VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

TMW Mob
A tu per tu

...con Malesani

“Napoli, occhio al Feyenoord. Inter, per lo Scudetto ci sei. Genoa, bravo Ballardini. Il Milan e il gol di Brignoli, capiterà tra cinquant’anni... fiducia in Gattuso. Italia, io sto con Ventura. Vorrei allenare una Nazionale”
06.12.2017 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 12274 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

“Il Napoli contro il Feyenoord? Formalità è una parola che per la Champions non va mai bene. Ma se il Napoli è concentrato e gioca ai suoi livelli può farcela”. Così a TuttoMercatoWeb Alberto Malesani fa le carte alla partita di questa sera tra il Napoli e il Feyenoord.

Il Feyenoord delude anche in campionato.
“Si, sono finite le sfornate di grandi campioni. Devono ricostruirsi un po’. Poi gli stranieri vanno sempre meno a giocare lì. Però la partita secca è diversa dal campionato. Bisogna sempre stare con le antenne dritte”.

La sconfitta contro la Juve può avere tolto delle certezze?
“Se c’è una cosa che il Napoli non ha perso è proprio la consapevolezza in se stesso. Non è uno scandalo perdere. Magari il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto. Gli azzurri hanno giocato una bella partita, hanno le loro certezze”.

E i bianconeri?
“Basta che non vincano una partita e si dice che non sono solidi. Ma sono a due punti dalla prima che sarebbe l’Inter. Hanno agguantato il Napoli e sono a poco dai nerazzurri. Sono sempre lì, a lottare. Sono umani anche loro, poi Allegri è una garanzia”.

La prossima di campionato è Juve-Inter.
“Come a Napoli la Juve ci sarà. Non è una passeggiata andare a Torino, per l’Inter sarà un banco di prova importante”.

Inter da Scudetto?
“Beh, direi di sì. L’allenatore è bravo, giusto provarci. Spalletti ha saputo motivare l’ambiente che era depresso, ha rivalutato i giocatori che erano già in casa. L’Inter può giocarsela per lo Scudetto”.

Il suo ex Genoa è rinato.
“Bravo Ballardini a dare la svolta. Va anche detto che il Genoa non ha niente a che spartire con la zona retrocessione, credo sia normale la sua risalita”.

Il Milan a Gattuso: la prima non è andata bene. E ha fatto gol persino Brignoli.
“Quando un ambiente non è rilassato sono cose che capitano. Magari un’altra cosa del genere capiterà tra cinquant’anni. Sono quelle annate un po’ così. Il Milan non riesce a fare quello che ha fatto l’Inter, cioè il salto di qualità. Non è una questione di un allenatore o un giocatore o una situazione generale. All’inizio sembrava che le cose potessero andare bene, poi si è bloccato qualcosa. Il Milan ha bisogno di entusiasmo. Gattuso è stato un grande giocatore, ha la maglia rossonera addosso. Ha qualcosa in più per questo, conosce tutte le sfumature. E quindi credo possa fare bene”.

Per il Benevento un punto di ripartenza?
“Ripartirà, ma un punto in quindici partite è un’impresa titanica. In chiave salvezza la vedo complicata, ma non si sa mai. Il Crotone insegna”.

L’Italia e la figuraccia al Mondiale: da fuori, che idea s’è fatto?
“Determinate cose bisognerebbe viverle da dentro. Si fa presto a giudicare. Le sconfitte non hanno padri. Si gioca a scaricabarile. Facile additare qualcuno, non mi sento di dare giudizi. Mi dispiace molto per la nostra Nazionale, perché un Mondiale senza l’Italia non è bello. So quanto è difficile fare l’allenatore, quindi non mi sento di fare come tutti che hanno sparato contro Ventura, che è stato scelto mica è andato lì a caso. A volte bisogna capire i criteri con cui si sceglie una persona. Sono molto solidale nei suoi confronti”.

E lei, mister?
“Mi piacerebbe allenare una Nazionale. Ma è difficile per mille motivi. A volte la Nazionale è anche un fatto politico, bisogna conoscere tutto quello che le gira intorno. Il campo mi manca. Ma siccome di errori ne ho fatti tanti a scegliere determinate squadre per mille motivi, sono stato un po’ limitato dai risultati. E nel calcio si guarda più all’immediato che al passato”.

Programmi per il futuro?
“Mi piace aggiornarmi, vedere, capire. A me il calcio piace in maniera viscerale. Qualcosa farò...”.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Bergodi 11.12 - “La Lazio mi sembra una squadra quadrata, che gioca un buon calcio. Ma deve sfruttare la partita di oggi per continuare il cammino”. Così a TuttoMercatoWeb Cristiano Bergodi fa le carte alla partita di questa sera tra Lazio e Torino. Per la Lazio una grande chance. “Deve sfruttare...

A tu per tu

...con Salerno 10.12 - Nicola Salerno torna in pista. Dopo l’esperienza turbolenta di Palermo, il dirigente di Matera riparte da Brescia. Il curriculum degli ultimi anni racconta di Serie A e Inghilterra. Ma quando arriva la chiamata di Cellino è impossibile dire di no. “Con il presidente c’eravamo già...

A tu per tu

...con Bergomi 09.12 - “L’Inter è una squadra consapevole, non dovesse perdere darebbe un segnale importante. Anche perché nel girone di ritorno le partite contro le altre squadre importanti saranno tutte a Milano. A Torino l’Inter se la gioca”. Così a TuttoMercatoWeb Giuseppe Bergomi fa le carte alla partita...

A tu per tu

...con Carli 08.12 - “Il Napoli? Hanno tenuto in vita un sogno, ma quando hanno capito che dall’altra parte stavano 2-0 la testa non ce l’ha fatta. Era un’impresa, purtroppo la sconfitta in Ucraina ha pesato. Ma il Napoli è stato sfortunato anche con il sorteggio”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex dg dell’Empoli,...

A tu per tu

...con Budan 07.12 - “Il Milan con Gattuso, che conosco dai tempi di Palermo, avrà voglia di fare la prima vittoria. Che sia campionato o coppa, dopo il pareggio particolare di domenica scorsa, il Milan deve vincere. Il nuovo Milan ha bisogno di un grande lavorare da parte del suo allenatore e qualsiasi...

A tu per tu

...con Malesani 06.12 - “Il Napoli contro il Feyenoord? Formalità è una parola che per la Champions non va mai bene. Ma se il Napoli è concentrato e gioca ai suoi livelli può farcela”. Così a TuttoMercatoWeb Alberto Malesani fa le carte alla partita di questa sera tra il Napoli e il Feyenoord. Il Feyenoord...

A tu per tu

...con Modesto 05.12 - “Niente da chiedere? Si, ma la prepariamo come tutte le partite di Champions, siamo fuori da tutto ma dobbiamo onorare la maglia. E giocare contro la Juventus è sempre un grande stimolo”. A TuttoMercatoWeb parole firmate Francois Modesto, vecchia conoscenza del calcio italiano e oggi...

A tu per tu

...con Perinetti 04.12 - “Ci stiamo ritrovando, stiamo dando continuità. E anche il risultato in Coppa Italia dimostra che tutto il gruppo segue il mister”. Così a TuttoMercatoWeb il direttore generale del Genoa, Giorgio Perinetti in vista della partita di questa sera contro l’Hellas Verona. Stasera la...

A tu per tu

...con Canovi 03.12 - “La Lazio ultimamente m’è sembrata un po’ appannata, non che la Samp sia reduce da un risultato brillante ma in casa è favorita. Qualche settimana fa avrei visto favorita la Lazio...”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Dario Canovi. E la Samp? “In casa è temibile,...

A tu per tu

...con Lupo 02.12 - Il Palermo all’esame Venezia. “Sarà una partita molto complicata, il Venezia è solido da un punto di vista tattico, strutturale e atletico. Troveremo un campo pesante in virtù del clima di questi giorni e il loro allenatore è scrupoloso e meticoloso. E la classifica del Venezia non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.