VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Caso Donnarumma: come finirà?
  Dirà addio al Milan per il Real Madrid
  Rinnoverà separandosi da Raiola
  Rinnoverà restando con Raiola
  Dirà addio al Milan per la Juventus
  Dirà addio al Milan con altra destinazione

TMW Mob
A tu per tu

...con Gasparin

"Parma, se Donadoni alza i toni la situazione è catastrofica! Più rigore nell'acquisizione dei club. Il club scomparirà? Il rischio c'è. Mercato: Fiorentina, Cuadrado plusvalenza importante..."
11.02.2015 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 16061 volte
© foto di Federico Gaetano

Parma in crisi, con poca chiarezza economica e societaria. Una situazione comunque destinata a risolversi entro poco tempo, in un senso o nell'altro. "E se una persona come Donadoni, solitamente pacata e non abituata ad alzare i toni ha alzato la voce, vuol dire che è una situazione che non fa bene al calcio italiano", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dirigente di Sampdoria, Udinese e Catania, Sergio Gasparin.

Una situazione difficile...
"Il Parma ha avuto una gestione duratura con Ghirardi che negli anni aveva dato segnali di assoluta ripresa, poi negli ultimi diciotto mesi si è arrivati ad una realtà catastrofica, cioè quella attuale. E quando qualcuno sottolinea la rigidità delle norme inglesi relative ai cambi di proprietà, va nel giusto. Il calcio oggi ha bisogno di situazioni credibili e trasparenti. Devono esserci dei vincoli molto rigidi per chi si avvicina all'acquisizione delle nostre realtà".

Si rischia di falsare il campionato?
"No. Ma è evidente che la situazione di una società come quella che sta attraversando il Parma sia di disturbo. Sicuramente non è una bella situazione per la credibilità del calcio italiano".

Come la vede, da fuori?
"È di difficile interpretazione già per chi la vive dall'interno, figuriamoci per me che sono esterno. Chiaramente il mercato del Parma non è giudicabile, ma ha mosso di più rispetto alle stagioni precedenti per quanto riguarda i movimenti. Sembra che il modello unificato sia il prestito con diritto di riscatto, è stato un po' il leit motiv del mercato di gennaio. Quando una società fa molti movimenti a gennaio è perché ha avuto tanto da riparare. Gennaio è il mercato di riparazione, serve a chi deve correggere gli errori".

Pensare che il Parma a fine anno sparisca, non è utopia.
"Il rischio c'è, è indubbio. La situazione si presta a mille finali. Ci auguriamo tutti che il finale sia positivo".

Mercato: chi ha agito meglio?
"Una cessione importante è stata quella di Cuadrado. La Fiorentina ha centrato una plusvalenza molto importante di un giocatore di grande qualità, ma che indubbiamente ha portato nelle casse viola un importo rilevante. Il Napoli ha posto qualche correzione e ha ingaggiato Gabbiadini, un ragazzo destinato a diventare un caposaldo all'interno del progetto della Nazionale Italiana perché è un giocatore di grandi qualità. E il Milan ha portato in rossonero un giocatore importante come Destro, mantenendo Pazzini: due prime punte, entrambe di valore. Pazzini non ha dimostrato il suo intero valore a Milano, è un bravissimo ragazzo e un ottimo giocatore. Galliani è stato bravo a convincere Destro a trasferirsi a titolo temporaneo, anche se immagino siano state date al calciatore delle garanzie sull'evoluzione del riscatto".

Da chi si aspettava di più?
"È successo ciò che mi aspettavo. La storia degli ultimi anni dice che le disponibilità economiche anche delle squadre di vertice, rispetto alla concorrenza, sono limitate. Gli ingaggi e le spese che avvengono in questo momento all'interno di alcuni club europei, in Italia non ce li possiamo permettere. Guardate Cuadrado: non è che in Italia non piacesse ad altri, ma nessuno avrebbe potuto spendere le cifre che ha speso il Chelsea. Oggi è indubbio che il calcio italiano non abbia più la forza economica della concorrenza internazionale".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Falcinelli 28.06 - "Abbiamo fatto una stagione importante, bellissima. Nessuno credeva nella nostra salvezza. E invece, ce l'abbiamo fatta". Ripercorre così a TuttoMercatoWeb le tappe della salvezza del Crotone l'attaccante Diego Falcinelli, che dal 1 luglio farà ritorno al Sassuolo. Quando è...
Telegram

A tu per tu

...con Canovi 27.06 - "Donnarumma? Si capisce poco, credo di aver visto il rinnovo peggio gestito e non solo per colpa di Raiola". Così a TuttoMercatoWeb l'operatore di mercato Dario Canovi. Di chi le colpe principali? "Un po' di tutti. Anche del Milan, che doveva capire di avere di fronte Raiola...

A tu per tu

...con Martorelli 26.06 - "Ho visto un Milan molto attivo, l'unica società che si è mossa in maniera importante. Mi aspetto tanto dall'Inter, che è abbastanza ferma sul mercato e credo farà tante operazioni. Servirà capire cosa farà la Juventus, soltanto il Milan ha fatto qualcosa di diverso e importante....

A tu per tu

...con Gasparin 25.06 - Gigio Donnarumma e il Milan, trattativa in corso per il rinnovo. "Sono dalla parte del Milan, anche se ci sono delle situazioni delicate e difficili. Il potere contrattuale del calciatore è molto forte, poi c'è Mino Raiola che è un ostacolo di quelli difficili da scalare. Gigio Donnarumma...

A tu per tu

...con Salvatori 24.06 - "Sarà un mercato in cui si metteranno tutte in competizione per contrastare la corazzata Juventus, Roma e Napoli saranno competitive. Chi ha più da lavorare sono le milanesi". Così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo Fabrizio Salvatori, ex tra le altre di Trapani, Bologna e Torino....

A tu per tu

...con Tami 23.06 - Un'eredità pesante - quella di Tramezzani - e il mercato che si accende. Il Lugano riparte da Pier Tami. "La squadra ha smesso da poco, la pausa è stata breve. Stiamo lavorando per completare la rosa, il tempo stringe e quindi dobbiamo fare in fretta", dice il nuovo allenatore della...

A tu per tu

...con Sannino 22.06 - "Donnarumma e il mancato rinnovo con il Milan?Un ragazzo cresciuto nel Milan, di diciotto anni, non doveva neanche pensarci. Doveva restare e basta. Ma nessuno crede più al cuore e alla maglia, avendo un agente importante come Raiola è normale che lo stesso procuratore faccia gli...

A tu per tu

...con Novellino 21.06 - "La società si sta muovendo bene, ma siamo ancora sulle verifiche. Sicuramente c'è la volontà di fare bene". Così a TuttoMercatoWeb l'allenatore dell'Avellino, Walter Novellino. Obiettivi per il prossimo anno? "Vogliamo soffrire meno dell'anno scorso. Poi strada facendo...

A tu per tu

...con Capozucca 20.06 - "Fin qui è stato protagonista il Milan, in maniera inaspettata. Mirabelli si è ben districato. Il problema Donnarumma fa passare in secondo piano tutto quello che è stato fatto, ma se valutiamo tutto il Milan ha fatto un ottimo mercato". Così a TuttoMercatoWeb l'ex ds del Cagliari,...

A tu per tu

...con Colomba 19.06 - "Donnarumma e il caso scoppiato al Milan? Secondo me l'errore è stato commesso in passato: quando si ha un legno grezzo non bisogna arrivare all'ultimo. Si sa benissimo come vanno le cose al giorno d'oggi, le bandiere non esistono più. La festa di Totti è la prova che la gente ha...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.