VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
A tu per tu

...con Valdifiori

"Finalmente in A, ora me la tengo stretta. Un onore le parole di Galliani. Milan? Un sogno. Simpatizzavo Juve e studio da Pirlo. A gennaio mi voleva il Chievo: prima salvo l'Empoli, poi penserò al futuro"
21.02.2015 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 17278 volte
© foto di Federico De Luca

Un anno da protagonista in serie A, magari per poi spiccare il volo. Destinazione grande club. Mirko Valdifiori, centrocampista dell'Empoli, è nel mirino del Milan. A suffragare quest'interesse le parole di stima di Adriano Galliani. Valdifiori, metronomo della squadra di Sarri, parla a TuttoMercatoWeb delle sue prospettive future. Con la testa ben salda e concentrata al presente. Un presente che si chiama Empoli. "Eravamo partiti come una candidata alla retrocessione, invece stiamo lottando domenica dopo domenica", ammette Valdifiori. "Stiamo stupendo in campi difficili come all'Olimpico. E abbiamo messo in difficoltà il Milan. Il nostro fin qui è un percorso importante, c'era tanto scetticismo nei nostri confronti, ma da parte nostra anche tanto entusiasmo e tanta voglia di metterci alla prova".

Per lei è il primo anno di A.
"Finalmente dopo anni di sacrifici ho raggiunto la serie A. Ora voglio tenermela stretta".

Che effetto le fanno le parole di apprezzamento di Galliani?
"Una grandissima soddisfazione, un onore. Galliani è un uomo di calcio importante, in questi anni ha vinto tutto: dai campionati alla Champions League. Sentirgli dire che apprezza Valdifiori è motivo d'orgoglio. Ma devo stare concentrato e pensare al campo".

A gennaio lei, era finito nel mirino del Chievo. La prossima partita sarà proprio contro i gialloblù.
"Sì, ma parlando con la società non c'erano i presupposti per andare via da Empoli. Qui ho sposato il progetto. Ho raggiunto la promozione, non volevo andare via a metà dell'opera".

Dove si vede in futuro?
"Prima salvo l'Empoli, poi vedremo".

Ok, pensiamo alla partita contro il Chievo: pronto?
"Sarà una sfida salvezza, dobbiamo essere consapevoli che è una partita importante. Ma non carichiamola, sappiamo che se andiamo in campo troppo tesi magari non riusciamo ad esprimere quanto fatto fino ad ora. Il Chievo durante il mercato di gennaio ha fatto qualche investimento importante, quindi affrontiamolo da Empoli. Con umiltà"

La sua squadra dei sogni, da piccolo?
"Simpatizzavo per la Juventus, come mio papà. Ma non sono mai stato un tifoso. Avevo un idolo: Veron, tifavo per le squadre dove andava lui. Non ho una squadra del cuore, sono sempre stato un grande amante del calcio, ma mai un tifoso".

Il suo idolo?
"Pirlo. Il numero uno al mondo nel suo ruolo, è un giocatore da ammirare. Cerco di apprendere qualosa, ma di Pirlo ce n'è uno solo".

Chiuda gli occhi per un secondo: come s'immagina con la maglia del Milan?
"Mi sembra tutto un sogno. Anche le prime partite in serie A lo erano. Oggi le voci sul Milan sono solo sogni, discorsi. La realtà adesso è l'Empoli e devo rimanere concentrato sulla mia squadra. Se chiudi gli occhi sogni. E i sogni ti portano ovunque. Ma devi rimanere sempre sul pezzo. Il Milan è un sogno, ma penso al campo. Sentire il proprio nome accostato a certe squadre è il sogno di una vita. Tutti i ragazzi sognano di indossare maglie prestigiose. Ma alla fine io ho fatto venti partite in serie A, devo ancora migliorare. La strada è lunga".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Marchetti 20.11 - “Abbiamo tanta voglia di riscatto. Veniamo da una partita non positiva, dobbiamo mettere in campo le qualità di questi anni: grinta, cattiveria e tensione”. Parla così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo del Cittadella, Stefano Marchetti in vista della partita di questa sera contro...

A tu per tu

...con Martorelli 19.11 - “Il flop Italia? Le cose non avvengono per caso. È un malessere che ci portiamo dietro dal 2010, non si è mai voluto che la situazione cambiasse. Ci sono tanti aspetti da migliorare nel nostro sistema calcio, ma nessuno ha voglia di applicarsi questo senso”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Antonini 18.11 - Verso Napoli-Milan. Gli azzurri per continuare la marcia verso lo Scudetto, i rossoneri per cercare di risalire la china. “Sulla carta il Napoli è favorito”, dice a TuttoMercatoWeb l’ex difensore rossonero Luca Antonini. “Per convinzione, gioco, tutto, il Napoli parte in vantaggio....

A tu per tu

...con Accardi 17.11 - “Che l’Italia fosse a rischio di non qualificarsi al Mondiale era una certezza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Belle Accardi. Sul banco degli imputati l’ex ct, Ventura. “Il problema è uno: oggi tutti crocifiggono Ventura, ma è stata sbagliata la scelta di avergli...

A tu per tu

...con Di Somma 16.11 - “È stato un fallimento totale da parte di tutti. Da parte della squadra, dell’allenatore, di tutti. Forse il rapporto tra il gruppo e il tecnico non era dei migliori, probabilmente non è mai decollato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex ds del Benevento, Salvatore Di Somma. Ventura alla...

A tu per tu

...con Moggi 15.11 - Un flop annunciato. L'Italia saluta mestamente anzitempo il Mondiale. “Mi è dispiaciuto vedere la faccia di Ventura in conferenza e le lacrime dei giocatori", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dg della Juventus, Luciano Moggi. L'epilogo era scritto. "Si. E per questo trovo ingeneroso...

A tu per tu

...con Tavano 14.11 - L’Italia non va al Mondiale. Il doppio confronto con la Svezia non ha dato i frutti sperati. Niente Russia. “Incredibile”, commenta a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Diego Tavano. “Dispiace troppo, siamo una nazione - prosegue Tavano - con una potenzialità enorme ma che non...

A tu per tu

...con Stellone 13.11 - “La serie B?!È un campionato più concentrato rispetto agli altri anni. Potrebbero esserci due sorprese come Cremonese e Venezia ma è già successo che altre squadre neopromosse abbiamo fatto bene subito”. Così a TuttoMercatoWeb Roberto Stellone fa le carte al campionato di serie B....

A tu per tu

...con Colantuono 12.11 - “La sorpresa? La Lazio, ma non più di tanto. Sulla scia di quanto fatto l’anno scorso comunque mi aspettavo una squadra del genere. Chi costruisce la squadra - Tare e Lotito - difficilmente sbaglia. Guardate cosa hanno fatto i biancocelesti l’anno scorso...”. Parla così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Quaison 11.11 - Un’avventura positiva, tutta da continuare a vivere. Robin Quaison a gennaio dell’anno scorso ha sfiorato la Juventus. “Ma a queste cose non penso, se ne occupa il mio agente”, dice l’ex Palermo - oggi al Mainz - a TuttoMercatoWeb. Come procede al Mainz? “Sto imparando la lingua...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.