HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi sarà il capocannoniere del Mondiale?
  Cristiano Ronaldo
  Lionel Messi
  Neymar
  Romelu Lukaku
  Harry Kane
  Antoine Griezmann
  Denis Cheryshev
  Sergio Aguero
  Gabriel Jesus
  Diego Costa
  Timo Werner
  Dries Mertens
  Luis Suarez
  Kylian Mbappé
  Artem Dzyuba
  Edinson Cavani
  Falcao
  Mario Mandzukic
  Thomas Muller
  Altro

A tu per tu

...con Giuseppe De Mita

15.12.2008 00:00 di Redazione TMW   articolo letto 17971 volte
Fonte: M.C.
...con Giuseppe De Mita

Intervistare Giuseppe De Mita è come rispolverare un libro vecchio dallo scaffale. Non parla, con la stampa, da circa tre anni, da quando il "suo" Avellino retrocesse dalla B alla C1, con Colomba in panchina. Era la sua scommessa: persa. In precedenza, però, ne aveva vinte tante altre con la Lazio di Sergio Cragnotti e quel mondo, che per anni gli è appartenuto, oggi lo vede da lontano.

"Il calcio mi manca tanto, ma oggi la mia vita è un'altra".

De Mita, insieme al socio Tommaso Cellini, gestisce un'agenzia di comunicazione (Acme) che organizza eventi, convection e ha anche a che fare con lo sport, soprattutto volley e tennis. Il suo nome è stato accostato, in questi tre anni di silenzio, alla Gea e ad un processo infinito per gli altri ma non per lui che ben presto ne è uscito a testa alta.

"Ha influito negativamente nel rapporto che avevo con il calcio, soprattutto emotivamente considerata la mia posizione marginale nell'inchiesta calciopoli".

Quindici anni nella Lazio dei miracoli. Quella che doveva essere una società di medio-alto livello è diventata, quasi subito, la squadra dei sogni che faceva invidia non solo in Italia. De Mita non dimentica Cragnotti e, quando lo disturbiamo in un freddo pomeriggio dello scorso fine settimana, si illuminano gli occhi a parlare di quella Lazio e di quel Presidente che non dimenticherà così facilmente.

"E' stato un grande innovatore del calcio, ha reso mondiale la Lazio e di lui non posso che avere un ricordo stupendo. L'altra domenica l'ho visto in televisione, mi è venuta tanta nostalgia anche perché io all'Olimpico manco da quando ho detto addio alla Lazio. Nei prossimi giorni chiamerò il Presidente per un saluto, al quale sarò grato per tutto il resto della mia vita".

Le posso chiedere se c'è e dov'è la differenza tra la Lazio di Lotito e quella di Cragnotti?

"Guardi, la Lazio ha un potenziale enorme grazie al proprio bacino di utenza. Lotito lo conosco da anni, prima che acquisisse il club, con lui ho avuto diversi problemi legali e siamo ancora in causa e aspettiamo l'appello; anche se due cause già le ho vinte. Non mi faccia fare paragoni, posso solo dire che io e Lotito abbiamo due idee diverse del calcio e della vita, questo non vuol dire che la mia sia quella giusta".

La Lazio di Cragnotti, il Parma di Tanzi, la Fiorentina di Cecchi Gori: era tutto un film già visto?

"Della gestione economica non conosco bene i dettagli e penso non sia possibile fare un paragone con le altre società".

Giuseppe De Mita è un fiume in piena. L'intervista dura poco meno di un'ora: parla di tutto. Ha voglia di dire ciò che pensa, ma soprattutto ha piacere a parlare di calcio. Per questo... noi gli chiediamo di tutt'altro: solita domanda, vecchia e noiosa. Quanto pesa questo cognome? Quanto pesa essere il figlio di Ciriaco De Mita?

"Vede, ci sono tante spine ma anche molte rose. Sono orgoglioso del cognome che porto e del padre che ho. Mi ha dato tanti consigli nella mia vita, non solo professionali e nel periodo di calciopoli mi ha semplicemente detto: l'importante è che hai la coscienza a posto".

Si ricorda di quello striscione ad Avellino? De Mita C. orgoglio, De Mita G. vergogna!

"Certo che lo ricordo. Era esposto in curva Sud ma non era stato frutto dell'idea dei tifosi, dietro c'era un mio collega all'interno della società che aveva organizzato tutto. Qui non c'entra né il tifo né la popolazione".

Un pensierino alla politica, però, potrebbe anche farlo. No?

"Sotto i grandi alberi difficilmente cresce l'erba. Proprio perché non volevo paragoni con mio padre ho scelto l'unico campo, del quale lui non ne avesse mai fatto parte: il calcio".

Ci dica la verità. A noi risultano tante proposte che in questi anni ha ricevuto. Perché non ha mai accettato e soprattutto quando deciderà di rientrare?

"E' vero, non lo nego, ho avuto diverse proposte ma o per un motivo o per l'altro non le ho ritenute interessanti. Non era il momento. Ripeto adesso sono molto impegnato con la mia agenzia di comunicazione che è il mio lavoro e mi porta via tutta la giornata".

Non penserà che chiudiamo senza che le chieda del suo rapporto con Luciano Moggi...

"Un rapporto come tanti altri. Ho avuto diversi contatti quando io ero alla Lazio e in due circostanze voleva prendere due nostri calciatori ma gli andò male in entrambi i casi".

Sia più preciso. Vogliamo i nomi e cognomi.

"Moggi ci chiese Dejan Stankovic ma il calciatore decise di accettare la proposta dell'Inter e chiudemmo con Moratti. Piaceva alla Juventus anche Jaap Stam e, allo stesso modo, lì non facemmo nulla perché l'olandese preferì i rossoneri. Moggi è uno capace che sfrutta il suo talento di conoscere in anticipo i bravi calciatori".

Realmente la Gea ed i personaggi che ne facevano parte sfruttavano il loro potere, ben oltre la legalità?

"Io alla Gea ricordo solo brave persone. Era un bel progetto quello avviato insieme, è stata una mia creatura. Dal 2003 sono andato via, poi ho avuto con loro solo un rapporto lavorativo e posso tranquillamente dire di non aver mai ricevuto minacce".

La salutiamo, ma prima ci confessi di chi è tifoso...

"Sono cresciuto a Roma e sono sempre stato laziale. Sono rimasto legato a quella Lazio. Avellino, però, è Avellino. Una città dove non ho fatto bene e mi prendo tutte le mie responsabilità. Una piazza dove si può fare del grande calcio e ho sbagliato a farmi convincere dai fratelli Pugliese a fare quel che loro volevano fare mentre dovevo essere io a convincerli a seguire il mio modo di operare"

A presto e grazie Direttore

"Grazie a voi, alla prossima"


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

...con Accardi 22.06 - “Pastore alla Roma e Nainggolan all’Inter sono operazioni che rendono contenti entrambi i club”. Così a TuttoMercatoWeb l’agente di mercato Beppe Accardi analizza la trattativa che si è da poco conclusa. E ora che si aspetta? “Dopo i Mondiali vedremo chi sarà capace di andare...

A tu per tu

...con De Biasi 21.06 - “In termini di risultati la Russia, da padrona di casa, ha fatto cose importanti ma va anche tenuto conto che ha giocato contro Arabia Saudita ed Egitto”. Così a TuttoMercatoWeb Gianni De Biasi sul Mondiale. Che effetto fa non vedere l’Italia? “Un effetto strano. Davvero. Perché...

A tu per tu

...con Braglia 20.06 - “Sono contento per la società, per Trinchera e per tutti quelli che ci hanno voluto bene. E anche per chi ci ha voluto male”. Così a TuttoMercatoWeb l’allenatore del Cosenza Piero Braglia, fresco di promozione in Serie B e rinnovo contrattuale. Archiviati i festeggiamenti è tempo...

A tu per tu

...con Manconi 19.06 - “A Carpi magari avrei dovuto impegnarmi un po’ di più mentalmente, potevo dare di più. Poi ho deciso di scendere di categoria a Livorno, dove mi sono trovato molto bene anche perché abbiamo vinto il campionato”. Così a TuttoMercatoWeb Jacopo Manconi traccia un bilancio della sua esperienza...

A tu per tu

...con Brignoli 18.06 - “Al di là del gol contro il Milan, non è stata una stagione particolarmente positiva”. Così a TuttoMercatoWeb il portiere del Benevento e di proprietà della Juventus, Alberto Brignoli traccia un bilancio del suo campionato. Torniamo indietro di qualche mese: se ripensa al gol...

A tu per tu

...con Rinaldi 17.06 - Verso la prima del Brasile al Mondiale. Questa sera la squadra di Tite sfiderà la Svizzera di Vladimir Petkovic. “Il Brasile deve stare attento, la Svizzera è una squadra ostica”, dice a TuttoMercatoWeb l'ex dirigente della Federazione Brasiliana, Gilmar Rinaldi. Il Brasile e...

A tu per tu

...con Imborgia 16.06 - “Frosinone-Palermo la vedo meglio rispetto a quando dovevo ancora vedere i rosanero contro il Venezia. La partita di mercoledì ha reso il Palermo più equilibrato e aggressivo, fermo restando che La Gumina per caratteristiche deve giocare più da solo che con altri”. Cosi a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Bordin 15.06 - Dalla Moldavia all’Azerbaijan. Roberto Bordin fa il giro del mondo e non si ferma. “Mi è piaciuto il progetto biennale, in società c’è voglia di riportare il Neftchi Baku nelle zone alte della classifica. Qui c’è la volontà di fare qualcosa di importante, domenica si riparte”, dice...

A tu per tu

...con Zenga 14.06 - Mondiale al via. “Non vedere l’Italia fa malissimo.... non sembra neanche un Mondiale. Tiferemo per quelle squadre che non ci fanno penare. Poi tiferò per i ragazzi che sono stati con me”, dice a TuttoMercatoWeb l’ex allenatore del Crotone, Walter Zenga. L’Italia è ripartita...

A tu per tu

...con Tedesco 13.06 - “A Malta negli ultimi anni ho fatto un buon lavoro, che è stato apprezzato per i risultati. L’Hamrun è una delle società più importanti e antiche di Malta, mi è stato chiesto di riportare il club nelle zone alte della classifica, in Europa. E visto che in Italia non ci riesco, mi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy