VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
A tu per tu

...con Viviano

"L'Arsenal mi ha arricchito, ma ora voglio giocare. Palermo, ho un debito con te e se mi vuoi torno. Fiorentina? Montella ha fatto altre scelte, ora tifo per Neto"
05.06.2014 00:00 di Alessio Alaimo  Twitter:    articolo letto 24918 volte
© foto di Federico De Luca

Emiliano Viviano vuole tornare protagonista. Dopo l'esperienza all'Arsenal dove praticamente non ha quasi mai timbrato il cartellino, il portiere toscano di proprietà del Palermo aspetta una nuova occasione, questa volta per tornare a difendere i pali da protagonista. E l'occasione potrebbe anche concedergliela il Palermo, se Stefano Sorrentino dovesse lasciare i rosanero. A TuttoMercatoWeb Viviano parla tra passato, presente e futuro. Un futuro ancora da scrivere, magari per riconquistare anche la Nazionale.

Viviano, è reduce da un'esperienza all'Arsenal. Come è andata?
"È stata bella, perché ha arricchito il mio bagaglio. Ma dal punto di vista professionale non è andata benissimo. Comunque bisogna saper prendere i lati positivi da ogni situazione. È stata una bella esperienza".

Chi la sorpresa?
"Ramsey è quello che mi ha stupito di più, non credevo fosse così forte. Ho legato un po' con tutti, i ragazzi mi adoravano. I più simili a noi come mentalità sono gli spagnoli".

Che differenze ha notato tra la Premier e la serie A?
"Dal punto di vista organizzativo è tutto un altro mondo, ma ci sono aspetti in cui è meglio l'Italia. Professionalmente siamo più avanti, questo è il motivo per cui la nostra Nazionale va meglio".

A proposito della Nazionale, quest'esperienza all'Arsenal, dove non ha mai giocato, l'ha messa fuori gioco per la maglia azzurra.
"La Nazionale è un punto di arrivo in base alle prestazioni sul campo. Il calcio è fatto di anno in anno, faccio il mio esempio: alla Fiorentina ho giocato trentacinque partite e l'anno dopo mi sono ritrovato a non giocare neanche una partita. Ogni anno va vissuto singolarmente. Bisogna pensare sempre al presente e basta".

Intanto le scelte di Prandelli fanno discutere: fuori Rossi e Destro, dentro Insigne.
"Mi dispiace per Rossi, se è in forma è il giocatore italiano più forte che ci sia. Ma Prandelli fa le sue scelte. Io Giuseppe lo avrei portato, ma non so quali siano le motivazioni dell'esclusione. Non si possono portare tutti: Immobile è il capocannoniere, Cassano ha un ruolo diverso e per quanto riguarda Destro, beh, magari il ct ha preferito Insigne che può ricoprire più ruoli".

Per lei adesso un futuro da scrivere: il suo cartellino è di proprietà del Palermo, potrebbe restare rosanero?
"Queste cose si fanno sempre in due, con il Palermo ho avuto una storia particolare: sei mesi, poi sono andato alla Fiorentina ed è andata come è andata. Poi l'anno scorso c'era la B di mezzo. Sono disponibile a tutte le soluzioni. Se il Palermo vuole io ci sono. Ma bisognerà valutare ogni situazione. Non ho parlato con nessuno della società visti gli ultimi avvicendamenti. Ho una certa coerenza: se una società ti paga devi rispettarla, al di là della decisione. Quando sono andato alla Fiorentina la possibilità era buona per il Palermo e per me, l'anno scorso bisognava tagliare i costi perché la squadra era in serie B, ma ora se mi richiamano sono a disposizione".

E il Bologna? La cessione di Diamanti è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso.
"Hanno distrutto una squadra che aveva fatto bene. Non sta a me giudicare di chi siano le colpe, ma il Bologna a livello di storia è la quarta-quinta piazza dìItalia. Chi giudica da fuori non mi piace mai: bisognerebbe essere dentro, ma i risultati sono obiettivi e se il Bologna è retrocesso qualcuno deve pur avere delle colpe".

A lei intanto pensa anche la Sampdoria.
"È tutto prematuro, devo rispettare il Palermo: se mi chiedono di restare ci sono, non farei casino per andare via, non l'ho mai fatto. Ho tanti difetti ma dico sempre quello che penso: la società che mi paga è il Palermo, devo rispettare e accettare le decisioni. Anzi, al Palermo non posso che dire grazie: forse è l'unica società con la quale sono in debito".

In questi anni ha girato molto...
"Due anni a Bologna, poi l'Inter e mi sono rotto il ginocchio. Poi sono andato al Palermo e da lì alla Fiorentina, infine la retrocessione dei rosanero e quindi il mio passaggio all'Arsenal. Dal prossimo anno mi aspetto di giocare con continuità per dimostrare che se ero il portiere della Nazionale dopo Buffon un motivo ci deve pur essere".

Perché non è rimasto alla Fiorentina? Neto non ha dato molte certezze...
"Probabilmente le idee dell'allenatore erano diverse. Mi è dispiaciuto, ci sono delle decisioni che vanno rispettate. Per quanto riguarda Neto è un bravissimo ragazzo e un buon portiere. Ma il lavoro del portiere è anche in base alla squadra, Neto non ha disputato una stagione negativa: la mia non era una battaglia con lui, mi sarebbe piaciuto rimanere per i motivi che tutti sanno. Ma adesso è il portiere della Fiorentina, faccio il tifo per lui".

Le piacerebbe restare in Premier?
"Da un certo punto di vista sì, ma sono tutte valutazioni che dovrò fare con la mia famiglia. Non escludo niente nella vita, dipende. E mi rimetto alla decisione del Palermo".

Uno sguardo al Mondiale: come vede l'Italia?
"Eliminarla è sempre difficile, dipenderà dagli avversari che si trovano. Può succedere di tutto: possiamo perdere contro la Nuova Zelanda di turno oppure vincere il Mondiale, siamo fatti così. E nelle difficoltà troviamo sempre una soluzione".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie A tu per tu
...con Planes 22.11 - “Juventus Barcellona? Una bella partita, davvero. Il Barcellona è in un grande momento, sta ottenendo grandi risultati. Ma la Juventus in casa è una squadra davvero forte. Sarà comunque una partita molto diversa rispetto a quella di andata. Non pensate al match d’andata...”. Così...

A tu per tu

...con Battistini 21.11 - “Credo che sia stata una vergogna non aver assistito alle dimissioni immediate di Tavecchio e Ventura. Davvero, una cosa vergognosa. Tavecchio non si è presentato davanti agli organi di informazione dopo la partita, è scappato... E Ventura poi si sentiva in colpa soltanto per il risultato...

A tu per tu

...con Marchetti 20.11 - “Abbiamo tanta voglia di riscatto. Veniamo da una partita non positiva, dobbiamo mettere in campo le qualità di questi anni: grinta, cattiveria e tensione”. Parla così a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo del Cittadella, Stefano Marchetti in vista della partita di questa sera contro...

A tu per tu

...con Martorelli 19.11 - “Il flop Italia? Le cose non avvengono per caso. È un malessere che ci portiamo dietro dal 2010, non si è mai voluto che la situazione cambiasse. Ci sono tanti aspetti da migliorare nel nostro sistema calcio, ma nessuno ha voglia di applicarsi questo senso”. Così a TuttoMercatoWeb...

A tu per tu

...con Antonini 18.11 - Verso Napoli-Milan. Gli azzurri per continuare la marcia verso lo Scudetto, i rossoneri per cercare di risalire la china. “Sulla carta il Napoli è favorito”, dice a TuttoMercatoWeb l’ex difensore rossonero Luca Antonini. “Per convinzione, gioco, tutto, il Napoli parte in vantaggio....

A tu per tu

...con Accardi 17.11 - “Che l’Italia fosse a rischio di non qualificarsi al Mondiale era una certezza”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Belle Accardi. Sul banco degli imputati l’ex ct, Ventura. “Il problema è uno: oggi tutti crocifiggono Ventura, ma è stata sbagliata la scelta di avergli...

A tu per tu

...con Di Somma 16.11 - “È stato un fallimento totale da parte di tutti. Da parte della squadra, dell’allenatore, di tutti. Forse il rapporto tra il gruppo e il tecnico non era dei migliori, probabilmente non è mai decollato”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex ds del Benevento, Salvatore Di Somma. Ventura alla...

A tu per tu

...con Moggi 15.11 - Un flop annunciato. L'Italia saluta mestamente anzitempo il Mondiale. “Mi è dispiaciuto vedere la faccia di Ventura in conferenza e le lacrime dei giocatori", dice a TuttoMercatoWeb l'ex dg della Juventus, Luciano Moggi. L'epilogo era scritto. "Si. E per questo trovo ingeneroso...

A tu per tu

...con Tavano 14.11 - L’Italia non va al Mondiale. Il doppio confronto con la Svezia non ha dato i frutti sperati. Niente Russia. “Incredibile”, commenta a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Diego Tavano. “Dispiace troppo, siamo una nazione - prosegue Tavano - con una potenzialità enorme ma che non...

A tu per tu

...con Stellone 13.11 - “La serie B?!È un campionato più concentrato rispetto agli altri anni. Potrebbero esserci due sorprese come Cremonese e Venezia ma è già successo che altre squadre neopromosse abbiamo fatto bene subito”. Così a TuttoMercatoWeb Roberto Stellone fa le carte al campionato di serie B....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.