VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
A tu per tu

...con Durante

"Serie A, campionato... verso il basso. Scudetto, sorpresa Inter ma io dico Juve. Roma, Rudiger giocatore in 5 anni...come si fa prenderlo? Procure pilotate, male triste. Ma i treni di Catania? Se c'è chi compra c'è chi vende..."
26.12.2015 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 23429 volte

"Dall'inizio mi aspettavo una situazione del genere, cioè un campionato livellato verso il basso". Parla così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Sabatino Durante, che tracci aun bilancio della prima parte del campionato di Serie A.

Una serie A tra rivelazioni e delusioni.
"Abbiamo una grande dote in Italia: i nostri allenatori. Ma questa esaltazione dell'allenatore porta ad un tatticismo esasperato e quindi a non guardare le partite. Bologna, Empoli, Napoli... e poi la morte del calcio. In Italia non si vede più un dribbling. Il campionato è interessante, quando due squadre sono vicine si esalta il campanilismo ma il livello è veramente basso. Mi diverto di più a vedere i campionati sudamericani... il tifoso è uno che vuole vedere certe giocate, che in Italia non si vedono più".

Scudetto: chi lo vincerà?
"La Juventus rimane la squadra favorita. Mi sono invece meravigliato dell'Inter, non credevo che con tutte queste novità e soprattutto con la mancanza di un cervello in mezzo al campo, ci fossero dei risultati così positivi. La vera sorpresa, per me, è stata l'Inter: mi aspettavo un inizio in sordina e quindi una crescita nel tempo. Ausilio è un ottimo direttore sportivo, ma non può regalare i panettoni prima di Natale sennò poi giochiamo col freno tirato (sorride, ndr)".

Delude la Roma.
"Garcia era già un po' in confusione per conto suo. Con il mercato gli s'è data la possibilità di fare maggiore confusione. Se compri Dzeko non puoi farlo giocare con Salah e Gervinho. Mi sembra che sia stato fatto l'errore commesso a Perugia: volevo portare Klose, mi dissero che sbagliava tanti palloni a centrocampo, io risposi che era dovuto agli esterni che non lo supportavano a dovere. Se hai un giocatore d'area devi prendergli due esterni in grado di crossare bene. Poi dietro non capisco come si possa prendere Rudiger: la Roma dietro ha sempre preso giocatori importanti. Se Rudiger lima alcuni difetti, in quattro-cinque anni diventerà un giocatore: ha dei cali di concentrazione enormi, tipici di certi atleti di colore".

Arranca un po' anche il Milan.
"A Mihajlovic è stato comprato tutto quello che ha chiesto e alla fine ha tre punti in più di Inzaghi. Si commenta da solo... A Bacca - che è un buon giocatore - non arriva mai una palla, poi ci sono anche degli ex giocatori che giocano in mezzo al campo. Con un centrocampo così non si va lontano. Il valore del campionato però, è molto basso. Capisco che ci sono le tv che devono vendere il prodotto e i media che con questo prodotto ci vivono, ma il nostro campionato è veramente scarso. Ci esaltiamo perché un giocatore fa quindici gol e diventa il centravanti più forte al mondo. In Italia ci sono solo due-tre giocatori di livello internazionale: Higuain, Dybala e Paredes per il futuro. Tolte alcune società come Sassuolo, Udinese, Empoli e il Bologna del vecchio e sempre valido Corvino c'è poca competenza. Le nostre squadre spesso le fanno i presidenti. Poi mi meraviglio di una cosa stranissima: sono entrati i fondi in Italia, ma sono dei finanziatori... guardate come è arrivato Calleri all'Inter".

Intanto in A si parla di presunte procure pilotate...
"Un male triste. Il problema è che non ci siamo resi conto di quello che è successo alla Fifa. Gli USA - gli sceriffi del mondo - hanno capito che il calcio può diventare un business. Certi dirigenti non capiscono che siamo arrivati in un momento che la pulizia che è stata fatta alla Fifa potrebbe un giorno arrivare anche in Italia. Squadre che hanno venduto per cinquanta milioni potrebbero fallire se non arrivassero altri investimenti. Nessuno controlla. Poi guardate che è successo a Catania - squadra cara al mio ex presidente Gaucci -, i corrotti sono stati puniti...o no? Il treno era solo quello del Catania? Se questi hanno comprato le partite, quelli che hanno venduto dove sono? Spero che arrivi l'FBI in Italia. Quello che è successo a Giocondo Martorelli con Bonaventura, per esempio, è accaduto anche a me: ai tempi del Perugia sono stato costretto a cedere alcune procure a chi andava di moda in quel momento".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Corsi 24.11 - Sfida d’alta quota. Scontro diretto. Empoli-Frosinone è l’anticipo della giornata di serie B. “Cerchiamo di prepararla come una bella partita.... siamo giovani e abbiamo prospettive e ambizioni che andranno verificate quando il campionato entrerà nel vivo”, dice a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Rubinho 23.11 - “Vedo un campionato molto bello, divertente. Tante squadre in pochi punti e che stanno giocando bene. Lazio, Roma, Napoli... tutte squadre che rappresentano, in un modo o nell’altro, delle sorprese”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex portiere della Juventus, Fernando Rubinho. La Juve...

A tu per tu

...con Planes 22.11 - “Juventus Barcellona? Una bella partita, davvero. Il Barcellona è in un grande momento, sta ottenendo grandi risultati. Ma la Juventus in casa è una squadra davvero forte. Sarà comunque una partita molto diversa rispetto a quella di andata. Non pensate al match d’andata...”. Così...

A tu per tu

...con Battistini 21.11 - “Credo che sia stata una vergogna non aver assistito alle dimissioni immediate di Tavecchio e Ventura. Davvero, una cosa vergognosa. Tavecchio non si è presentato davanti agli organi di informazione dopo la partita, è scappato... E Ventura poi si sentiva in colpa soltanto per il risultato...

A tu per tu

...con Marchetti 20.11 - “Abbiamo tanta voglia di riscatto. Veniamo da una partita non positiva, dobbiamo mettere in campo le qualità di questi anni: grinta, cattiveria e tensione”. Parla così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo del Cittadella, Stefano Marchetti in vista della partita di questa sera contro...

A tu per tu

...con Martorelli 19.11 - “Il flop Italia? Le cose non avvengono per caso. È un malessere che ci portiamo dietro dal 2010, non si è mai voluto che la situazione cambiasse. Ci sono tanti aspetti da migliorare nel nostro sistema calcio, ma nessuno ha voglia di applicarsi questo senso”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Antonini 18.11 - Verso Napoli-Milan. Gli azzurri per continuare la marcia verso lo Scudetto, i rossoneri per cercare di risalire la china. “Sulla carta il Napoli è favorito”, dice a TuttoMercatoWeb l’ex difensore rossonero Luca Antonini. “Per convinzione, gioco, tutto, il Napoli parte in vantaggio....

A tu per tu

...con Accardi 17.11 - “Che l’Italia fosse a rischio di non qualificarsi al Mondiale era una certezza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Belle Accardi. Sul banco degli imputati l’ex ct, Ventura. “Il problema è uno: oggi tutti crocifiggono Ventura, ma è stata sbagliata la scelta di avergli...

A tu per tu

...con Di Somma 16.11 - “È stato un fallimento totale da parte di tutti. Da parte della squadra, dell’allenatore, di tutti. Forse il rapporto tra il gruppo e il tecnico non era dei migliori, probabilmente non è mai decollato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex ds del Benevento, Salvatore Di Somma. Ventura alla...

A tu per tu

...con Moggi 15.11 - Un flop annunciato. L'Italia saluta mestamente anzitempo il Mondiale. “Mi è dispiaciuto vedere la faccia di Ventura in conferenza e le lacrime dei giocatori", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dg della Juventus, Luciano Moggi. L'epilogo era scritto. "Si. E per questo trovo ingeneroso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.