VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
A tu per tu

....con Fusco

"Bologna in A, il merito è dei giocatori. Futuro? In un club che mi faccia lavorare. Monchi sia d'esempio per tutti. Bari? Nessun contatto. Pecchia al Real, sarà un top..."
18.06.2015 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 43062 volte

Bologna in serie A. Meriti divisi a metà, tra la vecchia e la nuova dirigenza. A TuttoMercatoWeb parla Filippo Fusco, ex responsabile dell'area tecnica rossoblù che a gennaio ha fatto posto a Pantaleo Corvino.

Fusco, quanto c'è di suo nella promozione del Bologna?
"Dare percentuali rischia di essere un esercizio fine a se stesso, ma certamente inizialmente abbiamo dovuto superare tante difficoltà. Soprattutto perché c'era un grande pessimismo nell'ambiente post retrocessione; ma credo che alla fine tutti abbiano dato il loro contributo importante sia i dirigenti che c'erano ad inizio stagione sia quelli che sono subentrati nel corso della stagione. Ma, a mio giudizio, i veri protagonisti sono sempre i giocatori: è la squadre che va in campo. Per me la squadra è soprattutto uno stato d'animo che si costruisce tutti insieme fin dal primo giorno del ritiro".

E nel suo futuro cosa c'è? Direttore sportivo o intermediario?
"Io sono abilitato come ds sia dalla federazione italiana che da quella spagnola. In questi anni ho cercato di lavorare dove c'erano le condizioni giuste per poterlo fare nel modo a me più congeniale, anche a costo di perdere alcune occasioni di lavoro. Io credo nel rispetto dei ruoli e nella centralità e nell'importanza del ruolo del direttore sportivo, ovviamente nell'ambito dei criteri guida di gestione che fissano sempre la proprietà ed il Presidente. Ma a me piace assumermi delle responsabilità. Il modo di lavorare del direttore del Siviglia Monchi è esemplificativo : lavora lì da 15 anni ed ha avuto la possibilità di operare con passione ed autonomia e ciò garantisce continuità al Club e grandi risultati. Questo è per me il modello ideale".

Quindi dove si vede?
"In un club in cui i ruoli siano chiari così come le responsabilità io non faccio differenze di categoria o di nazione. Le ripeto, a me piace assumermi le responsabilità dell'area tecnica senza cercare eventuali alibi per gli errori che commetto".

Il momento più bello a Bologna?
"Ho sentito fiducia, i tifosi sono stati fantastici. Forse perché hanno avvertito dal primo giorno la mia determinazione a non arrendermi quando invece molti davano per scontato che il Bologna non ce l'avrebbe fatta a fare una squadra competitiva per la promozione. Per me il Bologna è un patrimonio della città, della tifoseria ma soprattutto del calcio italiano. Ero consapevole che statisticamente le squadre che retrocedono fanno sempre fatica nelle prime giornate di campionato ma, nonostante questo, sentivo che la gente si fidava di me e del mio ottimismo della volontà".

Bari, per lei, ipotesi concreta? Quanto c'è di vero?
"Zero. Non ho mai incontrato nessuno del Bari".

Intanto Fabio Pecchia - che lei conosce bene - è andato al Real Madrid: sarà il vice di Benitez.
"Fabio ha delle qualità uniche per diventare un allenatore top e non per niente è l'unico straniero in uno staff spagnolo di un club leggendario come il Real Madrid . Fabio Pecchia è destinato ad una carriera importante e credo che già con il grande lavoro fatto qualche anno fa al Latina lo abbia dimostrato".

Che mercato si aspetta in serie A?
"Il Milan si sta muovendo in maniera decisa, mi sembra che sia tornata la voglia di investire. L'Inter darà continuità al lavoro di quest'anno. Credo che milanesi potranno aspirare ad un ruolo da protagoniste che non hanno avuto negli ultimi anni".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Marchetti 20.11 - “Abbiamo tanta voglia di riscatto. Veniamo da una partita non positiva, dobbiamo mettere in campo le qualità di questi anni: grinta, cattiveria e tensione”. Parla così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo del Cittadella, Stefano Marchetti in vista della partita di questa sera contro...

A tu per tu

...con Martorelli 19.11 - “Il flop Italia? Le cose non avvengono per caso. È un malessere che ci portiamo dietro dal 2010, non si è mai voluto che la situazione cambiasse. Ci sono tanti aspetti da migliorare nel nostro sistema calcio, ma nessuno ha voglia di applicarsi questo senso”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Antonini 18.11 - Verso Napoli-Milan. Gli azzurri per continuare la marcia verso lo Scudetto, i rossoneri per cercare di risalire la china. “Sulla carta il Napoli è favorito”, dice a TuttoMercatoWeb l’ex difensore rossonero Luca Antonini. “Per convinzione, gioco, tutto, il Napoli parte in vantaggio....

A tu per tu

...con Accardi 17.11 - “Che l’Italia fosse a rischio di non qualificarsi al Mondiale era una certezza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Belle Accardi. Sul banco degli imputati l’ex ct, Ventura. “Il problema è uno: oggi tutti crocifiggono Ventura, ma è stata sbagliata la scelta di avergli...

A tu per tu

...con Di Somma 16.11 - “È stato un fallimento totale da parte di tutti. Da parte della squadra, dell’allenatore, di tutti. Forse il rapporto tra il gruppo e il tecnico non era dei migliori, probabilmente non è mai decollato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex ds del Benevento, Salvatore Di Somma. Ventura alla...

A tu per tu

...con Moggi 15.11 - Un flop annunciato. L'Italia saluta mestamente anzitempo il Mondiale. “Mi è dispiaciuto vedere la faccia di Ventura in conferenza e le lacrime dei giocatori", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dg della Juventus, Luciano Moggi. L'epilogo era scritto. "Si. E per questo trovo ingeneroso...

A tu per tu

...con Tavano 14.11 - L’Italia non va al Mondiale. Il doppio confronto con la Svezia non ha dato i frutti sperati. Niente Russia. “Incredibile”, commenta a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Diego Tavano. “Dispiace troppo, siamo una nazione - prosegue Tavano - con una potenzialità enorme ma che non...

A tu per tu

...con Stellone 13.11 - “La serie B?!È un campionato più concentrato rispetto agli altri anni. Potrebbero esserci due sorprese come Cremonese e Venezia ma è già successo che altre squadre neopromosse abbiamo fatto bene subito”. Così a TuttoMercatoWeb Roberto Stellone fa le carte al campionato di serie B....

A tu per tu

...con Colantuono 12.11 - “La sorpresa? La Lazio, ma non più di tanto. Sulla scia di quanto fatto l’anno scorso comunque mi aspettavo una squadra del genere. Chi costruisce la squadra - Tare e Lotito - difficilmente sbaglia. Guardate cosa hanno fatto i biancocelesti l’anno scorso...”. Parla così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Quaison 11.11 - Un’avventura positiva, tutta da continuare a vivere. Robin Quaison a gennaio dell’anno scorso ha sfiorato la Juventus. “Ma a queste cose non penso, se ne occupa il mio agente”, dice l’ex Palermo - oggi al Mainz - a TuttoMercatoWeb. Come procede al Mainz? “Sto imparando la lingua...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.