VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
A tu per tu

...con Gasparin

"Parma, se Donadoni alza i toni la situazione è catastrofica! Più rigore nell'acquisizione dei club. Il club scomparirà? Il rischio c'è. Mercato: Fiorentina, Cuadrado plusvalenza importante..."
11.02.2015 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 16069 volte
© foto di Federico Gaetano

Parma in crisi, con poca chiarezza economica e societaria. Una situazione comunque destinata a risolversi entro poco tempo, in un senso o nell'altro. "E se una persona come Donadoni, solitamente pacata e non abituata ad alzare i toni ha alzato la voce, vuol dire che è una situazione che non fa bene al calcio italiano", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dirigente di Sampdoria, Udinese e Catania, Sergio Gasparin.

Una situazione difficile...
"Il Parma ha avuto una gestione duratura con Ghirardi che negli anni aveva dato segnali di assoluta ripresa, poi negli ultimi diciotto mesi si è arrivati ad una realtà catastrofica, cioè quella attuale. E quando qualcuno sottolinea la rigidità delle norme inglesi relative ai cambi di proprietà, va nel giusto. Il calcio oggi ha bisogno di situazioni credibili e trasparenti. Devono esserci dei vincoli molto rigidi per chi si avvicina all'acquisizione delle nostre realtà".

Si rischia di falsare il campionato?
"No. Ma è evidente che la situazione di una società come quella che sta attraversando il Parma sia di disturbo. Sicuramente non è una bella situazione per la credibilità del calcio italiano".

Come la vede, da fuori?
"È di difficile interpretazione già per chi la vive dall'interno, figuriamoci per me che sono esterno. Chiaramente il mercato del Parma non è giudicabile, ma ha mosso di più rispetto alle stagioni precedenti per quanto riguarda i movimenti. Sembra che il modello unificato sia il prestito con diritto di riscatto, è stato un po' il leit motiv del mercato di gennaio. Quando una società fa molti movimenti a gennaio è perché ha avuto tanto da riparare. Gennaio è il mercato di riparazione, serve a chi deve correggere gli errori".

Pensare che il Parma a fine anno sparisca, non è utopia.
"Il rischio c'è, è indubbio. La situazione si presta a mille finali. Ci auguriamo tutti che il finale sia positivo".

Mercato: chi ha agito meglio?
"Una cessione importante è stata quella di Cuadrado. La Fiorentina ha centrato una plusvalenza molto importante di un giocatore di grande qualità, ma che indubbiamente ha portato nelle casse viola un importo rilevante. Il Napoli ha posto qualche correzione e ha ingaggiato Gabbiadini, un ragazzo destinato a diventare un caposaldo all'interno del progetto della Nazionale Italiana perché è un giocatore di grandi qualità. E il Milan ha portato in rossonero un giocatore importante come Destro, mantenendo Pazzini: due prime punte, entrambe di valore. Pazzini non ha dimostrato il suo intero valore a Milano, è un bravissimo ragazzo e un ottimo giocatore. Galliani è stato bravo a convincere Destro a trasferirsi a titolo temporaneo, anche se immagino siano state date al calciatore delle garanzie sull'evoluzione del riscatto".

Da chi si aspettava di più?
"È successo ciò che mi aspettavo. La storia degli ultimi anni dice che le disponibilità economiche anche delle squadre di vertice, rispetto alla concorrenza, sono limitate. Gli ingaggi e le spese che avvengono in questo momento all'interno di alcuni club europei, in Italia non ce li possiamo permettere. Guardate Cuadrado: non è che in Italia non piacesse ad altri, ma nessuno avrebbe potuto spendere le cifre che ha speso il Chelsea. Oggi è indubbio che il calcio italiano non abbia più la forza economica della concorrenza internazionale".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Ba 22.09 - Un passato da centrocampista, un futuro a dettare le linee guida in panchina. Ibrahim Ba, ex calciatore del Milan in diversi periodi dell’era rossonera ora fa l’allenatore. “All’inizio non ci pensavo, però provate a chiedere ai miei ex compagni quanti pensavano di fare gli allenatori”,...
Telegram

A tu per tu

...con Bergodi 21.09 - “Inter e Milan si sono rinforzate. l rossoneri hanno cambiato tanto, la squadra deve amalgamarsi e poi ci sarà da divertirsi”. Così a TuttoMercatoWeb Cristiano Bergodi fa le carte al campionato di serie A. La previsione: chi vincerà il campionato? “Sarà un campionato molto...

A tu per tu

...con Durante 20.09 - "Non vedo nessun miglioramento di qualità nel gioco del campionato italiano. Ci sono tre-quattro squadre superiori alle altre, poi una fascia media più forte e a seguire un'altra parte che equivale alle squadre di una serie B. Il campionato italiano è sceso di livello. E non sono...

A tu per tu

...con Carli 19.09 - "Il campionato di B sta rispettando le gerarchie. Le squadre migliori sono quattro: Frosinone, Palermo, Empoli e Perugia. Poi strada facendo il torneo prenderà una sua identità". Così a TuttoMercatoWeb l'ex dg dell'Empoli, Marcello Carli. L'Empoli oggi va di scena a Parma. "Bella...

A tu per tu

...con Palermo 18.09 - "Bene in campionato e male in Europa? I problemi della Juventus li conosciamo: la difesa. Ogni campionato ha la sua storia, la Juve resta sempre una delle più forti d'Europa, in Italia è la migliore. Ma sicuramente si è indebolita". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Paolo...

A tu per tu

...con Martina 17.09 - "Una partita tosta. Importante. Genoa e Lazio sono forti, il Grifone gioca in casa e quindi è in vantaggio. Ma occhio, la Lazio sta attraversando un momento felice. Anche se aver giocato in settimana può essere un'insidia". Cosi a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Silvano Martina,...

A tu per tu

...con Petkovic 16.09 - "Giocare in Champions non è semplice, basta trovare la giornata negativa e succede quello che è successo a Napoli e Juventus. E poi il Barça ha dato una risposta normale...". Cosi a TuttoMercatoWeb il ct della Nazionale Svizzera, Vladimir Petkovic. Juve ridimensionata? "La...

A tu per tu

...con Iachini 15.09 - "La debacle delle italiane in Champions? Quando vai a giocare a questi livelli in Europa non è mai facile. Ci può stare di fare un po di fatica. Esperienza e personalità possono fare la differenza. Per la Juve non è andata benissimo, ma è una storia che ha sempre dimostrato di poter...

A tu per tu

...con Moggi 14.09 - "La debacle della Juventus contro il Barcellona? Primo tempo bene, secondo non certamente positivo. Il problema di fondo è che nel Barcellona c'è Messi... ho seguito attentamente la partita e ho visto un Messi che fino al 40' non saltava neppure un birillo. Poi si è acceso e quindi...

A tu per tu

...con Benussi 13.09 - Francesco Benussi dice basta. Una vita tra i pali, a difesa della porta. Ma quando hai dato troppo devi andare e fare posto, recita una nota canzone. "La mia è stata una scelta dettata dalle condizioni fisiche che sono ancora buone ma dopo il quarto intervento al ginocchio sentivo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.