VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
A tu per tu

...con Perinetti

"Determinati per la serie A. Sorpreso dalla poca presenza dei tifosi, il sistema non va. Munoz vuole rinnovare, per Viviano decide l'Arsenal, Lores ha qualità. Tutto sui nostri giovani. Problemi per Dybala in U.21. Sassuolo? Un pesce d'aprile"
04.04.2014 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 14099 volte
© foto di Vincenzo Blandino

Un piede in serie A. Per il salto finale manca ancora un po'. Il Palermo mantiene le distanze dalle inseguitrici. E questa sera al Barbera arriva l'Avellino di Rastelli. Avellino che ha fatto pace con i tifosi e che in trasferta s'è spesso dimostrato ostico per gli avversari. Ne parla a TuttoMercatoWeb il direttore dell'area tecnica del Palermo, Giorgio Perinetti, il quale si pronuncia anche sulle voci che lo accostano al Sassuolo per la prossima stagione. Con un occhio alla squadra rosanero che verrà e ai giocatori patrimonio del Palermo prestati ad altre squadre. Da Lores al Bari a Viviano all'Arsenal. Fino ai giovani Bollino e Goldaniga, che stanno facendo esperienza a Pisa dopo stagioni importanti con la Primavera.

Perinetti, il Palermo è già in serie A?
"Non per la matematica, ma la squadra è determinata che ha fatto prestazioni importanti e ha dimostrato di saper soffrire. Abbiamo la consapevolezza di una squadra determinata a raggiungere l'obiettivo"

I risultati sorridono al Palermo, la partecipazione del pubblico un po' meno.
"Quando giochiamo in casa, come al solito, è preannunciato brutto tempo. Penso che sarà la copia della partita contro il Siena. Mi aspetto che lo zoccolo duro ci stia vicino. La squadra comunque sa che affronta un avversario difficile. E l'allenatore, insieme a Drago del Crotone, è tra i più positivi della categoria".

Perché questo disamore dei tifosi?
"Sorprende. È legato al momento, alla serie B. Se una piazza come Palermo perde pubblico in maniera così considerevole vuol dire che il sistema calcio ha fatto degli errori. C'è da fare una riflessione ampia, a livello di sistema. Per quanto riguarda noi, a livello virtuale - sui siti e in tv - siamo molto seguiti, il problema è la presenza allo stadio: un fenomeno da studiare con attenzione. Mi preoccupa di più però che in città non si vede alcun segno di partecipazione, per esempio non ci sono bandiere appese nei balconi. E questo è un segnale che merita di essere approfondito. Vedremo cosa si può fare, è una cosa da studiare con grande attenzione".

Gattuso ha dichiarato di sentire anche suo il Palermo. Quali meriti gli riconosce?
"Ha lavorato bene con il gruppo, lo riconoscono anche i calciatori. Ha consegnato a Iachini una squadra motivata con voglia di fare. Questo è un merito che gli va riconosciuto".

Dybala e l'Under 21: quali le evoluzioni?
"Sono sorti dei problemi. La posizione è da valutare bene, sembra che non ci sia la possibilità, al momento. Non è solo un problema di cittadinanza, vanno studiate attentamente le carte. Non è semplice, dal punto di vista burocratico, rispondere ad una convocazione in Nazionale. Al momento le carte non sembrano favorevoli".

Intanto un ritrovato Vazquez. L'arma in più per la promozione?
"Lo è e lo sta dimostrando. Iachini è stato bravo a rimotivarlo. Quando il mister gli ha prospettato l'intenzione di reintegrarlo lui voleva andare via, poi ha preso coscienza e da parte sua c'è stata grande disponibilità. Ora risponde alla grande, le qualità tecniche sono di primo livello".

Giovani e di talento, due sue scoperte. Mattia Destro prima, Andrea Belotti adesso.
"I giocatori bravi si fanno vedere da soli. La loro somiglianza è quella di essere giovani, italiani e pronti a lottare per affermarsi e superare lo scetticismo che accompagna i ragazzi italiani".

Munoz e il rinnovo: settimana importante?
"È una cosa di cui dobbiamo discutere, speriamo di risolvere in breve tempo. Vogliamo tenerlo e lui vuole restare. C'è la volontà reciproca di continuare insieme".

Tra qualche mese sarà tempo di mercato, avete tanti giocatori in giro per l'Europa. Da Viviano all'Arsenal passando per Lores a Bari, Goldaniga e Bollino a Pisa, Simon in Ungheria, Sosa in Slovacchia e tanti altri.
"Sono tanti, li stiamo seguendo. Il nostro programma è migliorare lo scouting e il settore giovanile. Chi dimostrerà di crescere e avere un futuro sarà aggregato al Palermo. Ora dobbiamo pensare più alla qualità che alla quantità"

Sebastian Sosa intanto, in Slovacchia, all'Fk Senica, ha tirato la maglia al suo allenatore...
"Uno deve dimostrare di essere da Palermo dal punto di vista della qualità e anche sul piano caratteriale. Non possiamo più aspettare tanto tempo. I giocatori comunque li seguiamo tutti, da Cerniglia fino a quelli che stanno nelle categorie superiori. Ma devono essere i calciatori a farsi notare e a riproporsi per un rientro".

Tre nomi: Viviano dell'Arsenal, Lores del Bari e Bollino del Pisa. Il Palermo auspicava maggiore spazio per loro?
"Quando li abbiamo affidati alle società sì. L'Arsenal per Viviano farà le sue valutazioni per il futuro, ha un diritto di riscatto. Per quanto riguarda Lores è andato a gennaio in un contesto non facile: ma io continuo a credere che abbia qualità, è ancora giovane e ha tempo per dimostrare il suo valore. Bollino pensavo potesse fare qualcosa in più, ma c'è tempo anche per lui".

Futuro: se le dico Sassuolo?
"È una società organizzata, con una squadra in difficoltà ma che sta lottando. Quando penso alle notizie riguardo la data: era il primo aprile... mi sono dato la risposta da solo".

Quindi rimarrà al Palermo?
"Voglio arrivare a fine campionato e poi a bocce ferme valuterò, ora penso solo alla promozione del Palermo che è fondamentale per la società e da quando siamo retrocessi ho pensato solo a risalire. Al Palermo sono legato non solo dal punto di vista professionale, provo affetto per una maglia a cui ho sempre dato il massimo di me stesso. Ma dipenderà da tante cose che valuterò al momento opportuno. Ho sempre dato priorità al Palermo, altrimenti avrei avuto altre occasioni".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Rubinho 23.11 - “Vedo un campionato molto bello, divertente. Tante squadre in pochi punti e che stanno giocando bene. Lazio, Roma, Napoli... tutte squadre che rappresentano, in un modo o nell’altro, delle sorprese”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex portiere della Juventus, Fernando Rubinho. La Juve...

A tu per tu

...con Planes 22.11 - “Juventus Barcellona? Una bella partita, davvero. Il Barcellona è in un grande momento, sta ottenendo grandi risultati. Ma la Juventus in casa è una squadra davvero forte. Sarà comunque una partita molto diversa rispetto a quella di andata. Non pensate al match d’andata...”. Così...

A tu per tu

...con Battistini 21.11 - “Credo che sia stata una vergogna non aver assistito alle dimissioni immediate di Tavecchio e Ventura. Davvero, una cosa vergognosa. Tavecchio non si è presentato davanti agli organi di informazione dopo la partita, è scappato... E Ventura poi si sentiva in colpa soltanto per il risultato...

A tu per tu

...con Marchetti 20.11 - “Abbiamo tanta voglia di riscatto. Veniamo da una partita non positiva, dobbiamo mettere in campo le qualità di questi anni: grinta, cattiveria e tensione”. Parla così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo del Cittadella, Stefano Marchetti in vista della partita di questa sera contro...

A tu per tu

...con Martorelli 19.11 - “Il flop Italia? Le cose non avvengono per caso. È un malessere che ci portiamo dietro dal 2010, non si è mai voluto che la situazione cambiasse. Ci sono tanti aspetti da migliorare nel nostro sistema calcio, ma nessuno ha voglia di applicarsi questo senso”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Antonini 18.11 - Verso Napoli-Milan. Gli azzurri per continuare la marcia verso lo Scudetto, i rossoneri per cercare di risalire la china. “Sulla carta il Napoli è favorito”, dice a TuttoMercatoWeb l’ex difensore rossonero Luca Antonini. “Per convinzione, gioco, tutto, il Napoli parte in vantaggio....

A tu per tu

...con Accardi 17.11 - “Che l’Italia fosse a rischio di non qualificarsi al Mondiale era una certezza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Belle Accardi. Sul banco degli imputati l’ex ct, Ventura. “Il problema è uno: oggi tutti crocifiggono Ventura, ma è stata sbagliata la scelta di avergli...

A tu per tu

...con Di Somma 16.11 - “È stato un fallimento totale da parte di tutti. Da parte della squadra, dell’allenatore, di tutti. Forse il rapporto tra il gruppo e il tecnico non era dei migliori, probabilmente non è mai decollato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex ds del Benevento, Salvatore Di Somma. Ventura alla...

A tu per tu

...con Moggi 15.11 - Un flop annunciato. L'Italia saluta mestamente anzitempo il Mondiale. “Mi è dispiaciuto vedere la faccia di Ventura in conferenza e le lacrime dei giocatori", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dg della Juventus, Luciano Moggi. L'epilogo era scritto. "Si. E per questo trovo ingeneroso...

A tu per tu

...con Tavano 14.11 - L’Italia non va al Mondiale. Il doppio confronto con la Svezia non ha dato i frutti sperati. Niente Russia. “Incredibile”, commenta a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Diego Tavano. “Dispiace troppo, siamo una nazione - prosegue Tavano - con una potenzialità enorme ma che non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.