VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
A tu per tu

...con Imborgia

"Parma, c'è qualcuno che ti vuole. Saponara? È da big. Varese, perché dare le colpe a me? Io non parlo di Bettinelli, non si parli di me..."
24.05.2015 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 26046 volte
© foto di Federico De Luca

"La mia sensazione è che i curatori stiano provando a fare l'impresa, anche se non è semplice perché il debito sportivo è frutto di vari emolumenti precedenti e premi spostati a questa stagione. Sono soldi che i ragazzi avevano meritato nelle stagioni precedenti". Così a TuttoMercatoWeb l'ex responsabile del mercato del Parma, Antonio Imborgia.

Alla fine il Parma troverà un acquirente?
"Chiaro, se i curatori non dovessero riuscirci non gli si potrebbe dire nulla, perché la missione è difficile. Troppi numeri, troppi soldi. Ma c'è qualcuno che vuole prendere il Parma, ecco perché stanno cercando di ridurre all'osso il debito".

Intanto Saponara torna alla ribalta. Lo aveva preso lei al Parma.
"Lo ritenevo un giocatore da Parma, come Ninis che adesso gioca nel Panathinaikos, mica nella piazza del paese. Saponara aveva già mostrato le sue qualità, ma si portava dietro dei problemi di natura fisica. L'annata è stata un po' così...ma adesso ha ritrovato le sue peculiarità".

Insomma, è da big?
"Ha le qualità per giocare in una grande squadra. Al Milan c'erano già dei problemi, questo non lo ha aiutato. Non so se la Roma sia il contesto ideale, Saponara è un giocatore con qualità importanti, può fare bene dappertutto. Tra tanti errori che ho commesso - ma solo chi non lavora può dire di non avere sbagliato - qualcosa di buono ho fatto".

Serie B: ci si aspettava ben altro da Bari, Bologna e Catania.
"Non bisogna mai dimenticare da dove è ripartito il Bologna, cioè da due mesi con difficoltà economiche. La programmazione tecnica è stata fatta in un momento di passaggio tra la vecchia proprietà e la nuova. Se non si riesce a fare una programmazione che si possa chiamare così, alla lunga paghi. Qualche attenuante al Bologna c'è. Questo vale sempre: quando giochi per vincere e per salvarti. Poi non è che Corvino, Fusco, Imborgia o un altro hanno le chiavi per cambiare tutto. Per quanto riguarda Catania e Bari, sono le due squadre che sarebbero dovute stare al posto di Frosinone e Carpi. Il Catania ha un valore tecnico straordinario, è difficile capire cosa sia successo ma ho troppo rispetto per Pablo Cosentino, lui sicuramente saprà cosa fare. Il Bari è più forte dell'anno scorso, aveva molte più alternative rispetto alla passata stagione".

E il Varese che è retrocesso? Lei è rimasto due mesi...
"È giusto che parli chi del Varese conosce la storia. Ed è giusto che parli chi ha fatto la squadra, perché le squadre si fanno a giugno. Quindi allenatore e dg. Ho letto che le responsabilità della retrocessione sono da attribuire al mio mercato scellerato: prendo atto, ma non commento. Io sono stato due mesi. Non raccolgo e non rispondo. Sono loro che devono fare capire a me e agli altri. Non ho mai parlato del lavoro di Cannella o di come ha allenato Bettinelli. Mi dispiace che ripetutamente sia stato chiamato in causa il mercato fatto da me. Non mi sembra che Culina, Jakimovski, Lores Varela e Rossi siano giocatori scarsi. Ah, una precisazione".

Prego.
"Io non mi sono dimesso perché contestato, bensì perché qualche giocatore ha manifestato - non a me direttamente ma a qualcuno della dirigenza - la propria preferenza verso Bettinelli piuttosto che nei confronti di Dionigi, che era una mia scelta".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Planes 22.11 - “Juventus Barcellona? Una bella partita, davvero. Il Barcellona è in un grande momento, sta ottenendo grandi risultati. Ma la Juventus in casa è una squadra davvero forte. Sarà comunque una partita molto diversa rispetto a quella di andata. Non pensate al match d’andata...”. Così...

A tu per tu

...con Battistini 21.11 - “Credo che sia stata una vergogna non aver assistito alle dimissioni immediate di Tavecchio e Ventura. Davvero, una cosa vergognosa. Tavecchio non si è presentato davanti agli organi di informazione dopo la partita, è scappato... E Ventura poi si sentiva in colpa soltanto per il risultato...

A tu per tu

...con Marchetti 20.11 - “Abbiamo tanta voglia di riscatto. Veniamo da una partita non positiva, dobbiamo mettere in campo le qualità di questi anni: grinta, cattiveria e tensione”. Parla così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo del Cittadella, Stefano Marchetti in vista della partita di questa sera contro...

A tu per tu

...con Martorelli 19.11 - “Il flop Italia? Le cose non avvengono per caso. È un malessere che ci portiamo dietro dal 2010, non si è mai voluto che la situazione cambiasse. Ci sono tanti aspetti da migliorare nel nostro sistema calcio, ma nessuno ha voglia di applicarsi questo senso”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Antonini 18.11 - Verso Napoli-Milan. Gli azzurri per continuare la marcia verso lo Scudetto, i rossoneri per cercare di risalire la china. “Sulla carta il Napoli è favorito”, dice a TuttoMercatoWeb l’ex difensore rossonero Luca Antonini. “Per convinzione, gioco, tutto, il Napoli parte in vantaggio....

A tu per tu

...con Accardi 17.11 - “Che l’Italia fosse a rischio di non qualificarsi al Mondiale era una certezza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Belle Accardi. Sul banco degli imputati l’ex ct, Ventura. “Il problema è uno: oggi tutti crocifiggono Ventura, ma è stata sbagliata la scelta di avergli...

A tu per tu

...con Di Somma 16.11 - “È stato un fallimento totale da parte di tutti. Da parte della squadra, dell’allenatore, di tutti. Forse il rapporto tra il gruppo e il tecnico non era dei migliori, probabilmente non è mai decollato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex ds del Benevento, Salvatore Di Somma. Ventura alla...

A tu per tu

...con Moggi 15.11 - Un flop annunciato. L'Italia saluta mestamente anzitempo il Mondiale. “Mi è dispiaciuto vedere la faccia di Ventura in conferenza e le lacrime dei giocatori", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dg della Juventus, Luciano Moggi. L'epilogo era scritto. "Si. E per questo trovo ingeneroso...

A tu per tu

...con Tavano 14.11 - L’Italia non va al Mondiale. Il doppio confronto con la Svezia non ha dato i frutti sperati. Niente Russia. “Incredibile”, commenta a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Diego Tavano. “Dispiace troppo, siamo una nazione - prosegue Tavano - con una potenzialità enorme ma che non...

A tu per tu

...con Stellone 13.11 - “La serie B?!È un campionato più concentrato rispetto agli altri anni. Potrebbero esserci due sorprese come Cremonese e Venezia ma è già successo che altre squadre neopromosse abbiamo fatto bene subito”. Così a TuttoMercatoWeb Roberto Stellone fa le carte al campionato di serie B....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.