HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Altre Notizie

Burdisso: "Ero parte dell'Inter del Triplete. Messi non soffre Maradona"

10.11.2018 16:08 di Pierpaolo Matrone  Twitter:    articolo letto 6239 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Nicolas Burdisso, difensore che da poco ha detto addio al calcio giocato, ha rilasciato un'intervista a La Gazzetta dello Sport: ""Ho avuto la fascia di capitano in ogni squadra in cui ho giocato a parte l'Inter. Il motivo? Zanetti non si fermava mai".

Sul Triplete: "Mou ci provò in tutti i modi: “Non te ne andare, sarà il tuo anno”. E quando mesi dopo ci incrociammo a Roma dopo la finale di Coppa Italia, mi toccò il cuore: “Se anche lo sarà, non potremo parlare di anno perfetto perché sarai mancato tu”. Ma non ho mai avuto rimpianti, giuro, e il giorno della finale di Madrid, solo a casa mia a Buenos Aires, davanti alla tv ero sereno: mi sentivo metà tifoso dell’Inter e metà ancora parte di quella squadra. Ma lasciarla era stato necessario: lì, in quel momento, mi era quasi impossibile essere “normale”. Volevo dimostrare di essere un centrale, non un terzino, ma soprattutto dovevo ritrovare l’equilibrio che prima avevo sempre avuto, da quando me n’ero andato di casa a 13 anni".

Su Messi: "Non è vero che in nazionale Leo soffre Maradona: nel 2010 ho visto da vicino il rapporto che avevano. Il grado di emotività dell’argentino nei confronti dell’Albiceleste è spaventoso, ma quando mette la maglia dell’Argentina la sofferenza di Leo non è di identità, è calcistica: nel Barça gioca con gente che fa parte di una scuola, prima che di un club, poi è dura doversi confrontare con un progetto che cambia in continuazione: faticherebbe anche Cristiano Ronaldo. Messi non è un mio amico, perché ne ho davvero pochi nel calcio. Con lui ho anche litigato di brutto, dopo Argentina-Colombia 0-0 in Coppa America 2011, quando le nostre facce arrivarono molto vicine si mise in mezzo Gabi Milito, che giocava con lui nel Barça: “Nico, devi farla finita tu: lui quando si incazza non si ferma”. Però porto ad esempio l’umiltà di Messi, ho conosciuto giocatori nel Genoa o nel Toro che se la tirano più di lui. Ed è il migliore che ho incrociato in campo, per la qualità ma anche la quantità di cose che fa: in 21 giocano una partita, e lui un’altra".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

TMW - Cagliari, contatto per Eder Il Cagliari lavora ad un colpo di mercato in vista di gennaio. Secondo quanto appreso dal nostro direttore Michele Criscitiello, ci sono stati dei contatti tra il Presidente Giulini e Citadin Martins Eder dello Jiangsu Suning. Approcci tra le parti, un’idea che può diventare qualcosa...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy