HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato di Serie A in chiusura: qual è il vostro flop tra le big?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Altre Notizie

Claudio Nassi: Anche Schroeder lo diceva nel 2005

08.12.2017 08:43 di Redazione TMW  Twitter:    articolo letto 7296 volte
Fonte: claudionassi.com

Dal momento che sono ripetitivo, mi ha confortato una dichiarazione del 2005 dell'ex Primo Ministro della Germania, Gerhard Schroeder: "Sono contento che le società tedesche abbiano i conti in regola. Non importa se i migliori stranieri giocano in Inghilterra, Spagna e Italia. A noi va bene così". Con tutto il rispetto per Schroeder, lo scrivevo già negli anni '90 su La Nazione, in una rubrica suggerita da Sandro Picchi, e non solo. Rimango dell'avviso che ogni presidente debba fare quello che vuole, senza laccioli, ma sapere che, alla fine, i bilanci non possono andare in rosso. E per non finire in rosso si deve essere buoni amministratori, quindi capire. Facile, no? Ma un'azienda in cui i debiti la fanno da padrone, che vede scomparire il Modena a campionato in corso, con storture che non sa correggere e continuano a portarla sull'orlo del baratro, a partire dai procuratori, dalle scommesse e dall'incompetenza, non può essere gestita da "pincopalla". Il calcio ha bisogno di teste d'uovo, non di teste vuote.

Sono discorsi triti e ritriti, ma quando sento dire da Zeman, dopo l'eliminazione dal Mondiale, che "... il Presidente Tavecchio non va in campo", cascano le braccia. Non è la testa che fa muovere gambe e braccia come si conviene? Se le cose non vanno, si cambia. E' il minimo. E si parte dall'alto. Se si pensa che la causa sia solo Ventura, saremo punto e a capo. Purtroppo assisteremo alla solita strategia del burattinaio: arriverà un C.T. gradito ai media, che sappia reggere un titolo in prima pagina, magari Ancelotti, e tutto si appianerà.

Nel frattempo si legge che nelle "rose" della Serie A, formate da 555 calciatori, 296 sono stranieri, oltre il 54%, per non parlare delle serie inferiori, e viene da chiedersi se il calcio vedrà in campo, nel futuro, qualche italiano. Dal momento che pensiamo di essere sempre i migliori e di non aver niente da imparare, risponderanno che si è già provveduto con l'iniziativa dei Centri Federali. Eppoi rispolvereranno la vecchia idea delle seconde squadre e tutto si risolverà a breve. Non siamo i più bravi? Peccato la realtà inviti a contare i cocci, faccia temere che al peggio non c'è mai fine e la rivoluzione che dovrebbe partire, sul piano tecnico, da Coverciano, ormai un ricordo del Centro di un tempo, rimarrà un sogno, come le società con i conti a posto e i procuratori ridimensionati e regolamentati. Per adesso accontentiamoci di vedere, accomodati in salotto, il Mondiale di Russia 2018 senza l'Italia.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Europa

Primo piano

...con Catellani “La sessione di Ferragosto non mi trova molto d’accordo, da organizzatore però non abbiamo trovato problematiche. Ma è stato un deficit importante aver fatto il mercato nei giorni di Ferragosto”. Così a TuttoMercatoWeb l’operatore di mercato Fulvio Catellani di Play in Sport, società...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy