VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Musacchio, Kessiè, Ricardo Rodriguez e André Silva. Quale nuovo acquisto del Milan vi piace di più?
  Mateo Musacchio
  Franck Yannick Kessié
  Ricardo Rodriguez
  André Silva

TMW Mob
A tu per tu

...con Schelotto

"Mancini, dammi una possibilità. Dovevo restare al Chievo, non credevo che il mio futuro fosse legato a quello di Zukanovic. Hanno fatto del male a me e mia moglie. Ora cerco squadra..."
23.07.2015 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 38939 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Tutto fatto e poi...dietrofront. Ezequiel Schelotto è senza squadra. Fuori dai programmi dell'Inter, sembrava ad un passo dalla permanenza al Chievo Verona, poi le due società hanno deciso di inserire l'italoargentino nella trattativa di Zukanovic in nerazzurro. Trattativa saltata, Zukanovic è andato alla Sampdoria. E Schelotto cerca squadra. Intanto parla a TuttoMercatoWeb. "Sono in una situazione non bella, perché la trattativa tra Inter e Chievo era già fatta. Poi da un minuto all'altro tutto è andato in un modo diverso", dice Schelotto.

Si spieghi meglio.
"Zukanovic, che sarebbe dovuto andare all'Inter, è andato alla Samp e io così sono tornato in nerazzurro. All'Inter ho due anni di contratto ma l'allenatore ha già le sue idee. Mancini è un grande allenatore, aveva già fatto le sue scelte. Pensavo di restare al Chievo, tra un mese inizia il campionato, c'è la nuova regola dei venticinque calciatori. E se avessi saputo prima come sarebbe finita, avrei cercato di guardarmi attorno".

E adesso?
"Sono triste, non sto bene. Però devo andare avanti per la mia strada. L'Inter mi ha dato la possibilità di allenarmi, sono ad Appiano Gentile insieme agli altri che non sono andati in ritiro. Con Ausilio troveremo una soluzione al più presto. Ho rifiutato alcune offerte, di tutto, per restare al Chievo. Ora devo ricominciare da zero, voglio trovare una sistemazione al più presto e fare il ritiro".

Sarebbe troppo chiedere una possibilità a Mancini?
"Ho fatto un grande anno a Parma, siamo andati in Europa League e ho giocato tanto. Al Chievo ho giocato bene anche in un ruolo nuovo. Se Mancini mi desse la possibilità sarei la persona più felice del mondo, l'Inter è una grande squadra e ci sono tanti calciatori. Se al ritorno dal ritiro sarò ancora qua, mi farebbe piacere avere una possibilità".

Il Chievo intanto si muove sul mercato.
"È una bella società, hanno fatto acquisti importanti e sono arrivati giocatori come Castro. Poi è rimasto Birsa, speravo di rimanere anche io...".

Tutta colpa di Zukanovic.
"No, lui è un bravissimo ragazzo. Ha aspettato per andare all'Inter, poi non ha voluto aspettare più ed è andato alla Sampdoria. Non pensavo di rientrare nella sua trattativa, la mia permanenza al Chievo credevo fosse separata".

Con chi è arrabbiato?
"Non mi va di fare nomi. Ma a me e a mia moglie ci hanno fatto del male dal punto di vista umano. Ho sempre ringraziato il Chievo e i suoi tifosi che all'inizio non mi capivano bene perché avevo qualche problema fisico. Quando Zukanovic è andato via nessuno ha parlato, l'unico che sta parlando sono io perché voglio fare capire alle persone cosa sta succedendo. Per il Chievo mi sono abbassato lo stipendio, ho fatto di tutto. Le due trattative dovevano essere separate, così mi hanno fatto un danno. Sono stato due settimane a Verona aspettando una chiamata, mi dicevano che mancava qualcosa. Ho fatto tutto quello che volevano".

Ha ricevuto qualche chiamata dal Chievo per comunicarle che non sarebbe rimasto?
"Conosco la società e l'allenatore, l'anno scorso mi hanno dato molta fiducia. Continuare al Chievo sarebbe stato bello, magari chissà, tra qualche settimana.... Ma oggi l'unica persona che sta parlando di questa situazione sono io: non mi ha chiamato nessuno".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Gasparin 25.06 - Gigio Donnarumma e il Milan, trattativa in corso per il rinnovo. "Sono dalla parte del Milan, anche se ci sono delle situazioni delicate e difficili. Il potere contrattuale del calciatore è molto forte, poi c'è Mino Raiola che è un ostacolo di quelli difficili da scalare. Gigio Donnarumma...
Telegram

A tu per tu

...con Salvatori 24.06 - "Sarà un mercato in cui si metteranno tutte in competizione per contrastare la corazzata Juventus, Roma e Napoli saranno competitive. Chi ha più da lavorare sono le milanesi". Così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo Fabrizio Salvatori, ex tra le altre di Trapani, Bologna e Torino....

A tu per tu

...con Tami 23.06 - Un'eredità pesante - quella di Tramezzani - e il mercato che si accende. Il Lugano riparte da Pier Tami. "La squadra ha smesso da poco, la pausa è stata breve. Stiamo lavorando per completare la rosa, il tempo stringe e quindi dobbiamo fare in fretta", dice il nuovo allenatore della...

A tu per tu

...con Sannino 22.06 - "Donnarumma e il mancato rinnovo con il Milan?Un ragazzo cresciuto nel Milan, di diciotto anni, non doveva neanche pensarci. Doveva restare e basta. Ma nessuno crede più al cuore e alla maglia, avendo un agente importante come Raiola è normale che lo stesso procuratore faccia gli...

A tu per tu

...con Novellino 21.06 - "La società si sta muovendo bene, ma siamo ancora sulle verifiche. Sicuramente c'è la volontà di fare bene". Così a TuttoMercatoWeb l'allenatore dell'Avellino, Walter Novellino. Obiettivi per il prossimo anno? "Vogliamo soffrire meno dell'anno scorso. Poi strada facendo...

A tu per tu

...con Capozucca 20.06 - "Fin qui è stato protagonista il Milan, in maniera inaspettata. Mirabelli si è ben districato. Il problema Donnarumma fa passare in secondo piano tutto quello che è stato fatto, ma se valutiamo tutto il Milan ha fatto un ottimo mercato". Così a TuttoMercatoWeb l'ex ds del Cagliari,...

A tu per tu

...con Colomba 19.06 - "Donnarumma e il caso scoppiato al Milan? Secondo me l'errore è stato commesso in passato: quando si ha un legno grezzo non bisogna arrivare all'ultimo. Si sa benissimo come vanno le cose al giorno d'oggi, le bandiere non esistono più. La festa di Totti è la prova che la gente ha...

A tu per tu

...con Antonini 18.06 - Tiene banco il caso Donnarumma. "Io avrei firmato in bianco, il mio approccio è diverso. Il mio procuratore avrebbe potuto dirmi qualunque cosa, ma io avrei firmato. Stiamo parlando del Milan", dice a TuttoMercatoWeb l'ex difensore rossonero Luca Antonini. Critiche e tanto...

A tu per tu

...con Marino 17.06 - Caso Donnarumma al Milan. Nessuna voglia di rinnovare, un futuro tutto da scrivere. "Me l'aspettavo, il proprietario del cartellino è Donnarumma mica il Milan: quando arrivi ad un anno della scadenza, che poi sono sei mesi perché a gennaio puoi firmare per un'altra squadra, sei praticamente...

A tu per tu

...con Di Carlo 16.06 - "È stata un'esperienza positiva, centonove punti in un anno e mezzo non sono bastati per arrivare al sogno serie A. Ma il lavoro svolto è stato positivo". Così a TuttoMercatoWeb Domenico Di Carlo sulla sua esperienza allo Spezia che si è da poco conclusa ufficialmente. Rimane...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.