HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Accadde Oggi...

3 giugno 2002, doppio Vieri e l'Italia liquida l'Ecuador del falso mito De la Cruz

03.06.2018 04:00 di Gaetano Mocciaro  Twitter:    articolo letto 16340 volte
3 giugno 2002, doppio Vieri e l'Italia liquida l'Ecuador del falso mito De la Cruz

Il 3 giugno 2002 l'Italia di Giovanni Trapattoni fa il suo esordio ai Mondiali di Giappone e Corea del Sud. Primo avversario l'Ecuador, teatro della sfida il Sapporo Dome, impianto che ha la particolarità di essere completamente coperto. I giorni di preparazione alla partita saranno ricordati per l'assurdo mito legato a un giocatore dei sudamericani, Ulises de la Cruz, terzino che gioca in una squadra di medio livello scozzese e indicato come pericolo numero uno degli azzurri. La partita in verità si rivela una passeggiata per la Nazionale che chiude già i conti in meno di mezz'ora con Christian Vieri. Sembra l'inizio di una splendida cavalcata per l'Italia, data tra le favorite per la vittoria della Coppa del Mondo. Invece quella contro l'Ecuador sarà l'unico successo in un torneo negativo e sfortunato, chiusosi con l'eliminazione agli ottavi di finale per mano della Corea del Sud.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Probabili formazioni

Primo piano

ESCLUSIVA TMW - Carpanesi: "Allenai Spalletti 'per caso' grazie a Ventura" Tre anni. Sulle rive del Tirreno, a La Spezia. Sergio Carpanesi è uomo di mare, uomo che ha trascorso anni sui campi da gioco. Da giocatore, da tecnico. Classe '36, è stato mentore e guida di Luciano Spalletti nella sua città, con gli Aquilotti. "Luciano da giocatore era un diesel,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy