HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi è stato il migliore?
  Ciro Immobile
  Mauro Icardi
  Kalidou Koulibaly
  Milan Skriniar
  Allan
  Bryan Cristante
  Sergej Milinkovic-Savic
  Douglas Costa
  Alisson
  Paulo Dybala

Accadde Oggi...

7 giugno 1981, il rogo del Ballarin. A San Benedetto del Tronto si consuma una tragedia

07.06.2017 04:00 di Lorenzo Marucci   articolo letto 21646 volte
© foto di Dario Fico/TuttoNocerina.com

Il 7 giugno 1981 a San Benedetto del Tronto si consuma una tragedia. Quel giorno allo stadio era tutto pronto per la festa della Sambendettese per la promozione in B. Alla squadra marchigiana allenata da Sonetti sarebbe bastato un punto (contro il Matera) per salire di categoria. Allo stadio 'Fratelli Ballarin' il pubblico entusiasta aveva portato migliaia di strisce di carta da giornale da utilizzare per la coreografia. Prima dell'inizio della partita però si sviluppò un incendio nella curva sud, quella dei tifosi della Samb (forse a seguito dello scoppio di un bengala) e le fiamme divamparono anche per la massiccia presenza di carta. Gli spettatori provarono a fuggire immediatamente ma in mezzo a quella situazione imprevista e imprevedibile, nella calca, rimasero intrappolate 3500 persone, anche perché non fu trovata rapidamente la chiave del cancello che separava il campo dalla curva e l'acqua per spegnere le fiamme arrivò in ritardo. Due ragazze morirono, 64 persone rimasero ustionate e un centinaio ferite. E' la stata la più grande tragedia accaduta in uno stadio italiano. La partita - che si giocò - finì 0-0 e la Samb conquistò la promozione ma nessuno ovviamente volle festeggiare.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Altre Notizie

Primo piano

ESCLUSIVA TMW - Cremonese, cercasi ds: non solo Sogliano, spunta Rinaudo La Cremonese cerca un direttore sportivo per la prossima stagione. Sean Sogliano una delle prime opzioni, ha già lavorato con Mandorlini ed è una pista accreditata. Spunta però un outsider. Si tratta di Leandro Rinaudo, che lascerà il Venezia il 30 giugno. Ci sono stati contatti indiretti....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy