con Tedesco 14.01 - “Inter e Napoli devono puntellare il proprio organico, non perché abbiano difficoltà ma per provare a raggiungere gli obiettivi prefissati. Se il Napoli vuole competere per la vittoria del campionato deve aggiungere qualche tassello. Così come l’Inter per arrivare tra le prime quattro”....

A tu per tu

...con Damiani 13.01 - "Per adesso non ci sono stati movimenti significativi. C'è stata qualche uscita, le grandi invece hanno fatto poco: si può far qualcosa per allungare la rosa. L'unico vero acquisto potrebbe essere Verdi al Napoli, con un esborso economico anche importante". Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Joao Santos 12.01 - Due primati. In serie A e in serie B, sorridono Jorginho e Igor Coronado con Napoli e Palermo. E sorride anche Joao Santos, agente dei due calciatori. “Un risultato frutto del lavoro delle due squadre che puntano a vincere i rispettivi campionati. E il mercato non influenzerà la...

A tu per tu

...con Carli 11.01 - “Gennaio è sempre difficile... per le big e le medio alte di serie A difficilmente arrivano dei colpi”. Così a TuttoMercatoWeb Marcello Carli, ex dg dell’Empoli, fotografa la sessione di mercato in corso. L’Inter però cerca rinforzi... “Ma, ci sono giocatori da Inter in giro?...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.