VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
A tu per tu

...con Gasparin

"Juve, sei ancora la più forte. Inter, primato che meriti. Samp, Zenga era ok... Montella uno da programma. Io e il futuro, aspetto la proposta..."
28.12.2015 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 19288 volte
© foto di Emiliano Crespi

"Circa due mesi fa mi venne chiesto chi consideravo e quale fosse l'organico più forte della Serie A. In quel momento dissi, nonostante la posizione deficitaria di classifica, che la Juventus era ancora la più forte del campionato". Così a TuttoMercatoWeb l'ex dirigente di - tra le altre - Udinese, Sampdoria e Catania, Sergio Gasparin.

Beh, ha avuto ragione.
"Adesso magari è un po' più facile dirlo, perché dopo sette vittorie il piatto della bilancia comincia a pendere a favore della squadra di Allegri. Siamo al giro di boa, i valori che sta presentando il campionato trovano fedele riscontro all'interno della classifica. L'Inter - al di là della sconfitta contro la Lazio - sul piano dell'organizzazione, della struttura difensiva e l'accortezza tattica ha disputato un girone importante. Va anche detto che in alcune partite i nerazzurri hanno raccolto più di quanto meritassero. Ma se l'Inter è prima, vuol dire che lo merita".

Fatica la Sampdoria.
"Sono un grande estimatore di Montella, ma...".

Ma?
"Lo vedo più come allenatore che inizia un progetto. Un tecnico che subentra ha bisogno di tempo. Montella è un allenatore da programma, l'ideale per lui e il suo staff è partire in estate e quindi andare a costruire dalle fondamenta la squadra secondo le sue idee. Per quanto riguarda Zenga, le cose bisogna viverle dall'interno: l'esonero è frutto, forse, di una scelta che non aveva grandi convinzioni quando è stata fatta perché i risultati non erano così negativi. Il cammino blucerchiato, comunque, era in linea con i valori della squadra".

Come la Samp, delude il Milan.
"Una situazione che perdura da anni. Leggevo un'intervista di Berlusconi che ha detto di aver messo più di 150 milioni, quindi non è solo un insuccesso tecnico ma anche un risultato clamorosamente negativo sotto l'aspetto economico. La realtà Milan va ridisegnata e ripensata in maniera complessiva. Una proprietà che ha alle spalle una proprietà molto forte e uno dei dirigenti che è stato tra i migliori del calcio italiano negli ultimi trent'anni, non è possibile che negli ultimi tre-quattro anni non sia riuscita a regalarsi soddisfazioni sul campo e sul piano dei numeri. Ci sono annate che i conti non tornano, ma coincidono con un risultato sportivo. Il Milan che sta fuori dalle competizioni europee è inaccettabile. Va ripensata la strategia tecnica legata alla squadra e la situazione complessiva dell'aspetto societario".

Colpo di gennaio: su chi punta?
"Qualche giorno fa ero in tribuna la partita della Fiorentina contro la Juventus: in pochi si aspettavano l'exploit di Kalinic. E c'erano tanti dubbi attorno a Sousa, che invece si sta mettendo in grande luce e si vede la sua mano. Il colpo è sempre un risultato post, mai pre. Sicuramente chi ha bisogno di intervenire è il Milan, magari nel settore arretrato dove manca un giocatore di assoluto valore. La Juve ha un organico in linea con prerogative ed ambizioni. Nelle singole società ci sono dirigenti preparati, in grado di individuare le risorse migliori".

E lei direttore, sempre in attesa che arrivi la proposta?
"Esatto. Fortunatamente ho altre situazioni in cui sono impegnato. Quando arriva la proposta mi rimetto a lavorare a capofitto. Altrimenti ho la fortuna di trovare soddisfazioni professionali in altre situazioni".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Battistini 21.11 - “Credo che sia stata una vergogna non aver assistito alle dimissioni immediate di Tavecchio e Ventura. Davvero, una cosa vergognosa. Tavecchio non si è presentato davanti agli organi di informazione dopo la partita, è scappato... E Ventura poi si sentiva in colpa soltanto per il risultato...

A tu per tu

...con Marchetti 20.11 - “Abbiamo tanta voglia di riscatto. Veniamo da una partita non positiva, dobbiamo mettere in campo le qualità di questi anni: grinta, cattiveria e tensione”. Parla così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo del Cittadella, Stefano Marchetti in vista della partita di questa sera contro...

A tu per tu

...con Martorelli 19.11 - “Il flop Italia? Le cose non avvengono per caso. È un malessere che ci portiamo dietro dal 2010, non si è mai voluto che la situazione cambiasse. Ci sono tanti aspetti da migliorare nel nostro sistema calcio, ma nessuno ha voglia di applicarsi questo senso”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Antonini 18.11 - Verso Napoli-Milan. Gli azzurri per continuare la marcia verso lo Scudetto, i rossoneri per cercare di risalire la china. “Sulla carta il Napoli è favorito”, dice a TuttoMercatoWeb l’ex difensore rossonero Luca Antonini. “Per convinzione, gioco, tutto, il Napoli parte in vantaggio....

A tu per tu

...con Accardi 17.11 - “Che l’Italia fosse a rischio di non qualificarsi al Mondiale era una certezza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Belle Accardi. Sul banco degli imputati l’ex ct, Ventura. “Il problema è uno: oggi tutti crocifiggono Ventura, ma è stata sbagliata la scelta di avergli...

A tu per tu

...con Di Somma 16.11 - “È stato un fallimento totale da parte di tutti. Da parte della squadra, dell’allenatore, di tutti. Forse il rapporto tra il gruppo e il tecnico non era dei migliori, probabilmente non è mai decollato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex ds del Benevento, Salvatore Di Somma. Ventura alla...

A tu per tu

...con Moggi 15.11 - Un flop annunciato. L'Italia saluta mestamente anzitempo il Mondiale. “Mi è dispiaciuto vedere la faccia di Ventura in conferenza e le lacrime dei giocatori", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dg della Juventus, Luciano Moggi. L'epilogo era scritto. "Si. E per questo trovo ingeneroso...

A tu per tu

...con Tavano 14.11 - L’Italia non va al Mondiale. Il doppio confronto con la Svezia non ha dato i frutti sperati. Niente Russia. “Incredibile”, commenta a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Diego Tavano. “Dispiace troppo, siamo una nazione - prosegue Tavano - con una potenzialità enorme ma che non...

A tu per tu

...con Stellone 13.11 - “La serie B?!È un campionato più concentrato rispetto agli altri anni. Potrebbero esserci due sorprese come Cremonese e Venezia ma è già successo che altre squadre neopromosse abbiamo fatto bene subito”. Così a TuttoMercatoWeb Roberto Stellone fa le carte al campionato di serie B....

A tu per tu

...con Colantuono 12.11 - “La sorpresa? La Lazio, ma non più di tanto. Sulla scia di quanto fatto l’anno scorso comunque mi aspettavo una squadra del genere. Chi costruisce la squadra - Tare e Lotito - difficilmente sbaglia. Guardate cosa hanno fatto i biancocelesti l’anno scorso...”. Parla così a TuttoMercatoWeb...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.